CALCIOMERCATO/ Roma, Ancelotti: “se mi esonerano non è un problema”

- La Redazione

La gara contro l’Everton potrebbe essere l’ultima di Carletto. Lo scorso anno vinse Premier e coppa di Lega, quest’anno non è riuscito nell’impresa di bissare quei successi.

carlo_ancelotti_primopiano_r400
Ancelotti (Ansa)

Il futuro di Carlo Ancelotti è quanto mai incerto: il tecnico del Chelsea, fino a qualche settimana fa accostato con insistenza alla panchina della Roma, ha parlato in conferenza stampa e ha fatto il punto della propria situazione futura, quanto mai incerta dopo una stagione che non ha portato i risultati sperati e attesi dal patron Abramovich. Carletto vorrebbe rimanere al Chelsea almeno un altro anno, per dare l’assalto a quella Champions League che, per gli inglesi, sta diventando una vera e propria ossessione ma, come lui stesso assicura, se invece dovesse arrivare un esonero “non sarà un problema”. La gara di domenica contro l’Everton, dunque, potrebbe essere l’ultima di Carletto a Stamford Bridge. Lo scorso anno vinse Premier e coppa di Lega, quest’anno non è riuscito nell’impresa di bissare quei successi, al termine di una stagione (che lui stesso ammette “sarebbe potuta andare meglio”) che ha indispettito il patron russo propretario del club di Londra. Ancelotti analizza così la stagione: “Siamo partiti molto bene e abbiamo finito la Premier League altrettanto bene, ma il momento negativo è durato troppo a lungo. Non è stata una stagione positiva, ma nel calcio succede di dover affrontare momenti negativi. Il mio futuro? La prossima settimana mi incontrerò con la società. Non so ancora cosa abbiano deciso, spiegherò le mie ragioni e accetterò la decisione che verrà presa. Ho ancora un anno di contratto e spero di restare, ma in caso contrario non sarà un problema”.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NEWS DI CALCIOMERCATO SU CARLO ANCELOTTI

I bookmakers, che da queste parti scommettono su qualsiasi cosa, danno per certo l’addio di Carlo Ancelotti al Chelsea, che traccia un bilancio di questi dua anni d’espereinza inglese: “Se mi avessero detto quando ho firmato per il Chelsea che in due anni avrei vinto una Premier e una Coppa d’Inghilterra sarei stato felicissimo – ha detto il tecnico – Il momento più bello è stata la vittoria dell’anno scorso in casa del Manchester United, il più brutto l’eliminazione dalla Champions quest’anno”.

Che la Roma, alla ricerca di un allenatore, faccia il tifo per un esonero che metterebbe Carletto sul mercato?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori