CALCIO/ Inter-Roma (Coppa Italia-Tim Cup): vietata la trasferta ai tifosi giallorossi

Il CASMS ha deciso di vietare la vendita dei biglietti ai residenti nella regione Lazio in occasione del return match di Coppa Italia tra l’Inter e la Roma.

28.04.2011 - La Redazione
Curva_Sud_Roma_r400
Curva Sud (foto Ansa)

Il CASMS ha deciso di vietare la vendita dei biglietti ai residenti nella regione Lazio in occasione del return match di Coppa Italia tra l’Inter e la Roma (1-0 per i nerazurri all’andata).

Il CASMS è un comitato che si occupa di studiare e valutare eventuali pericoli derivanti da future manifestazioni sportive, valutando possibili contromisure ed operando con il fine di diminuire i rischi.

Venne stato istituito il 15 Agosto 2008 con decreto del Ministero dell’Interno, con l’intento di limitare il crescente fenomeno della violenza nelle manifestazioni sportive ed in particolar modo negli stadi di calcio.

E cosè stato deciso che i tifosi della Roma non potranno assistere al ritorno della semifinale di Coppa Italia contro l’Inter in programma a Milano l’11 maggio.

Solo i sostenitori giallorossi in possesso della Tessera del tifoso potranno seguire la squadra a Milano.

 

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NOTIZIA DEL DIVIETO DI VENDITA DEI BIGLIETTI AGLI OSPITI IN OCCASIONE DI INTER-ROMA DI COPPA ITALAI (TIM CUP)

L Casms ha stabilito inoltre il divieto di vendita dei biglietti ai residenti nelle regioni delle squadre ospiti (escluso chi ha la ‘Tessera del tifoso’) per le partite: Palermo-Bari (7 maggio), Brescia-Catania (8 maggio), Inter-Fiorentina (8 maggio) e Lecce-Napoli (8 maggio).  Il Casms ha anche preso misure sulle gare di serie B del 7 maggio: Piacenza-Sassuolo (vendita tagliandi ai soli residenti nella provincia di Piacenza), Siena-Torino (divieto vendita ai residenti in Piemonte); Padova-Ascoli (divieto vendita ai residenti nelle Marche).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori