AS ROMA/ Osvaldo salta la trasferta di Catania: edema alla rotula confermato dall’ecografia

Pablo Daniel Osvaldo sarà costretto a saltare la trasferta di Catania: due giorni fa uno scontro in allenamento con Burdisso gli ha causato un edema all’altezza della rotula destra.

11.01.2013 - La Redazione
Osvaldo_infortunio
Pablo Daniel Osvaldo compie 27 anni domani (Infophoto)

Tegola per la Roma di Zdenek Zeman. Succede spesso nel corso di questa stagione che il venerdi somigli a una sorta di bollettino di guerra per i giallorossi; saranno gli allenamenti del boemo o semplicemente la sfortuna, fatto sta che capita che a rotazione i calciatori della Roma (spesso gli attaccanti) accusino problemi fisici e la loro presenza nella partita del fine settimana venga messo in discussione. In questo caso invece i dubbi non ci sono: Pablo Daniel Osvaldo sarà costretto a saltare la trasferta di Catania. Per il calciatore italo-argentino non c’è pace: la settimana scorsa aveva dovuto iniziare dalla panchina la partita contro il Napoli, entrando con la squadra sotto 2-0 e riuscendo comunque a segnare la rete della bandiera per la Roma. Non è la prima volta che Osvaldo si ferma: era già accaduto in un paio di occasioni, tant’è vero che delle 19 partite del girone di andata ne ha giocate appena 14, e alcune di queste in condizioni precarie (il derby e il Torino, dove aveva comunque segnato un rigore ma giocando male). Da tempo Osvaldo accusa un problema al collo del piede, che lo costringe a infiltrazioni per evitare l’infiammazione; stavolta però si tratta di un problema di natura diversa. Due giorni fa, durante l’allenamento, l’attaccante ha subito un colpo in un contrasto con Burdisso. Ha provato a recuperare fino all’ultimo, ma il responso dell’ecografia è stato inclemente: edema all’altezza della rotula della gamba destra. Impossibile recuperare per domenica: Osvaldo dovrà saltare la trasferta di Catania. All’andata il bomber aveva realizzato uno dei gol più belli della stagione in corso: una semirovesciata volante su assist di De Rossi, con il pallone a infilarsi all’incrocio dei pali opposto. Un brutto affare per Zdenek Zeman, che recentemente aveva parlato del suo centravanti come di uno che “fisicamente è una bestia”: il boemo al di là della grande ammirazione per Destro sa bene che in questo momento è Osvaldo il titolare della Roma, quello che gli dà più garanzie per finalizzare i movimenti di Totti e Lamela. Per lui parla anche la media gol: sono 10 in 14 partite, ovvero 0,71 a gara e con una cadenza di 115 minuti. Ovvero, uno dei migliori in serie A. Dunque domenica ci sarà Mattia Destro:  

L’ex attaccante del Siena sarà al centro del reparto offensivo, e dovrà cercare di riscattare la brutta prestazione di Napoli (dove non ha capitalizzato almeno due palle gol nitide) dando una vittoria alla sua squadra, che continua a inseguire il terzo posto. Per Destro i gol in campionato sono quattro: contro il Palermo (poi espulso immediatamente dopo perchè, già ammonito, si era tolto la maglia), contro il Pescara e, ironia della sorte, una doppietta all’Arena Montepaschi di Siena. Nel weekend arriverà il quinto? L’occasione è ghiotta: l’ascolano non vorrà certo farsela scappare. Per Osvaldo invece compleanno sfortunato: proprio domani l’italo-argentino compirà 27 anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori