Calciomercato Roma/ Ionut, 16 anni e allenamento in prima squadra: tutti pazzi del rumeno (esclusiva)

- La Redazione

Il portiere rumeno Pop Ionut, recentemente soffiato alla Juventus, sta sorprendendo tutti nei primi giorni da giocatore della Roma, tanto da essersi già meritato l’allenamento con i grandi

conti_totti
(INFOPHOTO)

Il tifoso medio della Roma oggi non può essere contento al cento per cento. Ha visto partire un talento come Marquinhos e rischia di assistere all’addio anche di Erik Lamela. Osvaldo fa meno testo perchè la sua cessione era nell’aria da tempo, e il rapporto con alcuni tifosi ancora rotto. I dirigenti giallorossi cercheranno comunque di rinforzare la squadra: con i soldi incassati dall’italo-argentino e da Lamela possono arrivare nuo o due giocatori di ottimo livello. Ma c’è un motivo di soddisfazione che viene dall’interno della squadra, e in particolare dagli allenamenti del gruppo guidato da Rudi Garcia. Si tratta del giovanissimo portiere romeno Pop Ionut, classe 1997, recentemente prelevato da Bruno Conti, responsabile del settore giovanile, grazie anche al lavoro dei due agenti FIFA Andrea Banfi e Virgil Colfescu. Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, il ragazzo sta sorprendendo tutti tanto da svolgere il primo allenamento con la prima squadra e farsi conoscere anche dallo staff tecnico. Tutti positivamente sorpresi dal giovane rumeno che ha mostrato qualità non ordinarie, per essere un ragazzo di appena 16 anni. I paragoni già si sprecano per il portierino e questo spesso porta a fare male a questi giovani: la certezza è che la Roma ha acquiatato un talento sicuro soffiandolo alla Juventus. Un giovane estremo difensore che si farà strada nel mondo del calcio anche perché Bruno Conti vigilerà sul ragazzo. E’ stato l’ex giocatore giallorosso, oggi responsabile del settore giovanile, a volere a tutti i costi il calciatore romeno. (Claudio Ruggieri)

Clicca qui per il riepilogo delle principali notizie di calciomercato della Roma di oggi, 23 agosto 2013



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori