AS ROMA/ Spalletti “carica” Andreazzoli: ama i colori giallorossi, rifiutò di seguirmi in Russia. Un mio ritorno? Adesso non posso ma…

- La Redazione

Luciano Spalletti ha voluto mandare un messaggio ad Aurelio Andreazzoli, suo ex assistente, in vista dell’esordio sulla panchina della Roma; e ha parlato di un suo possibile ritorno.

Spalletti
Luciano Spalletti (Infophoto)

Gli attestati di stima per Aurelio Andreazzoli, che domenica farà il suo esordio come allenatore della Roma, arrivano anche dalla Russia. Più precisamente da Luciano Spalletti, che ha guidato i giallorossi per quattro stagioni prima dell’esonero e del trasferimento allo Zenit San Pietroburgo. Andreazzoli era il suo tattico ai tempi di Trigoria; fu proprio lui a varare il con cui Spalletti si fece conoscere in tutta Europa. Il toscano ha voluto mandare il suo messaggio ad Andreazzoli, non prima di aver ribadito il suo dispiacere per come è finita con Zeman: “Mi era piaciuta la scelta di puntare su di lui, e mi dispiace”. Nel corso di un talk show sportivo su Mediaset Italia 2 Spalletti ha poi voluto tessere le lodi del suo ex assistente: “Aurelio è una grande persona e un grande allenatore. A Roma è difficile saper entrare nello spogliatoio, ma il suo biglietto da visita è ottimo perchè pur di rimanere a Roma rifiutò di seguirmi a San Pietroburgo; questo fa capire che ha dentro di sè lo spirito dei giallorossi, vuole bene alla squadra, alla città, ai colori”. La battuta finale apre a un possibile ritorno di Spalletti: “Non posso tornare adesso, ma anch’io voglio bene a Roma”. Potrà farlo a giugno? Chissà, intanto i giallorossi ragionano su altri nomi (in pole position per giugno resta sempre Laurent Blanc, ma anche Massimiliano Allegri è un serio candidato). 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori