CALCIOMERCATO/ Roma, Inter, Durante e Moggi: Alvarez non fà la differenza, Lamela va bene per il circo

- La Redazione

Commenti piccanti nei confronti di Ricky Alvarez e Erik Lamela, talenti argentini, acquistati in settimana dall’Inter e dalla Roma. Sull’ex Velez ha ribadito il suo pensiero il noto Durante

Lamela_River-Plate_R400
Lamela, foto Ansa

CALCIOMERCATO ROMA – Commenti piccanti nei confronti di Ricky Alvarez e Erik Lamela, talenti argentini, acquistati in settimana dall’Inter e dalla Roma. Sull’ex Velez ha ribadito il suo pensiero il noto Sabatino Durante. L’agente Fifa, uno dei massimi esperto di calciomercato sudamericano, è stato interpellato da Tuttomercatoweb, e commentando lo sbarco a Milano dell’albiceleste ha dichiarato: «Alvarez è un giocatore di qualità tecnica. Tra un anno o due potrà diventare un giocatore importante, ma oggi non lo è e non fa la differenza. L’Inter ha speso un patrimonio. Il mio pensiero, suffragato dai risultati e dai fatti, è che gli argentini siano valutati come i brasiliani, anche se non sono dello stesso livello degli ultimi menzionati». Durante ne ha anche per Lamela: «Valutare Alvarez 11 o 12 milioni di euro, visto che si tratta di un calciatore che al Velez non era titolare, oppure Lamela alla stessa cifra, è davvero eccessivo. La valutazione reale sarebbe stata pari al 50% rispetto al costo reale. Perché se, per esempio, Lamela e Funes Mori fossero dei fenomeni, il River Plate non sarebbe retrocesso. E Alvarez avrebbe vinto la Libertadores. Nulla però toglie che i due siano degli ottimi calciatori. Complimenti agli operatori di mercato argentini che sono riusciti ad ottenere, dalle due cessioni, molto di più rispetto al valore attuale dei due giocatori». Per Durante si tratta comunque di due ottimi giocatori in prospettiva: «Sono due ottimi calciatori. Lamela ha quattro anni di meno e ha dei margini di grande crescita. Mentre Alvarez è un buon giocatore di qualità, però è un ’88 e uno della sua età che non è titolare in Argentina qualche dubbio me lo lascia. Inoltre ho dei dubbi anche sulla sua collocazione tattica. Non so dove sia più bravo. Io lo vedrei alla Thiago Motta. Ma non so se sia questo il ruolo ideale». Anche Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, non è convinto delle qualità dell’esterno argentino acquistato dalla Roma: «Ci sono giocatori interessanti, come Lamela – ha esclamato in un’intervista a Radio Sportiva – con i piedi fa quello che vuole, quindi in un circo starebbe benissimo. Ora però bisogna vederlo in un campo da gioco». Promosso invece Ricky Alvarez: «Alvarez potrebbe diventare un gran giocatore, mentre Jonathan un campione».

Infine un parere sul mercato attuale della Juventus: «Aguero non è un gran nome, non è un campione che risolve i problemi di una squadra, così come non lo è Giuseppe Rossi. Alla Juventus avevamo già acquistato Cristiano Ronaldo quando aveva 17 anni. Purtroppo Salas rifiutò il trasferimento allo Sporting Lisbona. Arrivò il Manchester United, con 35 miliardi, e fece saltare la trattativa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori