Calciomercato Roma/ Ag. Destro: prestito al Parma? Zero possibilità. Notizie al 19 novembre

- La Redazione

Le parole di Claudio Vigorelli, agente di Mattia Destro, chiariscono che per l’attaccante della Roma non è in vista un trasferimento in prestito al Parma, come oggi era stato ipotizzato

Pastore_Psg_R400
Javier Pastore (Infophoto)

Il futuro di Mattia Destro continua ad essere un tema di grande attualità in casa Roma. La buona notizia è che l’attaccante di scuola Inter sta finalmente per tornare a disposizione di Rudi Garcia, che così potrà contare su una carta in più per il reparto offensivo, ma non cessano le voci su un suo possibile futuro lontano dalla Capitale. Nelle ultime ore si è parlato sia dell’ipotesi Sampdoria sia di quella legata al Parma. Tuttavia, va registrata anche la presa di posizione di Claudio Vigorelli, agente dell’attaccante, che è stato contattato telefonicamente dalla redazione de LaRoma24.it proprio per avere chiarimenti in merito all’indiscrezione secondo cui il dirigente emiliano Pietro Leonardi starebbe spingendo per portare a gennaio a Parma il suo assistito. Alla domanda sulle possibilità di un trasferimento di Destro in prestito a gennaio? “Assolutamente zero chance, zero possibilità, Destro sta bene alla Roma”. In effetti l’ambiente giallorosso attende con ansia di avere a disposizione il giocatore che nell’estate del 2012 era al centro dei desideri di tutte le big e che la Roma si assicurò con una brillante operazione, ma che poi ha dovuto affrontare svariati problemi non riuscendo mai a rendere al massimo delle sue potenzialità.

Javier Pastore sembra dover rimanere solo una suggestione di calciomercato per la Roma. Ne è convinto anche l’agente FIFA Fabrizio Ferrari, che segue il calcio francese e i progressi del trequartista argentino nel PSG. “La problematica di Pastoreha dichiarato Ferrari e Tele Radio Stereo– è più psicologica che fisica o contrattuale. Sembra che Blanc voglia gestire questa situazione, dubito che possa sbloccarsi a gennaio. Più semplice a giugno“. In questo momento Pastore non è un titolare fisso nel Paris Saint-Germain: sinora ha giocato 9 partite in totale di cui 7 dal primo minuto. Tra Ibrahimovic, Cavani, Lavezzi e Lucas gli spazi per una maglia da titolare si sono assottigliati, e più di una volta Pastore si è dovuto accontentare di partire dalla panchina. Il suo rendimento nel campionato francese ha parzialmente deluso le aspettative, da quando la società lo acquistò dal Palermo per 42 milioni di euro. Cifra che potrebbe costituire un peso per un giocatore ancora non fortissimo caratterialmente, fattore che forse sottende la considerazione di Fabrizio Ferrari di cui sopra. Stando alle ultime indiscrezioni la Roma non è indifferente alla situazione del Flaco. Il direttore sportivo Walter Sabatini conosce bene Pastore, per averlo portato in Italia nel 2009: potrebbe essere lui e “rigenerarlo” proponendogli il trasferimento a Roma. Per ora il discorso di calciomercato è frenato dalle valutazioni dell’argentino, pagato tantissimo e stipendiato altrettanto bene dal ; sembra per questo che la Roma potrebbe puntare su un prestito, per poi valutare l’eventuale formula di acquisto. Ipotesi valida sia per gennaio che per il prossimo giugno, se come dice Ferrari Blanc voglia provare a recuperare mentalmente il giocatore. Con Pastore Rudi Garcia avrebbe a disposizione una potenziale stella in più per il tridente (punta esterna), oppure potrebbe cambiare modulo passando al 4-2-3-1. 

Sembra imminente il rientro in squadra per Mattia Destro, ma il suo futuro in giallorosso potrebbe essere compromesso. Parlavamo giusto questa mattina dell’idea della Sampdoria di portarlo in Liguria nell’ambito dello scambio con Jonathan Biabiany in quanto comproprietari del cartellino, ma stando alle ultime indiscrezioni anche i dirigenti del Parma sembra stiano cullando la medesima idea. I ducali, infatti, tolto Amauri che oltretutto non è ancora riuscito a sbloccarsi in campionato, non dispongono di veri e propri finalizzatori, ed è per questo motivo che potrebbero approfittare della folta concorrenza a Trigoria per valutare la possibilità di riuscire a strappare almeno un prestito, soprattutto se si considera che Nicola Sansone e l’italo-brasiliano potrebbero partire. In tal proposito, ha parlato il direttore sportivo del Parma Pietro Leonardi: “Mai parlato con la Juventus di Biabiany, e anche Parolo è molto contento qui. L’arrivo di Destro a gennaio? Lo escludo, il suo recupero sarà importante per la Roma”. La cosa certa, è che da riserva di Totti e Borriello non potrà di certo tornare l’attaccante ammirato ai tempi di Siena, e, per far si che ciò accada, la punta ventiduenne ha bisogno di ritrovarsi in una piazza tranquilla proprio come quella emiliana, dove lo spettro della retrocessione sembra sempre più lontano, fattore non indifferente dato che sarebbe libero di esprimersi al meglio senza l’assillo di pressioni inutili.

La Roma non molla di un centimetro per Danilo D’Ambrosio, terzino in scadenza del Torino. Ecco le rivelazioni dell’agente Fifa, Cardona, intervistato dai nostri microfoni. L’agente Fifa, Porceddu, invece, sponsorizza fortemente Sandro del Tottenham: ecco le sue parole sempre ai nostri microfoni.

Hanno fatto il giro del web le dichiarazioni rilasciate ieri dall’allenatore dell’AZ Alkmaar, il noto Dick Advocaat, circa il futuro di Kevin Strootman. Secondo l’esperto tecnico il centrocampista giallorosso rimarrà a Roma per poco tempo: «Sono rimasto sorpreso quando ha scelto i giallorossi – ha detto – un giocatore come lui è destinato a giocare per un club come il Manchester United. Non penso che resterà a lungo alla Roma. Se Kevin continuerà su questi livelli sarà presto preso da una big…». Parole che hanno fatto tremare gli ambienti giallorossi ed in particolare i tifosi che già temono assalti dall’estero in occasione delle prossime sessioni di mercato. Nulla è da temere in vista di gennaio 2014, anche perché da Trigoria fanno sapere che Strootman rimarrà nella capitale per almeno cinque anni. Il nazionale olandese, prelevato dal PSV Eindhoven in occasione del mercato estivo, ha sottoscritto un contratto a scadenza 30 giugno del 2018 a 2,2 milioni di euro netti annui a stagione.

Strootman si trova molto bene a Roma, ama l’Italia (come del resto non potrebbe fare altrimenti), e attualmente non è affatto distratto dalle voci di mercato circolanti. I giallorossi sono la squadra che più gli hanno dato fiducia visto che in estate, oltre alla Roma, anche il Milan e il Manchester United si erano interessati allo stesso, ma senza troppa convinzione, forse spaventati dalle alte richieste del club di Eindhoven. E’ vero anche che le parole di Advocaat potrebbero mettere la pulce nell’orecchio dello stesso Strootman, che come ogni campione, sogna una vetrina prestigiosa come la Champions League. Sarà quindi fondamentale per la Roma coccolare la propria superstar dimostrandogli di poter competere per gli obiettivi più importanti e magari conquistando quello scudetto che nella capitale attendono ormai da troppi anni. In caso di Europa League, invece, tutto potrebbe succedere… Nel frattempo il ds Sabatini continua a scandagliare il mercato in cerca di possibili talenti da portare a Trigoria. Stando a quanto riportato da Tmw i giallorossi avrebbero individuato tale Golubovic, giovane dell’OFK di Belgrado. Si tratta di un terzino classe 1994, considerato uno dei migliori prodotti del calcio serbo, che la Roma sarebbe pronta ad acquisire fin da subito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori