CALCIOMERCATO/ Roma, Borini-Maxwell, intrigo col Psg

- La Redazione

Intrigo di mercato tra giallorossi e parigini. Il club capitolino ha messo gli occhi su Maxwell, mentre Ancelotti, dopo averlo avuto al Chelsea, rivorrebbe con sè Borini…

fabio_borini_roma_esultanza_r400
Fabio Borini (Infophoto)

Le strade della Roma e del Paris Saint-Germain potrebbero incrociarsi nel prossimo calciomercato estivo. Due club diversissimi, bisogna dire. Da una parte i giallorossi, tesi verso una campagna di rafforzamento low-cost, tutta giovani e abbattimento degli ingaggi, dall’altra i parigini, sospinti dagli sceicchi del Qatar, intenzionati a costruire una super squadra di campioni. L’obiettivo è conquistare quello scudetto sfuggito a sorpresa quest’anno e andato alla rivelazione Montpellier. Dicevamo, dunque, degli incroci tra questi due club. La Roma, secondo TuttoMercatoWeb, avrebbe messo gli occhi infatti sul terzino del Psg, Maxwell, ex Inter. Ancelotti avrebbe richiesto l’acquisto di Federico Balzaretti per ricoprire il ruolo di esterno basso a sinistra. Dunque la porta per il brasiliano, acquistato appena lo scorso 12 gennaio, sembra già chiusa. Il giocatore potrebbe fare assai comodo a Zeman, alla ricerca di un interprete affidabile per il ruolo di laterale mancino, ricoperto piuttosto male quest’anno da Josè Angel. Il ds Sabatini, in verità, ha praticamente concluso il colpo Dodò per lo stesso ruolo, ma al ragazzo, giovane e reduce da una serie di problemi fisici, andrà concesso un po’ di tempo per ambientarsi in un calcio ostico come quello italiano. Dal canto suo, il Psg sembra pronto a pescare in quel di Trigoria. Secondo quanto riferito da Sky, alcuni emissari del club francese starebbero per arrivare in Italia per incontrare la dirigenza giallorossa e l’entourage di Borini. Sì, proprio lui, vecchio pallino di Carlo Ancelotti, che lo ha già allenato ai tempi del Chelsea. Appare molto difficile, però, che la Roma decida di privarsi di un giocatore tanto talentuoso, che per di più ha l’età dalla sua parte. E che inoltre sembra ideale per gli schemi di Zeman. Borini, in origine, nasce come punta centrale, ma quest’anno con Luis Enrique non ha avuto problemi ad adattarsi sulle corsie esterne. Parliamo dunque di un giocatore giovane, eclettico, con tanta voglia di sfondare. La sua annata giallorossa – finale escluso, per colpa di un difficile recupero fisico – è stata sicuramente positiva. Anzi, a dirla tutta, Borini è stata una delle pochissime luci di una stagione assai deludente per gli aficionados dell’Olimpico. Naturalmente, non era tutta colpa di Luis Enrique. Anche la società ha sbagliato molte scelte di mercato.

Ora, però, si volta pagina. Con Zeman in panchina. E Borini di punta. Ma guai a sottovalutare la forza economica del Psg, il caso Lavezzi insegna che per i parigini nulla è impossibile soprattutto perchè hanno lo sceicco Al Thani pronto a sborsare cifre importanti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori