PAGELLE/ Roma-Bari (1-0): la cronaca, i voti e il tabellino (sedicesima giornata)

- La Redazione

I giallorossi passano all’Olimpico grazie ad un gol di Juan. Annullata una rete a Borriello, rigore sbagliato per capitan Totti

juan_R375x255_29mag09
Juan (Ansa)

NOSTRO INVIATO A ROMA

Bentornati tre punti in casa Roma. Dopo il pari di Chievo, ecco la vittoria direttamente all’Olimpico (30 mila i presenti) dove i giallorossi di Ranieri sono scesi per l’ultima volta nel 2010. Tra il freddo pungente e la pioggia decide un gol di Juan, pesano invece il rigore sbagliato da capitan Totti nel primo tempo e la rete annullata a Borriello nella ripresa. Un Bari incerottato (out 10 titolari) prova a rispondere al vantaggio giallorosso ma i padroni di casa tengono botta, seppur senza fuochi d’artificio e con un gioco ai limiti della sufficienza. Ora il Milan è a meno 10, ad una settimana dal big match di San Siro.

La gara comincia senza grandi emozioni con il Bari che, infarcito di ragazzini e seconde linee volenterose, prova a scardinare i meccanismi difensivi giallorossi. I padroni di casa rispondono poco dopo con le incursioni in velocità del solito Jeremy Menez. Ma al 20′ ecco la grande occasione: Rinaldi trattiene vistosamente Borriello e l’arbitro assegna un rigore ai giallorossi. Sul dischetto va capitan Totti (ne ha già segnati 3 in questa stagione) che però si fa imbambolare da Gillet. Dieci minuti dopo arriva il gol del vantaggio: Juan raccoglie un pallone sugli sviluppi di un calcio di punizione e insacca con destrezza. Nel finale di tempo, oltre a contarsi 4 ammonizioni, c’è da registrare anche una ghiotta occasione sui piedi Menez con palla di poco a lato della porta di Gillet.

Nella ripresa si rivede Doni al posto dell’infortunato Lobont. La Roma comincia senza grandi lampi, gli ospiti provano a mettere il naso nella metà campo avversaria ma tra errori e inesperienza concludono poco e niente. I giallorossi addomesticano (o addormentano?) il match per diversi miunuti senza però raggiungere il raddoppio anche a causa di un super Gillet che, in versione paratutto, ha respinto i tiri di un ispiratissimo Menez e di un sempre pericoloso Borriello. All’88esimo proprio il bomber ex Milan riceve un lancio, controlla il pallone e batte il portiere ma il suo gol viene prontamente annullato a causa di un tocco con il braccio. Episodio dubbio. Nel corso della ripresa, Ventura inserisce anche il giovane D’Alessandro (vivaio giallorosso) che prova a sostenere i suoi nella disperata ricerca del pareggio. La Roma tiene botta, soffre e alla fine si prende i tre punti contro l’ultima della classe. Sabato prossimo, invece, la visita alla capolista.

  1-0 (1-0)

 

30′ pt Juan.

 

(4-3-1-2): Lobont(1’st Doni); Cassetti, Mexes, Juan, Castellini; Greco, Simplicio, Brighi; Menez (44’st Taddei); Totti (26’st Okaka), Borriello. (N. Burdisso, Cicinho, Rosi, Pizarro). All. Ranieri.

 

(4-3-1-2): Gillet; Galasso, A. Masiello, Rinaldi, Raggi; Gazzi, Donati, Pulzetti; Strambelli (36’st Crimi); Caputo (22’st D’Alessandro), Rivas (15’st Romero). (Padelli, Cilfone, Rana, Monopoli). All. Ventura.

 

Romeo di Verona.

 

Pomeriggio freddo, terreno in discrete condizioni, spettatori 30.000. Ammoniti: Greco (R), Rinaldi (B), Raggi (B), Juan (R), Borriello (R), Cassetti (R). Angoli: 8-3 per la Roma. Al 20’pt Gillet para un rigore a Totti. Recupero: 3′ pt, 4′ st.

 

 PAGELLE ROMA

 

Lobont 6: Non è chiamato a grandi interventi, poi si fa male sugli sviluppi di un’uscita e deve lasciare il campo. Dal 1′ s.t. Doni 6: Accolto dai fischi dell’Olimpico, si guadagna gli applausi dopo alcune buone uscite.

 

Cassetti 5,5: Nervosismo e interventi sbagliati per il terzino che, nel primo tempo, ha comunque fatto buona guardia. Da segnalare anche un palo colpito nella ripresa.

 

Juan 7: Il brasiliano in versione goleador segna la rete decisiva e si cimenta nei soliti (ma preziosissimi) interventi difensivi.

 

Mexes 6,5: Quantità e qualità in difesa. Si concede pure diverse scampagnate al di là della sua metà campo.

 

Castellini 6: Diligente in difesa, propositivo sulla fascia.

 

Simplicio 6: C’è e prova a farsi sentire un po’ ovunque.

 

Greco 5: Molta passione, ma anche troppi falli e leggerezze.

 

 Brighi 5,5: Utile nel ruolo di difensore aggiunto, qualche ingenuità in mezzo al campo. Fatica a lanciare ponti per l’attacco.

 

Menez 7: Il francese è l’unico che illumina il gioco giallorosso nella ripresa. Sforna scatti, dribbling e suggerimenti senza tregua. Sfiora pure il gol in un paio d’occasioni. Dal 44′ s.t. Taddei s.v.

 

Totti 5: Il capitano sbaglia il rigore ma non si arrende. Prova il tiro e cerca i compagni in più occasioni. Brilla solo a tratti. Dal 26′ s.t. Okaka 5,5: lotta parecchio, si vede poco.

 

Borriello 6,5: Corre, si procura un rigore, riceve palloni o altrimenti se li prende. Impensierisce Gillet in due occasioni, alla terza segna un gran gol ma l’arbitro vede un suo tocco di mano e glielo annulla.

 

Ranieri 6: Tre punti, prima di tutto. Poi però c’è il gioco che arranca, ci sono poche idee tra centrocampo e attacco e alcune leggerezze difensive. In una gara tutt’altro che impossibile interpretata ai limiti della sufficienza. Sabato prossimo ci sarà il Milan, non il Bari.

 

 

PAGELLE BARI

 

Gillet 7; Galasso, Rinaldi 4,5, A. Masiello 6, Raggi 6, Gazzi, Donati, Pulzetti; Strambelli 5 (36′ s.t. Crimi s.v.); Rivas 5,5 (Dal 15′ s.t. Romero 5,5); Caputo 5 (22′ s.t. D’Alessandro 6).?A disposizione: Padelli, Monopoli, Romero, D’Alessandro, Crimi, Rana, Cilfone. All.: Ventura 6

 

(Marco Fattorini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori