CALCIOMERCATO/ Roma, De Rossi al PSG? Per ora niente di concreto ma… (esclusiva)

- La Redazione

Fonti esclusive vicine al Paris Saint-Germain rivelano che un giocatore come Daniele De Rossi sarebbe graditissimo nella formazione di Ancelotti, ma una trattativa vera e propria non c’è.

DeRossi_litigio
Daniele De Rossi, centrocampista della Roma (Infophoto)

Daniele De Rossi lascia la Roma? Un tormentone di calciomercato. Sembra di essere tornati ad agosto, quando il centrocampista romano era al centro dei desideri del Manchester City di Mancini e dovette indire una conferenza stampa per ribadire che da Trigoria non si sarebbe mosso. Chi ha la memoria lunga però ricorderà altri particolari del suo discorso: “Non ho mai pensato di lasciare la Roma, se e quando succederà tornerò qui e ve lo dirò”, e ancora: “Può sempre succedere che la società decida di mandarmi via”. Insomma: De Rossi ha detto nè più nè meno quello che ormai è un concetto risaputo, ovvero che in sede di calciomercato tutto è possibile. Senza inoltrarci in dettagli riguardanti sceicchi, petrodollari e grandi investimenti stranieri, basterà qui ricordare una data: quella di domenica 7 ottobre 2012. De Rossi – come Osvaldo e Burdisso – resta in panchina nella gara che la Roma vince contro l’Atalanta, che arrivava dopo l’1-4 dello Juventus Stadium. Non esattamente una gara di allenamento insomma. Sull’esclusione si è detto di tutto: scarso impegno in allenamento, forma fisica precaria… alla fine pare che la soluzione dell’enigma sia quella che porta a una discussione circa il sistema di gioco adottato da Zeman. Una diversità di vedute che ha portato alla panchina di De Rossi e degli altri due giocatori, ma per il centrocampista della Nazionale c’è l'”aggravante” dettata dal fatto che già a seguito della partita contro la Juventus c’era stata una critica al modo di giocare del tecnico boemo e alle false promesse di scudetto (“Non siamo secondi a nessuno: possiamo essere da scudetto”, aveva detto Zeman, mentre ‘Capitan Futuro’ era stato decisamente di altre vedute: “Dire che lottiamo per lo scudetto non ha senso”, e ancora: “Non sono rimasto per subire certe umiliazioni”). Già contro la Sampdoria De Rossi era rimasto fuori, poi nei 30 minuti in cui era stato impiegato aveva lasciato molto a desiderare. Ora, sembra che nelle gerarchie sia stato sorpassato da Tachtsidis (che è stato ai limiti dell’inguardabile ma non è stato sostituito). Tutto questo ha portato a nuove chiacchiere e speculazioni sul futuro di De Rossi: il Manchester City può rifarsi sotto? Se sì, già a gennaio? Un altro indizio potrebbe averlo lanciato oggi Marco Verratti, dal ritiro della Nazionale a Coverciano: “Spero che De Rossi venga al Paris Saint-Germain”. Il centrocampista della Roma a Parigi? Ipotesi affascinante, non solo a livello tecnico-tattico ma anche perché si tratterebbe dell’ennesimo calciatore italiano o impegnato in Italia a trasferirsi sotto la Torre Eiffel. Voci molto vicine al club transalpino hanno rivelato in esclusiva a Ilsussidiario.net che di concreto non c’è nulla, ma che De Rossi “sarebbe la ciliegina del centrocampo. Parliamo di un giocatore talmente bravo al quale il PSG, per il concetto che ha di rinnovamento e di raggiungimento di grandi obiettivi, può pensare come possono pensarci tutte le altre grandi società”. E il pensiero è completato da un’opinione sulla volontà della Roma: “Non penso che i giallorossi lo vogliano vendere, e soprattutto non a certe cifre”. Come a dire: 

Una trattativa non c’è e non è nemmeno stata abbozzata, ma da Parigi tengono le antenne ben rizzate in direzione Trigoria: se il problema De Rossi dovesse degenerare, Leonardo e Ancelotti sarebbero ben felici di fare una telefonata a Walter Sabatini. Il prezzo? Un De Rossi che chiede la cessione imporrebbe alla società di abbassare le pretese economiche: la storia insegna che tenersi in casa un giocatore scontento non è un grande affare. Stiamo ragionando per ipotesi, la domanda è: questo scenario può essere possibile a gennaio? Le prossime partite della Roma ci avvicineranno a una risposta. 

 

(Claudio Franceschini) 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori