CALCIOMERCATO/ Roma: spunta Guardiola per il dopo Montella

- La Redazione

Le parole di James Pallotta, uno dei grandi soci della nuova proprietà della Roma, ha tranquillizato ieri i tifosi giallorossi in vista delle prossime operazioni di mercato.

gUARDIOLA_R400
Pep Guardiola (foto Ansa)

Le parole di James Pallotta, uno dei grandi soci della nuova proprietà della Roma, ha tranquillizato ieri i tifosi giallorossi in vista delle prossime operazioni di mercato: “Senza la Champions non ci sarà un problema di soldi, quelli li abbiamo – ha detto Pallotta – Il mercato? Di questo si dovrà parlare con Di Benedetto, ma sarete felici”. Queste dichiarazioni hanno infiammato una tifoseria ed un ambiente deluso dall’andamento del campionato appena conclusosi. Il primo tassello che la società dovrà collocare nella propria opera di ricostruzione è quello del nuovo allenatore, dato che Vincenzo Montella è sempre più vicino all’addio. Si è parlato tanto di Pioli, Deschamps, Garcia e Ancelotti, ma la voce nuova (e clamorosa) porta dritto all’attuale tecnico del Barcellona, che alcuni rumors di mercato spagnoli danno in partenza dalla società blaugrana.
Qualche giorno fa José Maria Orobitg, procuratore di Pep Guardiola aveva dichiarato che fino al 2012 (data dis cadenza del contratto) era intenzione del tecnico rimanere in Spagna, ma le cose adesso potrebbero essere cambiate.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NEWS DI CALCIOEMRCATO IN CASA ROMA

A rendere plausibile la notizia è stato, intervenendo ai microfoni di ReteSport, Nunzio Marchione, agente di mercato e intermediario per il calcio sudamericano, che ha detto: “Guardiola ha fatto benissimo al Barcellona, è casa sua. Non c’è nessuna persona che conosca il Barcellona meglio di lui, rimasi impressionato quando disse che è molto difficile tenere alta la tensione per tanti anni in quell’ambiente, un po’ come successe a Rijkaard. E’ rimasto legato alla Roma, parla sempre bene della Roma. Potrebbe anche succedere, la vedo più possibile se il Barcellona vincerà la Champions League. In tal modo Guardiola andrebbe via da vincitore. L’unica controindicazione è che è adorato da tutti”. Il che significa concorrenza spietata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori