Roma-Cagliari/ Il pronostico di Leonardo Menichini (esclusiva)

LEONARDO MENICHINI ci presenta Roma-Cagliari, l’interessante anticipo che chiude il programma della tredicesima giornata del campionato di serie A all’Olimpico: insidie per Garcia

taddei_testa
Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto)

Ci vorrà un successo dopo due pareggi per la Roma, per rilanciarsi in campionato, per continuare la fuga scudetto. Stasera alle 20,45 i giallorossi affronteranno allo stadio Olimpico il Cagliari che spesso li ha messi in difficoltà. Ci sarà Daniele Conti, figlio di Bruno, una carriera nella formazione rossoblù, di cui è diventato il simbolo. Ci sarà il cuore di una squadra che vorrà dedicare magari un risultato positivo in quest’incontro alle vittime della tragedia in Sardegna, alleviandone almeno in parte il dolore. Ma la Roma non potrà fermarsi, dovrà per forza vincere, perché questa è la legge del calcio, dello sport. Un match dai tanti significati che potrebbe offrire spettacolo. Per parlarne abbiamo sentito Leonardo Menichini, due anni alla Roma come giocatore dal 1976 al 1978, uno al Cagliari da vice-allenatore nella stagione 1996-1997. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Per la squadra di Garcia sarà necessario vincere dopo due pareggi, partita complicata? Direi di sì, la vittoria sarà d’obbligo dopo due pareggi in cui la Roma meritava qualcosa di più. Sarà un incontro difficile, dove il Cagliari potrebbe mettere in difficoltà la Roma con i suoi giocatori di buon valore tecnico.

Quanto manca Totti alla Roma? Tantissimo. Ha qualità, classe, il colpo del ko, per lui gli aggettivi positivi non finiscono veramente mai.

Quali sono gli altri problemi della Roma? Forse quello di aver perso Gervinho, un calciatore di grande velocità e personalità, ma poi non vedo particolari problemi in una squadra che ha ottenuto finora dieci vittorie e due pareggi.

Serviranno rinforzi a gennaio per pensare allo scudetto? La Roma anche così lotterà per lo scudetto, poi mancano due mesi al mercato e se venisse fuori qualche affare interessante, i dirigenti sicuramente rinforzeranno la squadra giallorossa.

Come il Cagliari potrebbe mettere in difficoltà la Roma? Con le sue ripartenze, contropiedi che potrebbero far male alla Roma.

Sau-Ibarbo è la coppia d’attacco migliore per il Cagliari? Di attaccanti validi i sardi ne hanno tanti, c’è anche Pinilla che è molto bravo e Lopez sa giostrare tutti i giocatori del reparto offensivo.

Quanto mancherà Nainggolan, che è squalificato?
Molto, è un giocatore completo e molto forte che potrebbe mancare tanto in questa partita.

Il suo pronostico?

Vedo la Roma favorita, ma il Cagliari è squadra ostica che potrebbe dare tanto fastidio ai giallorossi e portare anche a casa un risultato positivo.

Un motivo in più per il Cagliari di far bene: dedicare la partita alle vittime della tragedia della Sardegna…
 Direi proprio di sì. E’ una tragedia successa anche per negligenza, in Italia si trascura spesso la prevenzione e si è sottoposta così la Sardegna a questo dramma. Penso che il Cagliari giocherà con uno spirito particolare per la gente della sua terra, che ama veramente fino in fondo la sua regione. Vorrà fare un piccolo regalo a questo popolo così orgoglioso, alleviarne il dolore in questo modo. (Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori