AURELIO ANDREAZZOLI/ Chi è il tecnico della Roma che sostituisce Zeman

- La Redazione

Aurelio Andreazzoli ha preso il posto dell’esonerato Zeman nelle fila della Roma, probabilmente una sostituzione temporanea in arrivo di un altro allenatore

andreazzoli_R439
Aurelio Andreazzoli (Infophoto)

Esonero ormai nell’aria da tempo quello di Zdenek Zeman, verificatosi puntualmente oggi dopo la nuova sconfitta casalinga della Roma, quella di ieri sera contro il Cagliari (2-4). Una sconfitta di troppo per una squadra con ben altri propositi di classifica e che – nel perfetto stile Zeman – ha continuato per tutto il campionato ad alternare brillanti vittorie con imbarazzanti sconfitte. Per sostituire immediatamente il tecnico licenziato è stato momentaneamente incaricato Aurelio Andreazzoli, che era già stato vice dell’ex allenatore della Roma Luciano Spalletti. Attualmente ricopriva il ruolo di collaboratore dell’area tecnica. Si pensa però a un sostituto fisso e il nome che circola al momento è quello del francese Laurent Blanc, già allenatore della nazionale francese. Altro nome che circola è quello di Marco Giampaolo, allenatore esonerato nel 2011 dal Cesena. Ma vediamo intanto chi è Aurelio Andreazzoli. Di lui Baldini ha detto: Aurelio Andreazzoli ha tutta la nostra fiducia, conosce bene i giocatori. Da tanti anni è nell’ambiente e con lui non si perderà tempo. Abbiamo parlato con la proprietà e valutato qualsiasi posizione, non solo quella dell’allenatore. E’ un atto di responsabilità da parte mia rimanere qui a prendere decisioni. Abbiamo fatto le nostre valutazioni e continueremo a farle”. Nello staff della Roma dal 2005, assistente di Luciano Spalletti durante tutta l’avventura in panchina nella Capitale dell’allenatore oggi allo Zenit San Pietroburgo. In seguito ha continuato a far parte dello staff tecnico della prima squadra giallorossa anche sotto la guida di Vincenzo Montella, quindi di Luis Enrique e infine di Zeman. Andreazzoli, nato nel 1953, ha oggi 59 anni. La sua carriera sportiva era iniziata come giocatore-allenatore in seconda categoria nella squadra dell’Ortonovese, poi passa alle giovanili della Fiorentina. Quindi allena la Massese in C1 nella stagione 1995/96 per passare all’Udinese nel 2003, grazie all’amicizia personale che lo lega a Spalletti che allora allenava i friulani. Sempre insieme a lui arriva a Roma, dove è tutt’oggi. Andreazzoli è molto benvoluto dai tifosi giallorossi e a lui è stato dedicato un particolare gesto tecnico che rese famoso il calciatore della Roma Taddei. Si tratta del cosiddetto “Aurelio” così chiamato proprio in onore di Andreazzoli che in allenamento aveva spesso sollecitato il giocatore a metterlo in atto.

Si tratta di un tipo di dribbling definito variante inversa dell’elastico, il passaggio di palla dall’interno all’esterno del piede con cui si controlla la palla mentre la gamba ruota come un compasso dietro alla gamba di appoggio. Taddei lo eseguì per la prima volta in gara ufficiale il 18 ottobre 2006, durante l’incontro Olympiakos-Roma valevole per la coppa Uefa. Ora invece ad Andreazzoli tocca la ribalta in prima persona: traghettatore solo per pochi giorni o fino al termine della stagione? Questa è la domanda che ora aleggia su Trigoria.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori