Calciomercato Roma/ Casotti: Menez adesso, Pastore a giugno. Pjanic? Il rischio c’è (esclusiva)

- int. Federico Casotti

FEDERICO CASOTTI, espero di calciomercato francese, ha fatto il punto sulle trattative che riguardano i giocatori del PSG, con particolare riferimento a possibili operazioni con la Roma

PjanicGarcia
Rudi Garcia con Miralem Pjanic (Infophoto)

Supermercato Paris Saint-Germain. Ezequiel Lavezzi, Jeremy Menez e Javeri Matias Pastore sembrano in procinto di salutare Ibrahimovic e compagni e fare ritorno in Italia. Ma sui tre piovono anche le inglesi. Per tre che potrebbero dunque lasciare la capitale francese, Lucas ha annunciato che vuole rimanere e dimostrare, sotto la Torre Eiffel, tutto il suo valore. Intanto, Daniele De Rossi e Miralem Pjanic sembrano allettati dalla proposta del PSG. Del resto lo abbiamo visto in questi anni: vuoi per la presenza di Leonardo come direttore sportivo, vuoi per la stagione e mezza in cui sotto la Torre Eiffel ha lavorato Carlo Ancelotti, il club transalpino è stato legato a filo doppio con la Serie A; finora, però, solo per quanto riguarda le entrate. A parte i tre (più Ibra) sopra citati dobbiamo infatti elencare Sirigu, Thiago Motta, Verratti, Cavani, Marquinhos, Thiago Silva, Maxwell. Un intero undici titolare, insomma, con calciatori comprati dall’Italia. Abbiamo chiesto un parere a Federico Casotti, ex giornalista di SportItalia ed esperto di calciomercato: il trend continuerà con gli addii di Pjanic e De Rossi, oppure le nostre squadre saranno in grado di rifarsi strappando uno dei giocatori che nel multimilionario PSG sono di troppo ma che nella Roma potrebbero fare la differenza? Ecco il punto sul calciomercato di gennaio della Roma.

Lavezzi, Menez e Pastore, “vecchie” conoscenze del campionato italiano, sembrano con la valigia in mano. Biglietto di ritorno per il Bel Paese? Menez mi sembra essere il principale partente perché è in scadenza di contratto e si potrebbe facilmente mettere d’accordo con la società per salutarsi prima – molto probabilmente ora, a gennaio – al fine di monetizzare la partenza.

Mentre per gli altri due Inter (per Lavezzi) e la Roma (per Pastore) sono alla finestra? È molto più complicato. Non sono a scadenza immediata e il PSG, che ha investito molto su di loro, non vuole rimetterci troppo, al di là del fatto che il loro rendimento non è stato all’altezza delle aspettative (soprattutto per quanto riguarda Pastore). Ripeto, la vedo difficile che vadano via a gennaio mentre per giugno il discorso potrebbe cambiare.

E per quanto riguarda invece i rumors che parlano di De Rossi e Pjanic tentati dall’offerta del PSG? Fanta mercato o ipotesi concreta per giugno? Allora, tutti gli anni si dice che De Rossi lascerà la Roma e poi rimane. Io credo che De Rossi possa anche decidere di chiudere la sua carriera in giallorosso nonostante si sia fatto scappare l’occasione di affermarsi a livello internazionale nelle coppe europee (cosa che non gli è riuscita a Roma).

E Pjanic? 

È un discorso diverso. È bosniaco di nascita, ma francese di formazione ed estrazione calcistica: è cresciuto nel Metz e ha giocato nel Lione. Calcisticamente è francese e potrebbe subire il fascino di un ritorno nella Ligue 1 e della squadra più forte del campionato. Si sentirebbe a casa.

Quindi potrebbe davvero salutare la Roma? Sulla carta potrebbe; certo, l’offerta deve essere congrua e se dovesse arrivare una proposta in questo senso dubito che a Roma – nonostante la giovane età del giocatore – possano dire di no…

(Fabio Franchini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori