BASKET NBA/ Denver cade ancora, ai Lakers la classica di Boston

- La Redazione

Vittorie per Lakers (contro i Celtics), Kings, Warriors e Rockets nella notte NBA. A sorpresa cadono i Thunder leader ad Ovest. Ufficializzate anche le riserve per l’All Star Game.

Gasol_Bynum_R400
Gasol e Bynum: 41 punti e 31 rimbalzi in due (Infophoto)

Quattro partite nella notte del basket NBA. I Denver Nuggets, ancora senza Danilo Gallinari, lottano in casa ma perdono contro i Golden State Warriors, giungendo così alla quinta sconfitta consecutiva e interrompendo la striscia di sette successi consecutivi contro i Warriors. Grande protagonista per la squadra della Baia è Stephen Curry, che realizza il suo season high di punti con 36, a cui aggiunge anche 7 rimbalzi e 7 assist. Golden State tira con il 52% dal campo e manda altri 4 uomini in doppia cifra. In casa Denver da segnalare i 26 punti di Arron Afflalo. Classicissima al TD Banknorth Garden di Boston, dove i Celtics sfidano i traballanti Lakers di inizio stagione. I gialloviola si impongono all’overtime in una partita dominata dalle difese, come spesso accade ultimamente tra queste due franchigie. La giocata decisiva è la stoppata di Pau Gasol sul tap in di Allen, dopo che Paul Pierce aveva sbagliato l’arresto e tiro. 27 punti per Kobe Bryant e solito contributo dei due lunghi di Los Angeles: 16 punti e 17 rimbalzi per un convincente Andre Bynum (autore di un canestro decisivo nei supplementari), 25 punti e 14 rimbalzi per Gasol. Top scorer nei Celtics è Ray Allen con 22 punti, Pierce si ferma a 18 mentre Kevin Garnett fa registrare una doppia doppia da 12 punti e 12 rimbalzi. Sorpresa all’Arco Arena di Sacramento: i Kings battono 106-101 gli Oklahoma City Thunder, miglior squadra ad Ovest e secondo record assoluto nella Lega (dietro ai Chicago Bulls). Decisivo il parziale nel quarto periodo che indirizza la W verso i padroni di casa. Solita prova a tutto tondo per Tyreke Evans che scrive 22 punti, 5 rimbalzi e 5 assist, aggiungendo anche 4 recuperi. Per una volta, spiegano tutto i numeri: Sacramento perde appena 12 palloni e va al tiro 99 volte durante la gara, i Thunder hanno 23 turnovers e concludono 77 volte. Non bastano i 33 punti di Russell Westbrook e i 27 di Kevin Durant, Oklahoma City perde la sesta partita stagionale. Ultima partita a Phoenix, dove i Suns cedono agli Houston Rockets trascinati da Goran Dragic, ex di turno: 11 punti e 11 assist uscendo dalla panchina. 16 punti per Luis Scola, uno dei sei giocatori dei Rockets a terminare in doppia cifra. Stesso score per Phoenix, con Frye autore di una solida prova da 21 punti e 10 rimbalzi. Anche qui decide il 22-13 dell’ultimo periodo. Houston continua nel suo ottimo momento di forma. In classifica cambia poco: i Lakers agganciano la quinta posizione ad Ovest ma ci sono tantissime squadre in pochissime partite; a Est la situazione sembra più definita, con Chicago Bulls e Miami Heat a guidare il gruppone e le altre dietro. Intanto nella notte sono stati ufficializzati i nomi delle riserve per l’All Star Game (scelte dagli allenatori, mentre i quintetti sono definiti per voto popolare). Nella prossima pagina i risultati della notte NBA.

 

Boston Celtics-Los Angeles Lakers 87-88 (dts)

R. Allen 22 P, 6 R; P. Pierce 18 P, 9 R, 7 A; K. Bryant 27 P, 5 R, 4 A; P. Gasol 25 P, 14 R, 2 St

 

Denver Nuggets-Golden State Warriors 101-109

A. Afflalo 26 P; Nené 15 P, 5 R; S. Curry 36 P, 7 R, 7 A; K. Thompson 19 P

 

Sacramento Kings-Oklahoma City Thunder 106-101

T. Evans 22 P, 5 R, 5 A; D. Cousins 19 P, 9 R; R. Westbrook 33 P, 6 R; K. Durant 27 P, 8 R

 

Phoenix Suns-Houston Rockets 89-96

C. Frye 21 P, 10 R; M. Gortat 16 P, 9 R; L. Scola 16 P, 6 R; K. Lowry 14 P, 2 R, 1 A

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori