Calciomercato Roma/ Concorrenza per Paredes: anche la Juve… Le notizie al 30 ottobre

- La Redazione

Leandro Paredes è uno dei giovani sudamericani più interessanti: non è ancora emerso con evidenza ma la sue doti hanno intrigato diversi osservatori. Non solo quelli della Roma…

riquelme_fumogeni
(INFOPHOTO)

Concorrenza già affollata per Leandro Paredes, trequartista del Boca Juniors classe 1994. La Roma è da tempo segnalata sulle sue tracce ma secondo il giornalista di SkySport Gianluca Di Marzio non si muove da sola. Sembra che anche la Juventus abbia fatto visionare Paredes negli ultimi tempi: Marotta e Paratici hanno dimostrato grande attenzione per i migliori talenti del panorama mondiale e non è da escludere che a gennaio si possano muovere concretamente per l’argentino. Anche dall’estero non mancano le concorrenti illustri: Paris Saint-Germain, Monaco e Villarreal. Walter Sabatini ha contatti diretti in Sudamerica e potrebbe avvantaggiarsi, in ogni caso bisognerà stare attenti perché già nella prossima finestra di calciomercato potrebbe partire un’asta, per il cartellino del giovane trequartista scuola Boca. Che al momento è un pò soffocato dal parirurolo e totem del club Juan Riquelme, ancora sulla breccia nonostante i 35 anni suonati. La valutazione di calciomercato di Paredes ha già superato i 5 milioni di euro, il giocatore però è ancora sprovvisto del passaporto comunitario.

, Arrivato dalla Dinamo Zagabria per 5 milioni di euro con l’appellativo di “nuovo Maldini” (soprannome affibbiatogli dai sostenitori della sua ex squadra) Tin Jedvaj non ha ancora trovato spazio nello scacchiere tattico di Rudi Garcia, ma la cosa non sembra preoccuparlo più di quel tanto, come dimostrano le sue parole rilasciate al portale croato JutarnjiList: “Ventuno conclusioni nello specchio della porta concesse e solo un gol subito, 9 vittorie in 9 partite: e poi vi meravigliate se non ho ancora debuttato? Sto procedendo pian piano, allenamento dopo allenamento. Ho 18 anni e sono un giocatore della prima squadra della Roma. Imparo e recepisco. So che il tempo è mio alleato, e per me va bene”. Un ragazzo con la testa sulle spalle, dunque, ma anche un ragazzo che è rimasto entusiasta di un ambiente che dopo due anni bui sta rivivendo sapori di vittorie dimenticate: “È pazzesco qui, i tifosi ti accolgono la mattina prima dell’ingresso in campo e anche alla fine di ogni allenamento – prosegue – Vivi emozioni in ogni giornata, ma nel club sono attenti a questo: l’euforia deve restare per i tifosi”. Infine, un pensiero anche su Francesco Totti, ovvero il giocatore più rappresentativo della squadra capitolina: “È il primo ad arrivare al campo e l’ultimo ad andarsene, è un modello per gli esperti, figuratevi per me”. In ogni caso siamo sicuri che il giocatore avrà modo di farsi valere anche nel nostro calcio, e mostrare tutto il suo valore per  giustificare l’ingente somma sborsata per lui, in rapporto all’età, ovviamente…

In questi giorni la priorità in casa Roma, per quanto riguarda il calciomercato, è una sola: rinnovare il contratto che lega Miralem Pjanic ai giallorossi. La società punta chiudere il discorso già settimana prossima, per evitare l’intromissione delle big d’Europa, che certamente sarebbero molto interessate a un giocatore come il bosniaco. Ecco perché la proposta fatta al giocatore appare decisamente interessante: contratto fino al con uno stipendio da 2,8 milioni di euro netti a stagione, con la cifra destinata a salire ulteriormente nei prossimi anni. Pjanic attualmente ha un contratto con i giallorossi fino al 2015. Il rinnovo dunque era già stato ipotizzato in estate, quando però il clima non era così favorevole: l’eccellente avvio di questo campionato, a cui Pjanic ha contribuito in modo decisivo, ha finalmente mostrato pienamente le qualità del centrocampista, che nel frattempo ha pure centrato la storica qualificazione ai Mondiali con la sua Bosnia (prima volta). Ora bisogna fare in fretta, perché sulle tracce di Pjanic c’è il Manchester United, che sarebbe pronto ad offrire una cifra attorno ai 30 milioni di euro. Così, quando il presidente James Pallotta è stato in Italia ha autorizzato i dirigenti a procedere con il rinnovo, tanto che la Roma ha già parlato con l’agente Michael Becker, l’agente, e papà Fahrudin. Non dovrebbero esserci problemi, tenendo anche in considerazione la grande stima che l’allenatore Rudi Garcia ha di Miralem: in estate il tecnico pose il veto alla sua cessione al Tottenham, facendo piuttosto partire un certo Erik Lamela.

Fra le varie big interessate ai calciatori svincolati, il cui contratto scadrà al 30 giugno del 2014, vi è senza dubbio anche la Roma. Dopo una campagna acquisti estiva importante, il direttore sportivo Walter Sabatini è pronto a rinforzare ulteriormente la rosa capitolina con un occhio attento alle occasioni. Sono moltissime le stelle, forse come mai accaduto prima, che a gennaio potrebbero lasciare le rispettive squadra a prezzi stracciati o addirittura a zero. Un’alta concentrazione si registra in particolare in Premier League dove la Roma starebbe tenendo sotto stretta osservazione un trio di primissima fascia. Si comincia con Patrick Evra, classe 1981 del Manchester United, nazionale francese. La stella della corsia sinistra dei Red Devils ha il contratto agli sgoccioli e le notizie che giungono dall’Inghilterra appaiono discordanti, con il giocatore prossimo a rinnovare e il giorno dopo vicino al divorzio. I giallorossi erano già stati accostati al transalpino in estate e vista la vicinanza con Federico Pastorello, agente già di De Sanctis, potrebbero tentare le manovre di accerchiamento.

Rimanendo in casa United c’è un altro svincolato di lusso: stiamo parlando precisamente di Nemanja Vidic, centrale di difesa ex nazionale serbo, anch’egli classe 1981. I giallorossi potrebbero affiancare a Benatia un elemento di qualità e di esperienza internazionale come appunto la stella del Diavoli Rossi. Non sarà però semplice per la Roma arrivare a Vidic visto che sulle sue tracce vi sono anche il Milan e la Juventus, società che da tempo studiano il colpo. Infine, occhio a Sagna, classe 1983, leggermente più giovane di Vidic ed Evra, in forza all’Arsenal. Anch’egli nazionale francese, potrebbe lasciare i Gunners a gennaio e la Roma ci starebbe pensando vista l’età di Maicon e le incertezze legate al talento brasiliano Abner, fresco di infortunio al ginocchio.

Sono molte le società che si sono messe nelle ultime settimane sulle tracce di Bryan Cristante, giovane talento di centrocampo del Milan. Il nazionale azzurro Under-19 è stato promosso la scorsa estate dalla Primavera, ma fino ad ora non ha praticamente visto il campo. Chiuso dai vari De Jong, Montolivo e Poli, a gennaio il ragazzo potrebbe vivere un’esperienza lontano da Milanello. Il Milan, naturalmente, non intende cedere il talentuoso regista ma semplicemente girarlo in prestito per fargli fare un po’ di ossa. Il Parma è molto interessata al ragazzo, e Ghirardi e Galliani ne avrebbero già parlato, ma attenzione all’idea dell’ultima ora. Stando a quanto riportato da Gianluca Di Marzio di Sky Sport, sulle tracce del giovane centrocampista classe 1995 vi sarebbe anche la Roma. Il ds Walter Sabatini è molto abile nello scovare i talenti ed avrebbe messo nel mirino proprio il ragazzo di San Vito al Tagliamento. L’operazione sembra fattibile anche perché i rapporti fra Milan e Roma sono storicamente ottimi.

Altro giovane accostato alla Roma nelle ultime ore è Gabriel, centrocampista brasiliano classe 1990 in forza al Flamengo. In base a quanto raccolto dai colleghi di Nuovocalciomercato.com, il giovane trequartista, abile a giocare anche nel ruolo di esterno di destra e di sinistra, sarebbe finito nel mirino di alcune big del Vecchio Continente e fra queste anche i giallorossi nonché l’Inter. Il suo contratto scadrà al 30 giugno del 2017 ed ha un valore di mercato ancora contenuto, attorno al milione di euro. E’ quindi l’occasione buona per acquistarlo anche se Siviglia e Shakhtar Donetsk sono già in pressing. Attenzione in particolare agli Ucraini, società che si è rivelata abilissima negli ultimi anni a scovare talenti brasiliani, su tutti Willian e Fernandinho, per poi farli esplodere e rivenderli a caro prezzo: il City ha pagato quasi 40 milioni di euro il secondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori