CALCIOMERCATO/ Roma, super-offerta del City per De Rossi

Dopo aver registrato la brusca frenata nelle operazioni per portare Kjaer alla Roma, i giallorossi devono fare i conti con il forte pressing del Manchester City di Mancini per De Rossi.

28.08.2011 - La Redazione
daniele_derossi_azione_r400
Daniele De Rossi (foto ANSA)

Non c’è pace in casa Roma; gli ultimi giorni di calciomercato si infiammano e non fanno dormire sogni tranquilli ai supporters giallorossi che, dopo aver registrato la bruschissima frenata nell’operazione per Simon Kjaer, devono ancora fare i conti con le grane interne. Il rapporto Totti – Luis Enrique sembra essersi deteriorato dopo nemmeno due mesi di convivenza, mentre le difficoltà incontrate dal diesse Sabatini nelle operazioni per il rinnovo del contratto di De Rossi continuano ad accendere le speranze del City di Mancini. La situazione riguardante capitan futuro è infatti chiara; la Roma non ha nessuna intenzione di cederlo e la nuova proprietà lo ritiene come il punto di continuità tra passato e futuro. Tuttavia le richieste del centrocampista di Ostia non rispecchiano i nuovi parametri di ingaggio imposti dalla proprietà americana e questo ha fortemente rallentato le contrattazioni. Non siamo ancora al punto di rottura definitivo, anche e soprattutto per la volontà da parte di tutte le componenti di raggiungere un accordo, questo però non vuol dire che il prolungamento sia cosa scontata. Allo stato attuale le porte per il Manchester City sono dunque semi-aperte, Mancini è disposto a fare di tutto per assicurarsi le prestazioni del centrocampista giallorossso e avrebbe già pronta l’offerta da recapitare negli uffici di Trigoria. 25 milioni di sterline, quasi 28 milioni di euro per chiudere l’affare e regalarsi il centrocampista capace di far compiere il vero salto di qualità alla sua squadra. La risposta della Roma, allo stato attuale è scontata, il centrocampista non si muove e non sarà una questione di soldi a cambiare le carte in tavola; quello che davvero può cambiare le prospettive sarebbe la definitiva rottura delle trattative tra capitan futuro e Sabatini. Solo in quel caso l’ipotesi cessione prenderebbe corpo e i quasi 30 milioni proposti dai citizens assumerebbero improvvisamente un altro significato ed un’altra valutazione. La società di Mansour sarebbe inoltre disposta ad alzare ulteriormente l’asticella inserendo nell’operazione alcuni bonus legati al rendimento della squadra di Mancini per ingolosire Thomas Di Benedetto e soci. A favore della società capitolina gioca però il tempo, mercoledì prossimo si chiuderà infatti il calciomercato e a bocce ferme la trattativa per il rinnovo potrà proseguire con maggiore tranquillità.

Mancini, dal canto suo, non molla la presa e confida in novità entro il 31 agosto. Sabatini, invece, si dice disposto a perdere il giocatore a parametro zero piuttosto che cederlo, ammesso e concesso che difficilmente si arriverà sino a questo punto, la sola idea di perdere uno dei talenti più cristallini del nostro calcio spaventa la Roma giallorossa ed un po’ tutta l’Italia calcistica.  



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori