PROBABILI FORMAZIONI/ Chievo-Roma: notizie alla vigilia (36esima giornata serie A)

- La Redazione

Chievo-Roma è l’anticipo delle 18 della 36esima giornata di serie A. Il Chievo è salvo, perciò guarda con tranquillità assoluta all’impegno. La Roma insegue il terzo posto e deve vincere.

TottiChievo_R400
Francesco Totti realizza il rigore nella partita d'andata (Infophoto)

Ultimo turno infrasettimanale della serie A: si gioca la 36esima giornata, e l’anticipo delle 18 vede impegnate Chievo e Roma al Bentegodi. Partita dai due volti: per il Chievo non conta nulla ai fini della classifica, i veneti si sono salvati sabato e quindi hanno mente sgombra e poche motivazioni, pur se Di Carlo vuole la concentrazione al massimo fino in fondo. La Roma invece non può fare un risultato che non sia la vittoria: insegue ancora il terzo posto, è in ritardo e se dovesse lasciare punti domani darebbe il definitivo addio ai preliminari di Champions League. Probabile che vedremo quindi una Roma spingere sull’acceleratore fin dai primi minuti, ma il Chievo gioca in casa e non vuole certo fare brutte figure davanti ai suoi tifosi, obiettivo raggiunto o meno.

L’arbitro sarà Banti della sezione di Livorno, con la collaborazione degli assistenti Passeri e Bianchi; Nasca è il quarto uomo.

Il Chievo si è ufficialmente salvato con il pareggio ottenuto a Trieste contro il Cagliari. Ennesimo miracolo per Di Carlo e i suoi, e per il presidente Campedelli, che ogni anno parte con un budget limitatissimo ma riesce sempre a costruire squadre in grado di mettere in fila rose più quotate ed esose. Anche stavolta ci sono grande meriti della dirigenza, nell’aver puntato su elementi come Bradley e Acerbi, pagati pochissimo e rivelatisi fondamentali. Ora c”è l’ultimo passo: chiudere la stagione con altri risultati positivi, anche se naturalmente l’intensità non sarà quella delle partite della vita.

Di Carlo ha ritrovato Uribe, ma nel frattempo perde Andreolli e Dainelli, che si aggiungono a Moscardelli e Gulan tra gli indisponibili. All’ultimo non ce la fanno nemmeno Dramè e Thereau, che non figurano nella lista dei convocati. 

Il mister è in piena emergenza: deve reinventarsi la difesa. Sorrentino va ovviamente in porta, il reparto arretrato sarà composto da Sardo a destra (favorito al momento su Nicolas Frey) e Jokic a sinistra, con Cesar e Acerbi al centro. Questa la soluzione più probabilie, ci sarebbe anche Morero che però quest’anno ha giocato davvero poco. Centrocampo in cui Rigoni si prenderà probabilmente un turno di riposo: davanti alla difesa giocherà Bradley, con Luciano sul centrodestra e Hetemaj sul centrosinistra. Un solo trequartista: Cruzado, l’unico rimasto a disposizione. Le punte saranno Paloschi e Pellissier. 

La Roma ha preso un punto nell’ultimo turno, ma ha sprecato un’altra occasione per avvicinare il terzo posto. Aveva lo scontro diretto in casa contro il Napoli, ha addirittura rischiato di perderlo dopo aver dominato il primo tempo, e ora i punti di ritardo dal quartetto a quota 55 è di 4 punti. Difficile centrare l’obiettivo, ma Luis Enrique non si tira indietro, e fino all’ultia giornata, o fino a quando la matematica non lo condannerà, continuerà a lottare per raggiungere i preliminari di Champions League. 

Si contano ancora gli assenti: Lamela e Osvaldo devono scontare la lunga squalifica, mentre Stekelenburg non si è ancora ripreso dall’infortunio riportato contro la Juventus (dove è stato anche espulso). Out anche Burdisso, Juan e Cassetti, ormai da tempo, la difesa perde anche Rosi. Bojan, che ha un problema al polpaccio, è stato convocato, ma il suo utilizzo non è per niente certo.

Luis Enrique è stato come al solito pragmatico in conferenza stampa: “Siamo concentrati solo sul Chievo, è questo il mio futuro. Non ho rimpianti, sarebbe inutile. Certo, avremmo potuto sfruttare meglio certe occasioni, ma adesso noi pensiamo soltanto ai prossimi 3 punti, e poi agli altri”. Si è anche sbilanciato con alcune dichiarazioni che potrebbero far presagire un addio: “La Roma ha davanti a sè anni pazzeschi, se vorrà aver pazienza. Prendete Pjanic: ha solo 21 anni, ma per me è un giocatore pazzesco”. 

In porta giocherà Lobont, che nelle gerarchie dell’asturiano parte davanti a Curci. Difesa obbligata: Taddei torna a destra, José Angel gioca a sinistra, coppia centrale formata da Kjaer e Heinze. A centrocampo De Rossi sarà il perno davanti alla difesa, Marquinho ormai è un titolare e va sul centrosinistra, il succitato Pjanic sarà invece l’interno destro. Attacco con Totti dietro Bojan e Borini: difficile vedere il giovane Tallo dal primo minuto, nel caso lo spagnolo non ce la faccia giocherà Gago in mediana con De Rossi, e sarà un 4-2-3-1. Nelle prossime pagine le probabili formazioni di Chievo-Roma.

 

Sorrentino; Sardo, Cesar, Acerbi, Jokic; Luciano, Bradley, Hetemaj; Cruzado; Paloschi, Pellissier. All. Di Carlo

A disp: Puggioni, N. Frey, Morero, L. Rigoni, Vacek, Sammarco, Uribe

Squalificati:

Indisponibili: Dramè, Gulan, Andreolli, Dainelli, Thereau, Moscardelli

Lobont; Taddei, Kjaer, Heinze, José Angel; Pjanic, De Rossi, Marquinho; Totti; Bojan, Borini. All. Luis Enrique

A disp: Curci, Cicinho, Gago, Greco, Perrotta, Simplicio, Tallo

Squalificati: Lamela, Osvaldo

Indisponibili: Stekelenburg, Juan. N. Burdisso, Rosi, Cassetti

 

Arbitro: Banti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori