PAGELLE/ Roma Cagliari (3-0): i voti, la cronaca, il tabellino (ventunesima giornata)

- La Redazione

I giallorossi liquidano la pratica sarda: torna in gol Totti

Totti_maglia_R400
Francesco Totti (Foto: Ansa)

Tre gol che valgono un secondo posto. La fredda serata dell’Olimpico regala gioia e punti importanti ai giallorossi di Claudio Ranieri che, davanti a quasi 30mila spettatori, liquidano la pratica Cagliari con un secco 3-0 che porta le firme di Totti, Perrotta e Menez. I padroni di casa tengono sempre la gara sotto controllo pur senza brillare con i sardi che pagano un risultato bugiardo ma mai realmente in pericolo. Per lunghi tratti il match è giocato a ritmi da minimo sindacale e il Cagliari non ne approfitta: Acquafresca è poco ispirato, Cossu sfortunato. Con i tre punti dell’Olimpico (in tribuna c’è pure Platini) i giallorossi volano a quota 38 in seconda posizione, aspettando i risultati di Lazio e Napoli.

La partita si avvia senza lampi. Il freddo avvolge l’Olimpico e addirittura la Curva Sud sembra patire le condizioni climatiche. I primi a farsi vedere sono gli uomini di Donadoni: al 5′ minuto Cossu inventa un tiro dalla distanza verso l’incrocio, ma Julio Sergio compie un miracolo e devia in corner. Il Cagliari sembra in palla e prova ad affacciarsi con i cross di Agostini ma la retroguardia giallorossa non tradisce, guidata da un Mexes sempre lucido. Al 22′ l’episodio chiave: gioco d’attacco giallorosso e cross in area a cercare de Rossi che, strattonato da Canini, cade a terra. L’arbitro Gava non ha dubbi: ammonisce il difensore e indica il dischetto. Dagli undici metri capitan Totti spiazza Agazzi e sigla il suo 250esimo gol con la maglia della Roma. I sardi abbozzano una reazione e, al 44′, sfornano un tiro velenoso di Agostini che J. Sergio non trattiene. Ma la difesa spazza.

La ripresa comincia con una lotta serrata a centrocampo: i sardi vogliono riacciuffare il risultato, Conti e Nenè sbucano a pochi passi da Julio Sergio ma non concretizzano, Acquafresca riceve palloni ma non capitalizza. Nel frattempo, siamo al 52′, Perrotta si piazza al limite dell’area avversaria e tenta il tiro: palla debole che Agazzi neutralizza senza problemi. La gara si assesta su ritmi sempre più blandi, ai limiti della noia. Al 67′ però Ranieri lucida l’argenteria d’attacco e butta nella mischia il duo Menez-Vucinic al posto di Taddei e Borriello. Al 69′ De Rossi sfiora il gol con una bomba dalla distanza che Agazzi spedisce in angolo con una parata da 10 e lode. Un giro d’orologio ed ecco il raddoppio: sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Totti, Juan colpisce di testa, Agazzi respinge ma c’è Perrotta a due passi che insacca. Festa grande e Roma più sicura di sè tanto che spinge con maggior pressione grazie alla freschezza di Menez e agli spunti di Totti. Al 90esimo il gran finale: il francesino riceve palla in area, dribbla il portiere e sigla il 3-0. L’Olimpico si spella le mani e la Roma stacca un biglietto per il Paradiso.

3-0 (1-0)

 

Totti (rig) al 22′ p.t.; Perrotta al 25′ s.t., Menez al 47′ s.t.

 

(4-3-1-2): Julio Sergio; Cassetti, Mexes, Juan, Riise, Taddei (dal 21′ st Menez), De Rossi, Simplicio, Perrotta, Totti (dal 49′ st Brighi), Borriello (dal 21′ st Vucinic) (32 Doni, 3 Castellini, 25 G. Burdisso, 87 Rosi). All. Ranieri.

 

(4-3-1-2): Agazzi, Pisano, Canini, Astori, Agostini, Biondini, Nainggolan (dal 33′ st Laner), Conti, Cossu, Nenè (dal 19′ st Matri), Acquafresca (dal 45′ st Ragatzu). (25 Pelizzoli, 3 Ariaudo, 24 Perico, 28 Magliocchetti). All. Donadoni.

 

Gava di Conegliano.

 

Angoli: 9 a 6 per il Cagliari. Recupero: 1′ e 5′. Ammoniti: Conti, Canini, Taddei, Nainggolan per gioco scorretto. Spettatori: 27mila circa.

 

PAGELLE ROMA

Julio Sergio 6: Una grande parata su Cossu ma anche un’indecisione su un tiro di Agostini.

 

Cassetti 6: Si lascia sfuggire l’avversario in qualche occasione ma si riscatta poco dopo. Buone incursioni sulla fascia. Juan 6: Ancora non al top, comunque attento e puntuale.

 

Mexes 7,5: Leader della difesa per tutti i 90 minuti. Sul finire di gara sfiora il gol con un gran colpo di testa. "Maestoso", per dirla alla Ranieri.

 

Riise 6,5: In difesa non lascia sbavature, sulla fascia aumenta la pressione anche se non riesce ad incidere. Taddei 6: Molta corsa, poca precisione nei suggerimenti offensivi. Dal 67′ Menez 7: Il francese ci mette corsa e freschezza sulla trequarti, per poi segnare con uno splendido dribbling su Agazzi. Sempre più fuoriclasse.

 

De Rossi 7: Difensore aggiunto e ispiratore delle manovre d’attacco. Capitan futuro procura il rigore e va vicinissimo al gol con una bomba dalla distanza.

 

Simplicio 6: Buona gara, qualche errore ma niente di grave. Perrotta 6,5: La sua grinta è encomiabile, il suo "lavoro sporco" pure. Segna nella ripresa e si riconferma immortale.

 

Borriello 6: Non è la sua serata migliore ma lui lotta in attacco, porta palla e sfiora il gol con una bella conclusione. Dal 67′ Vucinic 6: Aggiunge grinta e idee all’attacco.

 

Totti 6,5: Trasforma con freddezza e potenza il calcio di rigore. E’ il 250esimo gol con la maglia giallorossa. Dal 93′ Brighi s.v.: 100esima presenza in serie A.

 

Ranieri 6,5: Squadra ordinata, ben disposta in difesa anche se poco ispirata in fase di costruzione. I suoi non perdono mai il controllo della situazione e si concedono una goleada nel finale. Ora è secondo posto, si fa sul serio.

 

Agazzi 5; Pisano 6; Astori 5,5; Canini 5; Agostini 6; Biondini 6; Nainggolan 5; Conti 6; Cossu 6; Nenè 5 (Matri 6); Acquafresca 5,5; all. Donadoni 5

 

(Marco Fattorini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori