CALCIOMERCATO/ Roma, Piris ufficiale a ore, vicino anche Torosidis? E Astori…

E’ veramente fatta per lo sbarco a Roma di Ivan Piris. Dopo le visite mediche di lunedì il ragazzo firmerà a ore il contratto che lo legherà ufficialmente ai giallorossi

27.07.2012 - La Redazione
piris_romaR400
Ivan Piris, domani l'annuncio ufficiale? (Infophoto)

E’ praticamente fatta: a meno di clamorosi colpi di scena, il terzino destro del Sao Paulo, Ivan Piris, oggi sarà ufficialmente un giocatore della Roma. Walter Sabatini chiude un’altra operazione sudamericana, questa volta si tratta di un calciatore paraguaiano che sarà il terzino destro della formazione giallorossa. Un affare da cinque milioni di Euro complessivi: uno subito, per il prestito, quattro per il riscatto, da versare al Deportivo Maldonado, proprietaria del cartellino. Già lunedì Piris aveva sostenuto le visite mediche di rito, ma le complicazioni dovute ai molti interlocutori (come spesso accade quando si tratta di calciatori impiegati in campionati dell’America Latina: è anche il caso di Paulinho, e più in passato di Tevez e Mascherano) avevano fatto temere il peggio. Invece, il ventitreenne laterale si unirà effettivamente alla Roma, che ha appena chiuso la cessione di Rosi al Parma e quindi si trovava scoperta sull’esterno destro. E potrebbe non essere finita qui: Piris, probabilmente, entrerà in concorrenza per una maglia da titolare con Vasilis Torosidis, terzino destro dell’Olympiakos e della nazionale greca. Piace tanto a Sabatini e avrebbe già un accordo con la Roma: c’è da convincere il club ellenico, che è disposto a non chiedere i 7 milioni della clausola rescissoria ma ne vuole almeno 5. L’operazione potrebbe essere favorita dalla recente cessione di Leandro Greco: Zeman caldeggia l’acquisto di Torosidis perché il giocatore può essere impiegato anche sulla fascia sinistra, che sarà lasciata libera da José Angel (in uscita, destinazione Benfica) e che al momento vede Taddei come occupante di un ruolo non suo. L’alternativa è Federico Balzaretti, affare difficile comunque perché Zamparini non vuole cederlo se non al Paris Saint-Germain, su precisa indicazione del nazionale: in caso contrario, l’esterno rimarrà a Palermo, pur se il Napoli resta sempre alla finestra (clicca qui per l’intervista esclusiva a Maurizio Zamparini). Ad ogni modo, con la firma imminente di Piris e il probabile arrivo di Torosidis, le corsie saranno presidiate. Manca a questo punto un difensore centrale che rappresenti l’alternativa a Castan e Burdisso insieme a Romagnoli, sul quale Zeman punta molto. La difesa sarà molto sollecitata, giocherà alta e dovrà svolgere un lavoro di spinta e impostazione: per questo ci sarà bisogno di forze fresche e alternative che sopperiscano all’età avanzata di alcuni elementi. Qui, è tornato a circolare il nome di Davide Astori: secondo Cellino è incedibile, nel caso dovesse partire ci sarebbe da sfidare la concorrenza del Milan (società nella quale il ragazzo è cresciuto) e Juventus, che deve far fronte al caso Bonucci (anche se i bianconeri potrebbero confermare Masi, clicca qui per approfondire). Ancora più difficile la pista Ezequiel Garay

Vero che la Roma può avanzare pretese grazie all’affare José Angel, ma è stato lo stesso difensore argentino a dichiarare che le voci riguardanti altri club non gli interessano, perché a Lisbona sta benissimo. Sabatini comunque ci proverà: i contatti con le Aquile riguarderanno anche AxelWitsel, regista di centrocampo per il quale però bisognerà sborsare non meno di 20 milioni di Euro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori