ESCLUSIVA CALCIOMERCATO / Roma, Moggi: “Mexes ha già rinnovato”

- La Redazione

L’ex dg: nuova proprietà entro giugno

Mexes_R375_23_sett_2010
Il difensore giallorosso Mexes

Luciano Moggi parla in esclusiva a il Sussidiario.net della Roma, squadra di cui è stato prima consulente di mercato negli anni Settanta e poi dirigente agli inizi degli anni Novanta.

L’ex dg della Juventus, squadra in cui si trasferì nel 1994 dopo la seconda parentesi nella Capitale (diventando un acerrimo nemico dei giallorossi), rivela alcuni particolari sulla squadra di Ranieri, toccando anche la vicenda della cessione societaria ormai alle porte.

Quando avverrà il passaggio di proprietà dalla famiglia Sensi ai nuovi padroni della Roma?

La cordata è già formata, anche se c’è molto riserbo sulla trattativa e sui nomi di chi rientra nell’affare. Credo però che tutto sarà definito al massimo entro giugno. La nuova proprietà si troverà così una Roma qualificata in Champions League e pronta per essere ulteriormente rinforzata la prossima estate.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’INTERVISTA DI MOGGI SULLA ROMA

Lei è molto ottimista sui giallorossi. Eppure la partenza in campionato non è stata delle migliori…

Ranieri ha avuto qualche difficoltà all’inizio, ma se guardiamo la classifica notiamo che i giallorossi sono solo a due punti dalla Juventus. Non mi sembra una distanza siderale da recuperare per entrare nell’Europa che conta. Io sono convinto che alla fine la Roma arriverà tra le prime tre, perché ha grande qualità in rosa. E dunque andrà direttamente in Champions League.

 

Intanto a gennaio si rischia di perdere Mexes, che non ha ancora rinnovato…

Chi lo dice che il francese non abbia rinnovato? Secondo me i dirigenti della Roma e gli agenti del giocatore hanno già sistemato la cosa, ma hanno fatto tutto in gran segreto. Mexes non partirà di sicuro a gennaio e con ogni probabilità nemmeno a giugno. Resterà nella Capitale. Anche perché uno degli obiettivi dell’attuale società è cercare di tenere più in alto possibile la squadra in classifica per poter poi vendere al meglio il club. Almeno, io da uomo di calcio farei così.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori