CALCIOMERCATO/ Roma, Bofisè (ag.FIFA): Luka Muzenjak? Può arrivare da comunitario, ecco la cifra (esclusiva)

- int. Giuseppe Bofisè

Abbiamo contattato l’ag. Fifa GIUSEPPE BOFISE’ riguardo la fattibilità dell’operazione di mercato che coinvolge la Roma e il terzino croato Luka Muzenjak, classe 1993 che gioca nel Cibalia

croazia_tifosi_fumogeni
Infophoto

Secondo le ultime indiscrezioni di mercato, la Roma sarebbe vicina all’acquisto del terzino croato Luka Muzenjak, giocatore nato nel 1993 che milita nel Cibalia, squadra di metà classifica nel torneo croato. E a cui le italiane stanno guardando con interesse, se pensiamo che anche il Genoa potrebbe attingervi acquistando un altro difensore, Dario Zuparic. Si dice che Muzenjak interessi anche a squadre come il Chievo e il Torino, ma a quanto pare la Roma si è avvantaggiata sulla concorrenza grazie al blitz del ds Sabatini, che ha incontrato la dirigenza del Cibalia per parlare dei giocatori più interessanti. Per parlare di Luka Muzenjak ilsussidiario.net ha contattato in esclusiva Giuseppe Bofisè, agente FIFA esperto di calcio dell’est, che a gennaio ha curato il trasferimento di un altro giovane croato, il centrocampista Josip Radosevic, dall’Hajduk Spalato al Napoli. 

Si parla di Muzenjiak, il terzino croato accostato alla Roma che gioca nella squadra di Vinkovci, il Cibalia. Operazione fattibile? Assolutamente sì, in primis perché è un investimento a costo contenuto. È un giovane del 1993 molto abile nel suo ruolo. Inoltre quando si parla di questi ragazzi va tenuto a mente un fattore.

Ovvero? Che i calciatori croati dal primo luglio diventano comunitari, perchè la Croazia entrerà nella Comunità Europea. La Roma potrà tesserare Muzenjak dal primo di luglio, e sarebbe un’operazione di sicura prospettiva.

Parlava di costi contenuti: attorno quale cifra ci si aggira? Non parliamo certo di un affare alla Kovacic, per capirci. Penso si possa trattare di un investimento ampiamente sotto le decina di milioni di euro, una spesa che non supererà i 5 credo.

(Mattia Baglioni)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori