Infortunio De Rossi / Roma, infiammazione al ginocchio: rinuncia alla convocazione in Nazionale (ultime notizi

- Mauro Mantegazza

Infortunio De Rossi: Roma news, infiammazione al ginocchio. Il capitano rinuncia alla convocazione in Nazionale, stop di 4-5 giorni (oggi, ultime notizie)

de rossi
Daniele De Rossi (LaPresse)

Piove sul bagnato per la Roma e per la Nazionale. Ieri sera era nato un allarme per Daniele De Rossi e oggi è arrivata la conferma: il capitano della Roma soffre a causa di una infiammazione al ginocchio destro e questo infortunio ha impedito a De Rossi di rispondere alla convocazione in Nazionale. De Rossi ieri ha giocato regolarmente per tutti i 90 minuti della partita che la Roma ha vinto a San Siro contro il Milan, ma subito dopo è scattato l’allarme circa le sue condizioni: oggi sono stati effettuati esami più approfonditi, che hanno portato allo stop di De Rossi e di conseguenza alla rinuncia alla convocazione per le partite dell’Italia contro Macedonia e Albania. Non è un problema nuovo per De Rossi, perché questa infiammazione ogni tanto riaffiora e va gestita: Daniele starà fermo per 4-5 giorni, poi ricomincerà ad allenarsi con l’obiettivo di essere presente sabato 14 ottobre per il big-match che subito dopo la sosta opporrà la Roma al Napoli.

ALLARME CENTROCAMPO PER LA ROMA

Lo stop di Daniele De Rossi va ad aggiungersi a quelli di Lorenzo Pellegrini e Kevin Strootman, tutti usciti acciaccati dalla partita pur vinta contro il Milan, dunque in questo senso per Eusebio Di Francesco la sosta sarà una benedizione, perché consentirà alla Roma di avere più giorni per tentare il recupero dei tre centrocampisti, senza i quali la mediana giallorossa sarebbe evidentemente in piena emergenza. Non possono invece essere felici i c.t. di Italia e Olanda, che perdono giocatori importanti (gli azzurri a centrocampo dovranno fare a meno anche di Marco Verratti). D’altronde, per quanto riguarda De Rossi, il problema al ginocchio è ormai una costante per il capitano, che deve convivere con questi stop quando l’infiammazione torna a farsi sentire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori