NBA/ Si chiude la stagione regolare: ecco la griglia completa delle gare

- La Redazione

Si chiude la stagione regolare NBA: i Bulls conquistano il miglior record assoluto, cadono gli Spurs, vincono all’overtime i Lakers che sfideranno Belinelli

lebron_miami_R40011apr11
LeBron stella di Miami (Foto Ansa)

In un’ultima giornata che aveva poco da dire per una griglia di post – season praticamente definita, le partite rilevanti erano quelle che coinvolgevano, in una sfida a distanza, Chicago e San Antonio in lotta per il primo posto assoluto e Lakers e Mav’s per il secondo posto a Ovest. Mentre i Bulls vincevano, secondo pronostico, contro New Jersey, a Phoenix succedeva l’imprevedibile: i Suns, fuori dai giochi per i playoff e reduci da 3 sconfitte stagionali contro gli Spurs, battono Duncan e compagni. San Antonio, pur non compromettendo il primo posto a Ovest, perde così la testa della lega vedendosi scavalcare dai Bulls, che non toccavano quota 60 vittorie dai tempi di tal Michael Jordan. Una breve parentesi sulla squadra di Thibodeau è doverosa. Tante le somiglianze tra la stagione regolare di questi Bulls e di quelli dell’era vittoriosa di MJ e compagni: dando ormai per scontato il premio di miglior giocatore dell’anno a Rose, l’ultimo mvp consegnato a un giocatore di Chicago è stato nel 1997-1998 a, guarda un po’, Michael Jordan.

A fine anno i Bulls festeggiavano il loro secondo three peat e il fenomeno da North Carolina arrivava al suo sesto titolo NBA e sesto mvp delle finali. In più quando la squadra della “Città del vento” ha superato le 60 vittorie, o ha chiuso la stagione regolare con il miglior record, ha sempre portato a casa l’anello. Coincidenze senza significato? Saranno i playoff a dirlo, già a partire dalla prima serie contro Indiana, non certo la squadra più insidiosa, per usare un eufemismo, del tabellone della Eastern Conference.

 

Contemporaneamente si giocava anche lo scontro a distanza tra Los Angeles e Dallas per la seconda piazza a Ovest, alle spalle degli Spurs. I Mav’s hanno pregustato il sorpasso e il vantaggio del campo sui Lakers sommergendo i New Orleans per 121-89 e vedendo i loro rivali andare ai supplementari contro Sacramento. I giallo viola hanno avuto bisogno del miglior Kobe (36 punti) per avere ragione dei Kings, ma alla fine si sono imposti 110-103, guadagnandosi il secondo miglior record della Western Conference. Ora i giochi sono fatti ,la griglia è completa e da sabato si comincia, finalmente, a fare sul serio!

 

(Giacomo Rampinelli)

 

 

Chicago (1)-Indiana (8)

Miami (2)-Philadelphia (7)

Boston (3)-New York (6)

Orlando (4)-Atlanta (5)

 

 

San Antonio (1)-Memphis (8)

Los Angeles Lakers (2)-New Orleans (7)

Dallas (3)-Portland (6)

Oklahoma City (4)-Denver (5)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori