Calciomercato Roma/ Tommasi (ag.FIFA): Burdisso resta! Kucka, anche la Juve (esclusiva)

- int. Adriano Tommasi

In esclusiva per ilsussidiario.net, l’agente FIFA Adriano Tommasi valuta alcuni casi di calciomercato in casa Roma, dalle possibili partenze agli obiettivi chiacchierati in entrata

borriello_strootman
(INFOPHOTO)

Nicolas Burdisso vuole giocare i mondiali brasiliani. Questa notizia può avere ripercussioni di calciomercato per la Roma, che in caso di partenza dell’argentino dovrebbe riflettere sulla situazione difensiva. In questo momento la cessione dell’ex Inter sembra probabile, forse per tornare in patria dove il c.t. Alejando Sabella potrebbe tenerlo sott’occhio. Nel frattempo le indiscrezioni sugli acquisti fanno il loro corso: Juraj Kucka potrebbe preferire la Roma alle altre squadre interessate, mentre Radja Nainggolan sembra più vicino alla Juventus. Gaston Ramirez, conoscenza della Serie A, è riserva nel Southampton e potrebbe cambiare squadra a gennaio: chissà che Walter Sabatini non ci faccia (o non ci abbia già fatto) un pensierino. Per parlare di questi temi di calciomercato sulla Roma ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva l’agente FIFA Adriano Tommasi.

Burdisso vuole il Mondiale: la sua partenza a gennaio è scontata? Non credo perché fino a prova contraria resta l’unica alternativa di esperienza per la coppia difensiva. La sua partenza costringerebbe la Roma a tornare sul mercato.

Crede quindi che la società lo convincerà a restare? Sì, Sabatini lo invoglierà a giocarsi le sue carte nella Roma. Se riuscisse a ritagliarsi il suo spazio sarebbe meglio anche per lui: avrebbe visibilità in una squadra di vertice, piuttosto che in una più modesta. Inoltre in Europa non credo che Burdisso abbia tanti acquirenti, l’unica possibilità sarebbe tornare in Argentina.

Per il centrocampo il nome forte è Kucka che interessa anche alle milanesi: si scatenerà un’asta a gennaio? Avevo già fatto il nome di Kucka per la Roma, come possibile sostituto di De Rossi. La società dovrebbe acquistarlo perché sarebbe un colpo molto valido per la squadra, anche se non un titolare immediato. E’ vero però che la concorrenza è forte: Inter e Milan hanno buoni rapporti con Enrico Preziosi e non escluderei dalla corsa la Juventus, che si muove sempre sottotraccia.

Negli ultimi mesi un uomo-mercato è stato Nainggolan: Kucka è forse meno chiacchierato, si può considerare allo stesso livello? Personalmente preferisco Kucka, anche se Nainggolan sarebbe un innesto ugualmente valido per la Roma. Con il Cagliari i rapporti sono più distesi, la Roma ha anche devoluto l’incasso dell’ultima partita alla Sardegna, dopo la tragica alluvione. Anche questo potrebbe aiutare a riaprire il discorso ma credo che Kucka sia la soluzione migliore.

Gaston Ramirez potrebbe essere il regalo di Sabatini nel mercato di riparazione?

Non credo che possa arrivare a gennaio, anche se il direttore sportivo ha un debole per i giovani sudamericani. Il Southampton l’ha pagato 15 milioni di euro: la Roma non potrà permettersi l’investimento in inverno. Il possibile ingresso in società dei soci cinesi denota una situazione finanziaria non solida, o perlomeno bisognosa di altri appoggi.

Quali movimenti si aspetta a gennaio? Servirebbe un innesto sui terzini, non a caso si parla di D’Ambrosio che sarebbe una bona soluzione, visto che può coprire entrambe le fasce. Marquinho e Romagnoli potrebbero rientrare nelle trattativa, come contropartite tecniche.

La Roma sarà disposta ad inserire nell’affare questi due giocatori, soprattutto Romagnoli? Sì, è probabile che si lavori su formule diverse rispetto al titolo definitivo. Soprattutto nel caso di Romagnoli che è uno dei giovani migliori per il futuro. Però anche considerando come è messo il Torino in difesa, sarebbe la squadra giusta per permettere al difensore di aumentare il suo minutaggio. Anche Marquinho potrebbe accettare la destinazione per giocare di più.

(Carlo Necchi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori