CALCIOMERCATO/ Roma, Zemanlandia a ritmo di samba: dopo Marquinho ecco Dodò e Castán

- La Redazione

La nuova Roma di Zdenek Zeman sarà a tinte verdeoro. Obiettivo, riscattare Marquinho e assicurarsi i due difensori del Corinthians Dodò e Castan

zdenek_zeman_r400
Zdenek Zeman - Infophoto

CALCIOMERCATO – E’ iniziato ufficialmente il nuovo corso di Zdenek Zeman nella capitale, sponda Roma, e di conseguenza anche il mercato ha aperto le danze. Moltissimi i giocatori visionati dalla società giallorossa diversi dei quali originari del Sudamerica. Tredici anni fa all’Olimpico si intonava il canto «Zigo Zago, Cafù, Paulo Sergio, Aldair… Questa Roma mi sembra il Brasiiiil» e a breve tale coro dei tifosi potrebbe tornare d’attualità, naturalmente con attori protagonisti diversi. Quella era la prima Roma di Zeman, composta da mostri sacri brasiliani del calibro di Cafù e Aldair e il tutto potrebbe ripetersi, si spera, con gli stessi risultati. Dopo il corso spagnolo firmato Luis Enrique, direttamente dall’Asturia, tocca ora alla samba fare da padrone a Trigoria. Il direttore sportivo Walter Sabatini è notoriamente molto attivo nell’America Latina e starebbe già preparando una serie di colpi davvero interessanti da portare a termine nelle prossime settimane. Piacciono in particolare i due difensori del Corinthians, l’esterno sinistro Dodò e il centrale Leo Castan, quest’ultimo, in attesa di passaporto comunitario e quindi non destinato ad occupare la casella per gli “extra”. Verrà inoltre riscattato il cartellino di Marquinho reduce da 6 mesi convincenti nella capitale e per il quale basterà versare nelle casse della Fluminense la somma di 4,5 milioni di euro. Rimanendo in casa della “Flu” Sabatini starebbe visionandoo anche l’esterno destro Wallace, per il quale anche il boemo ha espresso il suo gradimento. A breve il direttore sportivo giallorosso si recherà in Brasile per sondare con mano tali suddette operazioni e molto probabilmente assisterà ai match di Copa Libertadores, la doppia semifinale fra il Santos e il Corinthians, occasione per vedere all’opera anche altri calciatori molto interessanti come Arouça e Paulo Henrique nel «Peixe» e Paulinho e Ralf nel «Timao». Una Roma sempre più brasiliana quindi che andrà ad arricchire la colonia verdeoro già di stanza all’ombra del Colosseo e composta ad esempio da Juan. Ieri il centrale è uscito per l’ennesima volta allo scoperto dichiarando di voler rimanere saldamente al suo posto nonostante il contratto in scadenza al 30 giugno del 2013 e avance varie.

Il ritorno in patria può quindi attendere e molto probabilmente avverrà proprio fra 12 mesi circa quando l’accordo con i capitolini scadrà definitivamente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori