Calciomercato Roma/ L. Paoletti (ag. FIFA): Sabatini più forte. Borriello, ecco la exit strategy (esclusiva)

- int. Luigi Paoletti

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Luigi Paoletti ha parlato del calciomercato della Roma e in particolare del futuro di Walter Sabatini, che potrebbe anche andare via.

pallotta_zanzi
James Pallotta (infophoto)

La Roma di Rudi Garcia, stasera impegnata nella difficile traferta di serie A contro il Parma, dovrà cercare di ritrovare l’Europa in questa stagione, meglio se la Champions League visto che la Uefa versa molti soldi alle squadre che disputano la massima competizione europea. Sarebbe sicuramente una boccata d’ossigeno importante per la società giallorossa che quest’anno per il problema bilancio ha dovuto sacrificare dei giocatori importanti come Marquinhos, Lamela, Osvaldo. Sabatni ha dichiarato in conferenza stampa che anche Pjanic potrebbe andare via nella prossima sessione estiva di mercato se il bilancio non sarà sistemato. Per parlare del mercato della Roma, abbiamo intervistato in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Luigi Paoletti.

Io ho contatti con i dirigenti americani della Roma e mi hanno assicurato che Sabatini è un uomo di Pallotta quindi non andrà via e non arriverà Corvino.

Sabatini ha spiegato che le cessioni di Lamela e Marquinhos sono state necessarie per il bilancio. E’ vero, infatti la società ha avallato queste cessioni perché il bilancio della Roma non è buono.

Potrebbe andare via anche Pjanic? Entrare in Champions League sarebbe importante per la Roma. Garcia però è rimasto stizzito dalle dichiarazioni su Pjanic visto che lo considera importante per il proprio progetto.

Baldini-Sabatini, qualcosa non funzionava? Non credo sia così, però come ha detto Sabatini, a volte ha dovuto accettare decisioni che non gli piacevano. Per esempio l’arrivo di Zeman sulla panchina giallorossa.

Borriello allungherà il contratto spalmando l’ingaggio. Come mai? Sono sicuro che si tratti di una tattica per cercare di cedere il giocatore già a gennaio.

In che senso? Borriello percepirebbe un ingaggio più basso, quindi sarebbe più facile cederlo già a gennaio in qualche altra società.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori