PROBABILI FORMAZIONI/ Livorno-Roma, le notizie alla vigilia (Serie A, prima giornata)

- La Redazione

probabili formazioni – La Roma è attesa dall’insidiosa trasferta di Livorno, labronici che tornano in serie A e capitolini alle prese con un’infinità di problemi. Garcia si affida a Totti.

TottiChanel
Infophoto - immagine di repertorio

Torna il grande calcio al Picchi, certo non saranno i fasti segnati dalla pioggia di gol di Lucarelli (e non dimentichiamoci quelli di Protti, importantissimi per la rinascita amaranto) ma la calda piazza di Livorno può riabbracciare il calcio che conta. Neopromossi i labronici, nuova vita anche per la Roma, chiamata ad un nuovo ciclo. Anche se resurrezione sarebbe il termine piò appropriato dopo il lutto sportivo della finale persa in Coppa Italia contro i cugini della Lazio. Gli sfottò non si fermano, un aereo ha solcato e orvolato l’Olimpico ricordando ai giallorossi la batosta in occasione della presentazione ufficiale della squadra e il cielo sopra Trigoria resta denso di nubi. La piazza è stufa, stufa di un progetto che non sboccia mai, stufa di veder partire i pezzi pregiati. Subito nell’occhio del ciclone Rudi Garcia, reo di aver bollato come “laziali” i contestatori. Accusa pesante per il popolo giallorosso. Domani c’è il campo ma si continua a pensare al mercato, che influenza anche le scelte del mister francese in occasione della trasferta in terra toscana. Una gara non proibitiva a vedere i trascorsi, 18 vittorie capitoline su 35 incontri, ma il clima pesante che si respira intorno alla squadra potrebbe giocare brutti scherzi. Il Livorno mira ad un pareggio che darebbe morale e movimenterebbe subito la classifica, in attesa di bottini più cospicui contro le dirette concorrenti.

C’è Paulinho, tanto basta ai tifosi livornesi per nutrire buone speranze in vista dell’esordio stagionale. Il brasiliano, macchina da gol in serie B e accostato alla Juventus nei giorni scorsi, è il terminale offensivo della squadra di Nicola. Accanto a lui ci sarà Dionisi. Sarà un 3-5-2 con Lambrughi in vantaggio per la corsia mancina rispetto a Mbaye. Squalificato ll portiere De Lucia, tra i pali ci sarà Francesco Bardi. Grande promessa, 23enne scuola Inter, Bardi ha esordito 18enne in serie A proprio con la maglia del Livorno. A proposito di vivaio interista, a centrocampo ci sarà il ghanese Duncan, in luce ai mondiali Under 20 e pronto per conquistare la serie A. Belinghieri e Siligardi fuori dall’undici iniziale, Nicola potrà utilizzare la loro qualità in corso d’opera. 

Piove sul bagnato. Come se non bastasse l’indisponibilità di Lamela, sempre meno giallorosso e sempre più vicino al Tottenham, l’attacco è in emergenza totale. Nei momenti di difficoltà ci si affida al carisma dei leader, Garcia farà così utilizzando Totti come centravanti con il dinamismo di Florenzi e Gervinho ad aiutarlo per scardinare la difesa avversaria. Destro infortunato, stessa cosa per la nuova stella Strootman, in difesa si vedono i volti nuovi, Benatia e Maicon, che insieme a Balzaretti e Castan andranno a comporre il quartetto. In mezzo, l’ordine di Bradley, il delizioso Pjanic e il granitico De Rossi. Gara delicatissima, Garcia non può permettersi passi falsi. La piazza non glielo perdonerebbe.

 

Bardi; Bernardini, Emerson, Valentini; Schiattarella, Luci, Greco, Duncan, Lambrughi; Dionisi, Paulinho. All. Nicola.

A disp: Mazzoni, Aldegani, De Carli, Piccini, Benassi, Bartolini, Biasci, Ceccherini, Siligardi, Mbaye, Belinghieri.

Squalificati: De Lucia.

Indisponibili: nessuno.

 De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Balzaretti; Pjanic, De Rossi, Bradley; Florenzi, Totti, Gervinho. All. Garcia.

A disp.: Skorupski, Lobont, Torosidis, Burdisso, Jedvaj, Dodò, Romagnoli, Marquinho, Taddei, Tallo, Lamela, Borriello.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Strootman, Destro.

 

Arbitro: Massa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori