CALCIOMERCATO/ Roma, Destro al fotofinish mentre Ancelotti “libera” Nené

Attese domani le ufficializzazioni dei colpi Destro e Piris. Sabatini dovrà comunque resistere agli assalti del Manchester City per De Rossi e piazzare qualche esubero di troppo.

23.07.2012 - La Redazione
piris_romaR400
Ivan Piris, domani l'annuncio ufficiale? (Infophoto)

Una volta chiusa la trattativa Destro, il calciomercato della Roma potrà finalmente concentrarsi esclusivamente sulla questione terzini. Pare che sia questione davvero di ore, ma la Roma deve guardarsi dalle lusinghe della Juventus per il giovane attaccante, che stando alle stesse dichiarazioni del ds senese Antonelli stanno sortendo qualche effetto. Tuttavia il nodo riguardante l’attaccante a metà tra Siena e Genoa è sempre più vicina all’epilogo. Antonelli, ds del Siena, ai microfoni di SkySport, ha fatto il punto della situazione sulla trattativa per il giocatore parlando di una situazione chiara, dell’accordo raggiunto e assodato con la Roma e di un giorno importante, quello di oggi, in cui Mattia Destro prenderà la decisione per lui più giusta. Inutile anche solo dirlo, i tentennamenti del giocatore derivano da una proposta della Juventus che risulta maggiore rispetto a quella giallorossa. Si vocifera infatti di un’offerta da 1.7 milioni contro gli 1.3 capitolini, cifra comunque destinata a salire con l’inserimento di bonus e con il passare delle stagioni. Nonostante tutto la sensazione è che l’affare si farà, salvo bruschi dietrofront, la trattativa è in fase avanzata e i numerosi apprezzamenti piovuti dalla capitale paiono aver fatto breccia nel cuore dell’attaccante ascolano. Negli scorsi giorni hanno infatti speso parole d’elogio sia Zeman che Totti, lusinghe alle quali pare difficile resistere (e che pare che lo stesso Mattia Destro abbia personalmente detto di aver apprezzato) e che spingono verso un’imminente fumata bianca. Se così non fosse, però, la Roma potrebbe anche spazientirsi. Non è un mistero che Destro sia una delle poche richieste esplicite di Zeman (l’altra è Tachtsidis e visto come ha giocato nella sua prima uscita americana di ieri, ovvero divinamente, sarebbe già una ragione sufficiente per aspettare ancora), ma è altrettanto noto che Walter Sabatini sia tipo “irrequieto”, sempre in pista su più trattative e potrebbe decidere di cogliere la palla al balzo per piazzare un colpo prestigioso senza discostarsi troppo dalle cifre preventivate per Destro (se Zeman è d’accordo, ovviamente). Parliamo della possibilità di ingaggiare il brasiliano Anderson Luiz de Carvalho in arte Nenè, attaccante del Paris Saint Germain. Con l’arrivo di Ibrahimovic Ancelotti non sembra avere più bisogno di lui: la stampa francese ha riportato le dichiarazioni del tecnico di Reggiolo, che ha confermato che Nenè può andarsene, se vuole. Due gli indizi a favore: il primo è di natura tattica. Nenè, 21 gol nell’ultima Ligue 1, vede la porta ed è molto duttile: mancino naturale, può essere impiegato come ala o punta esterna, per intenderci non avrebbe problemi nel 4-3-3 zemaniano. Inoltre il suo contratto scade nel 2013: il PSG sta valutando il rinnovo, che potrebbe anche non arrivare. In questo caso la cessione di Nenè diverrebbe una necessità, poichè eviterebbe di perdere il giocatore a parametro zero l’estate prossima. Stando così le cose la Roma avrebbe gioco facile per assicurarsi il trentunenne carioca, anche perchè la concorrenza non è esattamente spietata. Con 6-7 milioni il cerchio si chiude e si potrebbe così passare da un giocatore giovane e di belle speranze a uno consolidato e di esperienza, ma pur sempre in grado di garantire due-tre stagioni al top. Oggi però potrebbe però essere un giorno importante anche per quanto riguarda la ormai famosa questione terzino. Secondo quanto riferisce Gianluca Di Marzio attraverso il suo sito, infatti: “potrebbe arrivare a Roma il laterale destro Ivan Piris. L’esterno destro classe ’89 è stato preallertato, sono le ore più importanti. Intanto, il Siviglia è sorpassato e per Piris ormai manca solo l’ultimo passo. Quello verso la Capitale, che potrebbe arrivare già domani”. L’entourage del terzino potrebbe definire la trattativa, in prestito (1 milione) con diritto di riscatto (fissato a 4) dal San Paolo. Con l’arrivo di Piris il calciomercato in entrata potrebbe dirsi quasi chiuso, salvo clamorose partenze o eventuali indicazioni da questo pre-campionato. Verrebbe dunque a cadere la pista Jung, mentre prenderebbe consistenza l’ipotesi dell’addio di José Angel, mai realmente convincente nella stagione appena archiviata. Sul giocatore si è mosso timidamente il Benfica che ha già sondato il terreno e che potrebbe presentare un’offerta a breve. Saranno però giorni importanti anche sul fronte De Rossi

Come ci ha confermato l’agente Fifa Morabito, il Manchester City non ha mai abbandonato l’idea De Rossi (clicca qui per leggere la nostra esclusiva) e per questo sarebbe pronto a presentare un’offerta da 30 milioni nelle casse dei dirigenti giallorossi. A Sabatini, ma soprattutto alla cordata americana, spetterà il compito di resistere alle advance e trattenere nella capitale il fu-capitan futuro. Difficilmente De Rossi chiederà una cessione e per questo l’impresa non pare impossibile, ma quando c’è di mezzo il vil denaro, specie in tempo di crisi e bandiere ammainate, bisognerà comunque tenere sott’occhio questa ipotesi, almeno sino a smentite ufficiali ed oltre, come la querelle Thiago Silva insegna…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori