CALCIOMERCATO/ Roma, De Rossi rinnova: “Scelta di testa e cuore”

5,5 milioni all’anno per le prossime 5 stagioni e senza clausola rescissoria: a queste cifre è finalmente arrivata la firma di De Rossi sul nuovo contratto con la Roma, dopo mesi di attesa. 

06.02.2012 - La Redazione
de_rossi_rinnovor400
Daniele De Rossi (Infophoto)

Finalmente è ufficiale: Daniele De Rossi ha raggiunto l’accordo con la Roma per il rinnovo del contratto. Le cifre: al giocatore andranno 5,5 milioni netti per i prossimi 5 anni, senza clausola rescissoria e con bonus legati a presenze ed obiettivi raggiunti; la società avrà diritto al 50% dei diritti d’immagine del calciatore. Lieto fine, dunque, per una delle trattative contrattuali più discusse nella storia della Roma. Durante la conferenza di stamattina a Trigoria, De Rossi ha ammesso i dubbi che hanno accompagnato il tira e molla, legati anzitutto a problemi sulla considerazione dei tifosi: “Dopo gli alti e bassi che ho avuto nell’ultima stagione, percepivo anche un disinnamoramento da parte dei tifosi. Se devo stare qui a Roma, devo stare bene ed ho pensato ad altre soluzioni. Poi c’è stato un momento nel quale mi sono immaginato altrove, con la possibilità di confrontarmi con realtà più in alto ed i giocatori più forti al mondo. Ci ho pensato. Ho parlato in maniera informale con altri club.“. Dunque confermate le indiscrezioni di calciomercato che volevano Capitan Futuro in procinto di trasferirsi all’estero, con Manchester City e Real probabilmente in prima linea. Cosa dunque ha spinto il ragazzo al fatidico sì? Anzitutto, ragioni di cuore: “La stessa cosa che mi ha sempre spinto a restare qui, la passione della gente. Qui ho tutto ciò di cui ho bisogno. Ho avuto qualche alto e basso, ma qui sto bene e mi piace poter giocare a calcio in questa squadra. Ci sono state altre richieste, altre soluzioni, ma questa per me era l’unica soluzione”.” Non meno importanti i motivi tecnici del rinnovo, legati alle speranze nel nuovo corso: “Luis Enrique è il miglior allenatore con cui abbia mai lavorato, a livello tattico e di preparazione e gestione dei ritiri. Mi valorizza molto tatticamente utilizzandomi in una posizione che amo, ed ogni sua scelta mi trova sulla stessa lunghezza d’onda, e questo non è poco. La sua presenza è stata fondamentale per la mia scelta“. Ottime notizie per il tecnico, che con un De Rossi pronto a tutto riabbraccia un perno imprescindibile del progetto. Ma quali sono le reali possibilità dei giallorossi? Il numero 16 le ha così soppesate, in un mix di realismo ed ambizione: “Tra qualche anno possiamo puntare nuovamente allo scudetto. Non è facilissimo qui a Roma. Non ho tanto tempo per aspettare ancora uno scudetto, quest’anno sapevamo di partite in seconda linea, ma per l’anno prossimo va allestita una squadra in grado di competere con le più forti. C’è ancora da maturare, ma è normale avendo una squadra giovane. La Champions? Non so, in Europa ci sono realtà enormi che sono più idonee come stadi, ricavi e rose”.” Sulle cifre del contratto: “Erano quelle che ho sempre richiesto, non volevo fare sconti sulla cifra: c’è stato qualche ostacolo ma alla fine abbiamo trovato una soluzione senza dover discutere molto“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori