CALCIOMERCATO/ Roma, Lamela è sbarcato nella Capitale: domani la firma?

- La Redazione

Lamela è sbarcato a Roma. Domani arriverà nella Capitale anche il presidente del River Plate Daniel Passarella. Il ds giallorosso Sabatini potrebbe chiudere l’affare attorno ai 10 milioni

lamelar400
Erik Lamela in azione (foto ANSA)

Erik Lamela alla Roma, ci siamo. Secondo quanto riportato da Sky Sport 24, il talento argentino sarebbe sbarcato in serata nella Capitale, esattamente alla stazione Termini; pernottamento a Trigoria, in attesa della fatidica fumata bianca. Domani potrebbe essere infatti la giornata decisiva per il suo trasferimento; si attende a Roma l’arrivo del presidente del River Plate Daniel Passarella, che dovrebbe incontrarsi con il ds giallorosso Sabatini per chiudere l’affare. Oggi l’ex-dirigente rosanero ha discusso con i Millionarios, limando gli ultimi dettagli; l’offerta sarebbe stata innalzata a 10 milioni di euro. E’ probabile quindi che già domani arrivi la firma di Lamela sul contratto che lo legherà alla Roma. Se così fosse, i capitolini avrebbero messo a segno un autentico colpaccio. “Ci piace perchè è forte e carismatico”, ha detto ieri sera Sabatini a Sky. Forte e carismatico, esattamente come Totti, o come Luis Enrique, i due personaggi più ‘illustri’ che Lamela incrocerà in quel di Trigoria. Se arrivasse anche Bojan, la Roma avrebbe un attacco assolutamente fantastico per talento, fantasia e freschezza. Si parla infatti di giocatori tanto giovani quanto talentuosi, che avevano e hanno tuttora alle loro spalle schiere di estimatori. Lamela in Argentina viene chiamato ‘el Coco’. Uno di quei soprannomi che danno i sudamericani, che non hanno troppo significato. Un significato, invece, ce l’ha la sua ascesa, che l’ha portato in breve tempo a divenire il potenziale craque del calcio argentino. Un calcio che continua ad esprimere talenti in quantità industriale ma che non vince più nulla dal lontano 1993, anno dell’ultima affermazione in Copa America. Per vedere l’ultimo Mondiale vinto, invece, bisogna tornare all’86 e all’era-Maradona. Uno di cui Lamela sogna di rinverdire le tracce, un po’ come ogni numero 10 argentino. O forse no, meglio fare un passo alla volta. La Roma ha dovuto faticare per balzare in pole. L’Inter ha appena preso Alvarez, altro obiettivo giallorosso, occorreva rifarsi. Il Napoli, che pure era in pressing, non era del tutto convinto del ‘Coco’, almeno non per l’immediato, come ha sempre fatto capire De Laurentiis. Il Milan, invece, vedeva Lamela più come pedina di scambio per arrivare ad Hamsik che altro, essendosi accaparrato un altro giovane prodigio come El Shaarawy.

La Lupa, quindi, ha approfittato delle incertezze altrui e si è posizionata in prima fila. Siamo alle battute finali. Domani Sabatini parlerà con Passarella, si conta di chiudere quanto prima. Magari potrebbe già essere il primo giorno tinto di giallorosso per il ‘Coco’. Un talento carismatico. Di quelli che fanno innamorare i tifosi. E un talent scout come Walter Sabatini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori