BASKET/ Eurolega, Cantù sfiora l’impresa con il Fenerbahce. Oggi Milano-Partizan e Siena-Prokom (quinta giornata)

- La Redazione

Ieri sera Cantù ha sfiorato il colpaccio a Istanbul, perdendo 85-83 contro il Fenerbahce solo dopo un tempo supplementare. Stasera in campo Armani Milano-Partizan e Montepaschi Siena-Prokom.

EA7_r400
L'Armani Milano (foto Ansa)

Mentre sul campionato americano si addensano nubi sempre più nere e ora è concreto il rischio che il campionato NBA non parta nemmeno, l’Eurolega – attualmente il più grande torneo di basket al mondo – prosegue il proprio cammino, e si sta disputando la quinta giornata dei gruppi, ultima del girone di andata, dal momento che ogni gruppo è composto da sei squadre.

Ieri sera Cantù ha sfiorato il colpaccio a Istanbul, portando il Fenerbahce ai tempi supplementari. A Istanbul, sul parquet su cui a maggio si giocherà la Final Four, finisce 85-83, con la Bennet ancora a secco in trasferta. Ma se a Vitoria era stato fatale il quarto periodo, stavolta la squadra di Trinchieri riesce a riaprirla nell’ultimo minuto di una partita resa complessa dalla valanga di triple tentate contro una squadra che quanto a stazza ha pochi pari in Europa. Cantù era partita forte, con gran fluidità offensiva e ottimi giochi a due, pescando sempre l’uomo libero. Le seconde linee casalinghe riportano in equilibrio il match perché con loro in campo il Fenerbahce alza in area un muro su cui va a sbattere Cantù: break di 11-4 per il sorpasso al 13′ dei padroni di casa. La stella casalinga Ukic coi suoi errori offre il fianco al rilancio canturino. Però l’attacco Bennet diventa monocorde e quando non perde palla tira da tre: i quattro errori di fila espongono Cantù al 10-0 che fa correre via il Fenerbahce a metà terzo tempo. Quello che Cantù costruisce quando infila finalmente due triple, glielo rimangia il Fenerbahce con i viaggi in lunetta (56-52 a fine terzo quarto). Nell’ultimo quarto Cantù sbaglia ancora otto triple, e senza segnare affonda 65-56 al 35′. Di mestiere ed esperienza, conquistando viaggi in lunetta la Bennet trova il 10-2 per tornare 67-66 a 100” dal termine. A 18” dalla fine un errore in lunetta di Bogdanovic fissa il punteggio sul 73-70: il Fenerbahce non fa in tempo a fare fallo, Mazzarino dall’angolo trova la tripla che manda le squadre all’overtime. Qui però Cantù non supera i propri limiti di serata: non segna dal campo per 4’47”, Sefolosha allunga 79-75 e il Fenerbahce la chiude dalla lunetta. Ora la classifica è intricata, con tre squadre a 6 punti, tra cui Cantù, e le altre a 4 punti. Stasera invece Milano e Siena sono chiamate, la prima a dare continuità al successo nello scontro diretto, la seconda a reagire alla doppia sconfitta Barcellona-Milano.

L’Olimpia ospita il Partizan (diretta tv dalle ore 20.30 su Sportitalia 1) in una sfida tra due squadre appaiate a quota 2 vittorie, quindi questa è una partita assolutamente da vincere per l’Armani per continuare la corsa verso la qualificazione in un girone finora equilibratissimo. Una situazione che ricorda quella del girone dei cugini di Cantù: si può vincere il girone come si può essere eliminati. Scariolo chiederà una conferma ai tre grandi italiani di domenica sera, Gallinari, Mancinelli e Giachetti, mentre Cook deve fare decisamente meglio. Siena invece è più tranquilla in classifica (seconda), la qualificazione è quasi in tasca in un girone dove le gerarchie sono ben definite, e i polacchi sono ultimi senza nemmeno una vittoria; ma proprio per questo si deve vincere. Tre sconfitte consecutive sono una situazione che nella città del Palio non si verifica da tempo immemorabile, e naturalmente Pianigiani la vuole rimandare ancora: la sfida col Prokom sembra l’occasione giusta per rialzarsi. Diretta su Sportitalia 2 a partire dalle 19.45.

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori