CALCIOMERCATO/ Roma, per la difesa si segue Howedes. E sul rinnovo di Juan…

- La Redazione

Il calciomercato della Roma è già molto chiacchierato: la difesa va necessariamente aggiustata, e in questi giorni si stanno valutando le situazioni dei giocatori già in rosa. Sul mercato…

juan_roma_r400
Il brasiliano Juan (Infophoto)

Sappiamo fin troppo bene che la difesa della Roma andrà rinforzata in maniera significativa. Walter Sabatini ha già promesso cambiamenti nel prossimo calciomercato; intanto però, ci sono già alcuni casi da trattare con attenzione. Su Simon Kjaer si stanno già sprecando le ipotesi più disparate: l’idea forte sembra essere quella del rinnovo del prestito col Wolfsburg, per dare un’altra chances al giovane danese (ricordiamo, appena ventitreenne). Un altro elemento dal futuro quantomeno incerto è Juan, che ha purtroppo terminato la stagione anzitempo causa infortunio. Il contratto del numero 4 giallorosso scade nel Giugno dell’anno prossimo: siamo già ad un punto di non ritorno, la Roma deve decidere se avallare la cessione del trentatreenne, ricavandone qualche milione (cinque?) finchè ancora si può, o se offrirgli un nuovo contratto., prolungando il rapporto. Nei discorsi di calciomercato si è inserito il Flamengo, squadra “nativa” del difensore. I rossoneri carioca sembrano ben intenzionati a riportare il figliol prodigo in patria, già a partire da quest’estate ed indipendentemente dalle intenzioni della Roma. Oggi, sul portale brasiliano globoesporte.com, sono apparse le dichiarazioni del giocatore al riguardo. Juan ha rassicurato i tifosi giallorossi, allontanando, o quantomeno rimandando, le voci di calciomercato: “Non ho parlato con nessuno, nè tantomeno con il Flamengo. Sono solo speculazioni dal Brasile. La mia priorità è la Roma“. Non possiamo pensare che il Flamengo mollerà la presa, ma certamente il messaggio è molto chiaro: Juan vuole restare a Roma. Tecnicamente si tratta ancora di un elemento molto valido, che anzi tornerebbe utilissimo per “accudire” tutti quei giovani che già ci sono e che ancora arriveranno a Trigoria. Senza contare l’affetto che ormai lega reciprocamente l’ambiente e il giocatore, arrivato alla quinta stagione in giallorosso e considerato il vero erede di Pluto Aldair. In quest’ottica, il rinnovo di contratto con la Roma è più che auspicabile: l’unica magagna resta legata agli infortuni che hanno sempre condizionato la carriera di Juan, impedendogli di imporsi al massimo delle grandi qualità tecniche. Insomma, l’ipotesi più probabile sembra quella della permanenza a Roma, ma la concorrenza del Flamengo non va sottovalutata: sappiamo quanto i brasiliani credano nell”operazione nostalgia”, quella che facendo leva sulla…

Saudade mai sopita dei calciatori li richiama in patria per chiudere la carriera (Ronaldinho docet). In ogni caso, Juan o non Juan, la Roma deve già cercare il prossimo leader della difesa. Oltre ai nomi di Silvestre e Rhodolfo che già abbiamo menzionato (clicca per approfondire), nelle ultime ore sono tornate alla carica altre candidature. Dalle pagine della Gazzetta di oggi estraiamo infatti un paio di ulteriori alternative. La prima è quella di Benedikt Howedes, stopperone crucco dello Schalke già consacratosi a livello internazionale (gli interisti lo ricorderanno, per il doloroso doppio confronto nei quarti dell’ultima Champions). Il problema è proprio questo: nonostante abbia appena 24 anni, Howedes è già molto affermato, e questo ne ha sospinto la valutazione di calciomercato alla soglia dei 15 milioni di euro. L’altro nome fresco è quello dello spagnolo Inigo Martinez, 21enne promessa della Real Sociedad. Affascina per età, qualità (è un centrale mancino) e…ispanicità, potremmo dire: a quanto pare, sarebbe stato segnalato proprio da Luis Enrique. Certo, il precedente Josè Angel non è proprio beneaugurante, ma la qualità del prodotto è indiscussa. In quest’ottica, ripetiamo, bisognerà valutare l’aumento di capitale che concederà Di Benedetto, in base al quale la Roma potrà fare le dovute valutazioni di calciomercato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori