CALCIOMERCATO/ Roma, dopo Dodò, nuovo colpo brasiliano: Castan

- La Redazione

Giallorossi ad un passo dal centrale del Corinthians. Il costo dell’operazione dovrebbe essere intorno ai 5 milioni di euro. Ma gli innesti in difesa non finiranno qui…

zeman_boemo_r400
Zdenek Zeman (Infophoto)

In attesa di Zeman, si parte dalla difesa. In casa Roma si attende solo l’annuncio ufficiale del ritorno del boemo sulla panchina giallorossa. Ma la ristrutturazione della squadra è già iniziata, prendendo le mosse, appunto, dalla retroguardia. Il primo colpo, tuttora in attesa di essere ufficializzato, è stato Dodò, terzino sinistro di nazionalità brasiliana e belle speranze. Un talento sicuro, ma bisognoso di rilanciarsi dopo una serie di guai fisici, che dovrebbero comunque far parte del passato. Dopo di lui, si profila l’arrivo di un altro difensore dal Brasile: trattasi di Leandro Castan, centrale classe 1986 in forza al Corinthians. Piede mancino, forte fisicamente, ha già assaggiato il calcio europeo nel biennio 2007-09. Si è trattato, in pratica, di una semplice parentesi, con la maglia dell’Helsingborgs, con cui ha raccolto solamente 5 presenze. Al Timao, invece, è diventato una certezza ed è per questo che la Roma ha deciso di puntare su di lui. L’affare dovrebbe chiudersi a breve per una cifra intorno ai 5 milioni di euro. Il ds Walter Sabatini si augura che Castan possa acquisire presto il passaporto italiano e diventare così comunitario. Lo stesso dicasi per Dodò che, comunque, verrà acquistato in ogni caso. I tre ‘extra’, al momento, sono Juan, Pizarro e Marquinho. Il club capitolino vorrebbe cedere i primi due – che, però, puntano i piedi – e riscattare il terzo, un’operazione da effettuare entro il 30 giugno. Sempre sperando che almeno uno tra Castan e Dodò venga ‘italianizzato’. I due brasiliani non saranno i soli innesti di una difesa che si prepara a cambiare faccia quasi totalmente. Il sogno è sempre lui, il portoghese Rolando. I media lusitani continuano ad accostare il giocatore alla Roma, ma l’ostacolo rimane il Porto, che chiede almeno 15 milioni per lasciar partire il suo gioiello. Più facile, forse, arrivare al pescarese Marco Capuano (che piace anche al Napoli), talento emergente del nostro calcio nonchè pupillo di Zeman. In uscita ci sono Josè Angel e Kjaer dopo un’annata assai deludente per entrambi. Probabilmente lo spagnolo, che dopotutto ha giocato la sua prima stagione in A, potrebbe anche usufruire di una seconda chance. Attenuanti generiche, che non sussistono invece per il danese, il cui riscatto costerebbe 7 milioni, nemmeno pochissimi.

Il Wolfsburg, proprietario del suo cartellino, ha fatto sapere che non intende prestarlo per un altro anno. Piuttosto, via libera alla cessione, con buona pace di una Roma che, peraltro, non è quasi mai rimasta soddisfatta dalle sue prestazioni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori