Calciomercato Roma/ Buttner, derby italiano con il Genoa. Notizie del 2 gennaio (aggiornamenti in diretta)

La Roma segue l’esterno olandese Alexander Buttner del Manchester United, ma sulle tracce di questo giocatore c’è il Genoa: in vista un possibile “derby” italiano di calciomercato

02.01.2014 - La Redazione
DAmbrosio_Torino
D'Ambrosio (infophoto)

In questi giorni sul calciomercato circolano tantissimi nomi come possibili obiettivi delle varie di squadre italiane e straniere. La Roma sembra avere messo nel mirino Alexander Buttner, terzino sinistro classe 1989, olandese del Manchester United, squadra nella quale gioca dal 2012 dopo essere cresciuto nel Vitesse. Tuttavia, Buttner sta trovando poco spazio tra i Red Devils, dal momento che nelle gerarchie dell’allenatore David Moyes vengono prima di lui il francese Patrice Evra e il brasiliano Fabio. Ecco perché per lui è ipotizzabile un futuro lontano dalla città inglese, e due squadre della serie A sono in primo piano fra quelle interessate: in effetti, oltre alla Roma c’è pure il Genoa sulle tracce dell’olandese. Il Grifone, che a gennaio deve fare i conti con la partenza di Luca Antonelli in direzione Napoli, sta infatti pensando proprio a Buttner per rafforzare il settore degli esterni, e in questo senso le richieste di Giampiero Gasperini si scontrano con quelle di Rudi Garcia. Il costo del cartellino del giocatore si aggira su una cifra di circa 4 milioni di euro, i due club italiani proveranno a darsi battaglia per portare nel nostro campionato il giovane laterale sinistro in questo mese di gennaio, anche se la formula preferita da entrambe sarebbe il prestito con diritto di riscatto. Resta da capire se vada bene anche ai Red Devils…

Tra i nomi certamente più caldi per questo inverno di mercato giallorosso, c’è quello di Marco Parolo, centrocampista goleador del Parma. La Roma, seguendo le precise indicazioni del tecnico Rudi Garcia, avrebbe trovato nel calciatore ex Cesena il profilo perfetto da inserire nel già corposo pacchetto della linea mediana della squadra capitolina. Se vorrà prelevare Parolo dal Parma, la Roma, dovrà però presentare un’offerta per un’acquisizione a titolo definitivo. Lo ha spiegato quest’oggi in conferenza stampa Pietro Leonardi, ad della società emiliana: “Se c’è un’opportunità valida per il Parma, nel mercato in uscita, verrà valutata. Voglio gente convinta di star qui. Continuano a chiedermi Parolo in prestito, ma lui in prestito non ci va. Non c’è nulla di realmente importante ad oggi”. Un messaggio chiarissimo per le pretendenti al centrocampista nel giro della nazionale italiana.

Continua il tormentone su Danilo D’Ambrosio, l’esterno del Torino che è uno dei pezzi pregiati del calciomercato invernale in Italia. Stando alle ultime indiscrezioni, ci sarebbe da segnalare un rilancio da parte della Roma. L’esterno destro, in scadenza di contratto con i granata nel giugno 2014 e intenzionato a non rinnovare il proprio accordo, è un obiettivo forte e concreto della società giallorossa per rafforzare gli esterni della rosa a disposizione di Rudi Garcia, e il Torino deve venderlo già a gennaio se non vorrà vederlo partire a parametro zero fra pochi mesi. Nei prossimi giorniil direttore sportivo dei giallorossi Walter Sabatini proverà a chiudere l’operazione, e di certo alla società del presidente Urbano Cairo la notizia fa piacere perché potrebbe scatenarsi un’asta che farebbe rialzare il prezzo del cartellino, inevitabilmente basso visto che la sua scadenza è imminente. Infatti, se c’è chi sostiene che la Roma abbia effettuato un sorpasso forse addirittura decisivo nei confronti del Milan, c’è invece chi vede ancora i rossoneri favoriti su D’Ambrosio. In particolare, Sky Sport parla di accordo ormai imminente fra i rossoneri e i granata, favorito anche dall’inserimento di Riccardo Saponara come parziale contropartita tecnica che risulterebbe assai gradita a Giampiero Ventura. Insomma, il futuro di D’Ambrosio si tinge di giallo: Roma o Milan, chi avrà infine la meglio?

Miralem Pjanic piace al PSG ma la Roma non lo cederà se non prima di giugno. Ad ammetterlo è il patron del club parigino, Nasser Al-Khelafi, che intervistato da L’Equipe ha svelato: «Pjanic? Parliamo di un grande giocatore ma ho l’impressione che la Roma non sia disposta a lasciarlo andare in questa sessione invernale di calciomercato. Oggi sono tanti a volere uno come Pjanic ma rispetto il club giallorosso e capisco che non voglia cederlo nel bel mezzo della stagione». Parole che si sposano perfettamente con le indiscrezioni delle ultime ore che vogliono il nazionale bosniaco pronto a rinnovare il contratto con la Roma fino al 30 giugno del 2019. Interessanti anche le parole del numero uno del PSG sul futuro di Pastore, accostato negli ultimi giorni alla Roma: «Pastore non lascerà il PSG. Non vuole andarsene e non è affatto un giocatore infelice. E’ stato uno dei primi grandi giocatori che ha scelto il progetto PSG e noi siamo fedeli ai nostri campioni e allo stesso tempo chiediamo loro fedeltà al PSG. Pastore è un calciatore ed un uomo di grande qualità, forse non sta attraversando un momento facile, può dare di più ma resta uno dei più grandi talenti al mondo».

Nel frattempo è tornato allo scoperto John Heitinga, difensore centrale dell’Everton e della nazionale olandese, da diverse settimane accostato ai club italiani fra cui Roma e Fiorentina. L’ex Ajax sembrava ad un passo dal West Ham ma lo stesso ha detto no come spiegato ai microfoni di Sky: «Alla mia età è importante prendere le giuste decisioni. Ho rifiutato il West Ham e non è stata una questione di soldi, ma ho solamente pensato che non fosse la soluzione giusta per me. Adesso aspetto altre offerte e sono sicuro che troverò una sistemazione entro il prossimo 31 gennaio. Ho ancora fame e voglio giocare tutte le partite da qui alla fine dell’anno per provare a guadagnarmi la convocazione al prossimo Mondiale. So che Van Gaal chiede ai suoi giocatori di scendere in campo tutte le settimane, all’Everton non ho questa possibilità e per questo sono alla ricerca di nuove soluzioni per proseguire al meglio la mia carriera». La Roma potrebbe accelerare le pratiche qualora Nicolas Burdisso dicesse addio: sulle tracce dell’argentino vi sono Milan, Fiorentina e Boca Juniors.

Giungono importanti conferme circa l’interesse della Roma nei confronti di Paul George Ntep, talento francese dell’Under-21 in forza all’Auxerre. Delle avance giallorosse nei confronti del classe 1992 originario del Camerun ha parlato Marjio Knez, procuratore dello stesso, che intervistato da La Gazzetta dello Sport ha spiegato: «La Roma è in contatto con l’Auxerre per il mio assistito. La trattativa tra i due club è in corso, ma penso sia davvero difficile che il giocatore parta addirittura a gennaio: i francesi chiedono molti soldi per il suo cartellino e non so se il tempo a disposizione sia sufficiente per concludere in tempi brevi un affare di questa portata. Vogliamo fare la scelta migliore per la sua carriera, che lo aiuti a crescere. La scelta, quindi, sarà per la squadra che gli darà più possibilità di giocare con continuità». Parole chiare e precise che smentiscono di fatto i rumors circolanti nelle ultime ore che volevano l’Arsenal vicinissima a chiudere l’operazione con l’Auxerre. In attesa di novità dalla Francia è arrivata la firma di Nemanja Radonjic (Partizan Belgrado), talento serbo classe 1996 che sbarcherà a Trigoria a costo zero ma solo a partire dalla prossima estate.

Jorginho è molto vicino alla Roma nonostante i rumors lo diano in orbita Milan. Ne è fortemente convinto l’agente Fifa Parolo con il quale abbiamo colloquiato in esclusiva del mercato dei giallorossi. Il noto Mpasinkatu, invece, consiglia a Sabatini di puntare dritto su Ntep, un vero e proprio fenomeno: qui le sue parole esclusive. Infine, interessanti le parole del collega di Sky, Assogna, che parla di operazione D’Ambrosio ancora possibile: ecco le sue dichiarazioni ai nostri microfoni.

La Roma continua a seguire la situazione di Juan Iturbe. La stella di proprietà del Porto, in prestito all’Hellas Verona fino al 30 giugno del 2014, è secondo molti il primo acquisto dell’estate dei giallorossi. Sembra infatti che fra le varie parti in gioco vi sia una sorta di accordo non scritto che preveda appunto il passaggio del talento di Buenos Aires a Trigoria versando i famosi 15 milioni di euro recitanti dalla clausola sottoscritta fra i veneti e i portoghesi di Oporto. Tutto semplice fin qui se non fosse per il fatto che l’Hellas, favorendo il trasferimento del talento argentino con il passaporto paraguaiano verso la Roma, vorrebbe ottenere qualcosa in cambio, e questo qualcosa si chiama Michael Bradley. Pare infatti che in Veneto siano fortemente interessati al nazionale statunitense di 26 anni che a Roma rappresenta una pedina davvero preziosa. Nonostante veda poco il campo, l’ex Chievo Verona è di fatto il 12esimo uomo, il primo panchinaro a subentrare in campo quando Garcia decide di attuare dei cambi. Dà man forte quando manca uno dei tre pilastri, De Rossi, Strootman e Pjanic, ed è semplice capire perché la Roma non voglia privarsene tanto facilmente.

Nel frattempo la Roma continua a seguire Leandro Paredes, stella argentina del Boca Juniors classe 1994. Il direttore sportivo Walter Sabatini lo sta tenendo d’occhio ormai da mesi ed è in attesa di sferrare il colpo decisivo. A riguardo, a breve il talento di San Justo dovrebbe acquisire la nazionalità spagnola e il conseguente passaporto comunitario, e ciò aprirebbe naturalmente le porte ad un possibile acquisto già in occasione del mercato di gennaio prossimo ad esordire. La Roma non dispone infatti di posti per extracomunitari e dovrebbe quindi rimandare ogni discorso alla prossima estate qualora la questione passaporto non andasse a buon fine. Ricordiamo che Paredes ha diversi estimatori sparsi nel Vecchio Continente e in Italia il ragazzo piace moltissimo anche alla Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori