CALCIOMERCATO/ Roma, Heinze e Bojan al settimo cielo, spunta Bergessio

- La Redazione

La Roma si è messa sulle tracce dell’ex-catanese Bergessio, tornato al Saint-Etienne. Grande felicità per i neoacquisti Heinze e Bojan, orgogliosi di essere arrivati in un grande club.

bojan_krkic_r400-1
Bojan Krkic (foto ANSA)

La Roma si tiene pronta in caso di partenza di Mirko Vucinic. Stando alle indiscrezioni raccolte dalla redazione sportiva di Sky, i giallorossi avrebbero messo gli occhi su Gonzalo Ruben Bergessio, tornato al Saint-Etienne dopo un prestito, piuttosto positivo, al Catania. Da gennaio in poi, l’argentino ha realizzato 5 reti in 13 presenze con la maglia degli etnei. Su Vucinic ci sono sempre Juventus e Tottenham, e Sabatini ha individuato nell’ex-catanese il sostituto ideale del montenegrino. Bergessio potrebbe andare a completare un reparto in cui brillerà la stella di Bojan Krkic, sbarcato ufficialmente alla Roma. Il giocatore, come si legge sul Corriere dello Sport, ha promesso di non dimenticare mai i colori blaugrana: “Sono e sarò sempre del Barça, ho solo vent’anni e voglio continuare a dimostrare quello che ho già dimostrato nelle occasioni che ho avuto a disposizione. La Roma mi ha voluto tanto e il suo corteggiamento in quest’ultimo mese gli ha fatto già guadagnare un pezzettino del mio cuore”. Una piccola frecciata al suo ex-club, in realtà, arriva: “Ultimamente non c’è stata molta fiducia nei miei confronti. Non ho potuto dimostrare quello che ho dentro e questo mi ha fatto male, anche se mi considero un privilegiato per aver fatto parte di un gruppo magnifico che ha vinto così tanto da trasformare il Barcellona nel miglior club del mondo”. Bando alle malinconie, però; adesso, per lui, è tempo di urlare a squarciagola: “Forza Barcellona, Forza Roma!”. Il giovane talento spagnolo dovrebbe comporre un attacco sulla carta devastante assieme a capitan Totti. In difesa invece ci penseranno i muscoli dell’argentino Gabriel Heinze a spazzare via i pericoli avversari. Il difensore, ex Marsiglia, ha espresso tutta la sua gioia per l’arrivo a Roma: “Per me vestire la maglia della Roma è un onore. Ho avuto la fortuna di giocare in grandi club, con maglie importanti. Ora mi è stata proposta questa nuova sfida e non ci ho pensato un secondo a dire sì. Sono orgoglioso di avere la chance di mettermi alla prova in questo paese e in questa squadra”. Parole di grande orgoglio per l’esperto difensore, che sarà utilissimo a Luis Enrique per la sua esperienza e la sua duttilità, visto che potrà giocare sia in mezzo che sulla fascia sinistra. “Sono appena arrivato, sono qui da un paio di giorni, non ho ancora affrontato discorsi tattici con il tecnico. Meglio centrale o esterno? Io gioco dove mi chiede di giocare il mister, io non ho problemi. Il mio obiettivo è vincere”.

Massima disponibilità, quindi, per l’argentino di sangue italiano: “Mia mamma è siciliana, è nata in un paesino chiamato Troina”. Heinze pensa solo a dare il massimo, non gli interessano nemmeno le clausole del suo contratto: “Se gioco 25 partite mi rinnovano automaticamente il contratto di un altro anno? Non lo sapevo e non mi interessa. Sono venuto qui per dare il massimo, non per le clausole”. Finale con ironia. C’era anche lui in campo all’Old Trafford in quel 7-1 rifilato dal Manchester United alla Roma: “Mi dovrò far perdonare, anche se allora dovevo dare il massimo per i Red Devils. Cercherò di riscattarmi sul campo e comunque il passato non si può cambiare”. Ora c’è un nuovo futuro per lui: un futuro tinto di giallorosso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori