AS ROMA/ Baldini rifiuta il Tottenham. Zeman ritrova l’attacco per la Sampdoria

Il dg della Roma Franco Baldini boccia la proposta del Tottenham: sospiro di sollievo per Pallotta e soci. Intanto Zdenek Zeman, in vista della Sampdoria, dovrebbe ritrovare Osvaldo e Totti.

24.09.2012 - La Redazione
franco_baldini_r400
Franco Baldini, dg della Roma (Infophoto)

La Roma può tirare un sospiro di sollievo. Il direttore generale Franco Baldini ha infatti detto “no” alla proposta del Tottenham. Secondo il sito del popolare tabloid britannico ‘The Sun’, il dg giallorosso, pur lusingato per l’offerta, ha scelto di rimanere a Trigoria per portare avanti il progetto ‘a stelle e strisce’ del presidente James Pallotta e dei suoi soci. Sembra definitivamente saltato, dunque, il grande ritorno di Baldini sul suolo inglese, dopo l’esperienza come ‘assistant manager’ al fianco dell’ex c.t. e suo grande amico Fabio Capello. Baldini dunque resterà a Trigoria, pronto a progettare una grande stagione per i giallorossi. La squadra, intanto, ha appena incassato una buona notizia (se buona si può definire), almeno per la classifica. Il giudice sportivo, infatti, ha decretato l’ufficialità dello 0-3 a tavolino contro il Cagliari di cui si parlava già da ieri (clicca qui per leggere il commento in esclusiva di Carmellini sulla vicenda). Tre gol “virtuali” e tre punti “veri” in più per la Roma di Zdenek Zeman, che ora sale a quota 7 in classifica, a -5 dalla Juventus capolista e a -3 dal Napoli secondo. E le buone notizie dal campo non finiscono qui per i giallorossi. Il tecnico boemo, quasi sicuramente, dovrebbe recuperare sia Francesco Totti che Pablo Daniel Osvaldo in vista del match infrasettimanale contro la Sampdoria. “Vorrei averli sempre in campo, anche se non ho ancora certezze per la gara di mercoledì”, aveva detto il mister sabato mattina, alla vigilia della tormentata trasferta in terra sarda. Il tridente anti-Sampdoria dovrebbe essere completato da uno tra Erik Lamela e Mattia Destro. L’argentino si farebbe preferire per duttilità tattica e capacità di sfornare assist, l’ex Siena per senso del gol, anche se su di lui pende la solita spada di Damocle di una difficile collocazione tattica. Con Osvaldo ormai inamovibile, l’attaccante marchigiano rischia di essere impiegato nuovamente nello sgradito ruolo di ala destra. Quanto a Daniele De Rossi, a breve verranno valutate nuovamente le sue condizioni fisiche, ma il rientro sembra più probabile per il match successivo, quello attesissimo contro la Juventus a Torino sabato sera. I giallorossi sono attesi, come si può vedere, da un miniciclo davvero importante per capire le potenzialità di questo gruppo.

Attorno ad esso non mancano le perplessità, soprattutto per la scarsa tenuta del reparto arretrato. Se Zeman riuscirà però a conciliare lo spettacolo con una maggiore accortezza tattica, allora questa Roma potrà andare davvero lontano. Intanto, però, c’è la rivelazione-Sampdoria: guai a sottovalutare la banda di Ciro Ferrara. Il Bologna insegna: vedremo se i giallorossi avranno imparato bene la lezione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori