Risultati/ Basket Eurolega livescore in diretta, classifica aggiornata. In campo! (6^ giornata, 11 novembre 2016)

- La Redazione

Risultati basket Eurolega, 6^ giornata del girone: livescore in diretta e classifica aggiornata. Milano vince con l’Anadolu Efes, si gioca il big match Cska Mosca-Real Madrid (11 novembre)

TeodosicCska_arbitro
Foto LaPresse

Il Galatasaray questa sera sta sfidando l’Olympiacos nella sesta giornata di Eurolega: obiettivo primario, cancellare lo zero dalla casella delle vittorie. La squadra turca è rimasta l’unica a non aver ancora vinto in questo inizio di stagione europea; lo scarto medio delle sue cinque sconfitte è di 11,8 punti e questo la dice lunga sull’effettiva competitività. Per il momento il Galatasaray segna 85,4 punti a partita, con 29,8 rimbalzi e 18,8 assist; Austin Daye, che abbiamo visto dominante a Pesaro, nell’ultima stagione, guida il club per punti (14,5) mentre il miglior assist man è Sinan Guler con 4,8. Nel roster del Galatasaray figura anche Vladimir Micov, che ha giocato due stagioni a Cantù prima di passare al Cska Mosca: per il serbo 10,4 punti e 1,8 assist in quasi 26 minuti di utilizzo. In Brianza si era visto anche Alex Tyus, che oggi è il miglior rimbalzista della squadra (6 a gara) e segna 12,6 punti per allacciata di scarpe. L’assenza di una grande stella, come poteva essere il Carlos Arroyo del 2013-2014 (13,7 punti e 5,5 assist) comincia però a farsi sentire; già oggi per arrivare in zona playoff il Galatasaray dovrebbe recuperare tre partite di svantaggio (accumulate in cinque turni). Impresa durissima, ma la stagione è lunga e tante cose potrebbero ancora succedere, a cominciare magari dalla partita contro un Olympiacos che, però, dopo le prime incertezze si è ripreso e sembra essere su ottimi livelli. 

Il Fenerbahçe va a caccia di riscatto nella giornata di Eurolega: la trasferta di Vitoria, alla Fernando Buesa Arena contro il Baskonia, rappresenta la possibilità di riprendere la marcia da parte della squadra turca, clamorosamente sconfitta la scorsa settimana. Uno stop inatteso per Zeljmir Obradovic: sul parquet di casa la finalista dell’Eurolega 2015-2016 ha perso contro l’Unics Kazan, che fino a quel momento non aveva ancora raggranellato vittorie. Non è la prima volta che il Fenerbahçe va incontro a sconfitte inattese: lo scorso anno, nel primo turno, lo Strasburgo che avrebbe chiuso con record 3-7 e ultimo posto vinse clamorosamente91-70, trovando una prestazione da 22 punti con 9/13 dal campo di Kyle Weems (oggi impegnato in Champions League con il Besiktas) e costringendo i turchi a tirare con il 35,9% da 2 punti (1/7 per Gigi Datome). Quel Fenerbahçe perse 5 partite delle 27 giocate per arrivare alla Final Four; una di queste fu clamorosa, e la storia potrebbe ripetersi adesso perchè la sconfitta casalinga contro l’Unics Kazan è stata senza ombra di dubbio la più grande sorpresa nelle prime cinque giornate del primo turno di Eurolega.

Una nuova serata di Eurolega prende il via venerdì 11 novembre. Mancano tre risultati per definire il quadro completo della sesta giornata; risultati che potrebbero lanciare ancor più almeno tre squadre in classifica. Olympiacos, Cska Mosca e Fenerbahçe hanno impegni non semplici: i greci sono ospiti del Galatasaray che, non avendo vinto una singola partita in questo inizio di stagione, ogni settimana che passa ha una motivazione ulteriore per aggredire la partita, perchè il girone unico sarà anche lento e imprevedibile ma cinque sconfitte consecutive pesano eccome. In trasferta anche il Fenerbahçe, che deve rialzare la testa dopo l’inattesa caduta interna contro l’Unics Kazan ma gioca sul parquet del Baskonia, che ritrova Andrea Bargnani e dunque avrà un’arma in più per provare a fermare una delle grandi favorite per la vittoria del titolo. Infine il Cska Mosca: capolista del girone, unica squadra imbattuta, la formazione campione in carica è in casa, ma gioca contro quel Real Madrid che fino a qui ha perso soltanto una partita e che sembra essere tornato sui livelli che gli avevano consentito di vincere l’Eurolega nel 2015. Pur privo di Sergio Rodriguez volato in NBA (a Philadelphia), il club allenato da Pablo Laso resta insidiosissimo e fortissimo; Luka Doncic, che si era già fatto notare lo scorso anno, è maturato fino a diventare elemento importante della squadra e veterani come Sergio Llull (tutta da vedere la sfida con Milos Teodosic) e Rudy Fernandez sicuramente non lasceranno nulla di intentato.

Termina il primo round di partite per la sesta giornata di Eurolega: l’Olimpia Milano vince e convince, certamente deve ancora sistemare qualcosa in difesa ma intanto dimostra di avere pochi rivali quando si tratta di attacco, segna più di 100 punti e contro l’Anadolu Efes si prende la terza vittoria nel girone, rimettendosi in corsa e potendo ora sfruttare un altro match interno (contro il Baskonia). Il Panathinaikos batte il Maccabi Tel Aviv all’overtime, rischiando di suicidarsi: avanti anche di 15 punti si fa rimontare, subisce la rimonta del Maccabi ma a 9 secondi dalla sirena impatta con James Gist, poi domina il supplementare salendo a 4-2. Abbiamo già parlato della vittoria del Darussafaka contro il Bamberg; al Palau Blaugrana il Barcellona rischia ancora di gettare al vento la partita contro lo Zalgiris Kaunas (come aveva fatto contro la Stella Rossa), anche in questo caso è il secondo quarto quello in cui i catalani sono molli e si fanno rimontare andando sotto, poi Tyrese Rice accende il turbo, mette in ritmo i compagni (compreso il ventitreenne svedese Marcus Eriksson, autore di un’ottima prova) e porta a casa la quarta vittoria – con brivido finale, perchè lo Zalgiris non molla di un centimetro fino alla sirena – che gli permette di continuare a stare a ridosso delle prime della classe. Per la settima giornata si torna in campo martedì 15 novembre: è infatti previsto un altro turno doppio nella prossima settimana.

Inizia finalmente anche il sesto impegno dell’Olimpia Milano in questa Eurolega, e con esso a stretto giro di posta il match tra Barcellona e Zalgiris Kaunas; si sta dunque per chiudere la giornata odierna del torneo continentale (ad Atene si sta giocando Panathinaikos-Maccabi Tel Aviv), nel pomeriggio ricordiamo i primi due risultati finali. Abbiamo già parlato della vittoria dell’Unics Kazan sulla Stella Rossa, grazie a un Keith Langford che nel momento più caldo ha realizzato la tripla valsa il +1 per i russi che dopo aver battuto il Fenerbahçe in Turchia si prendono un’altra vittoria. Più tardi il Darussafaka Dogus di David Blatt ha superato di misura il Bamberg di Andrea Trinchieri: ottima partita di Will Clyburn che ha segnato 17 punti e soprattutto ha recuperato il pallone che, consegnato a Brad Wanamaker, ha sancito il canestro del definitivo 72-70. Niccolò Melli, che ha tirato male, ha sbagliato il tiro del pareggio; adesso per il Bamberg la situazione si fa dura, le sconfitte in questa Eurolega diventano quattro e anche per Trinchieri diventa ora necessario invertire la rotta. Adesso però è tempo di stare a vedere come andranno le cose al Mediolanum Forum, dove Jasmin Repesa cercherà di stabilire se la sfuriata post-Torino sarà servita per dare una svolta mentale e psicologica ai suoi giocatori.

Si conclude con la vittoria dell’Unics Kazan la partita inaugurale della quarta giornata di Eurolega. I russi conquistano così la seconda affermazione consecutiva rilanciando le loro ambizioni in termini di qualificazione; altra grande prova di Keith Langford, che tira male (7/19) ma realizza 23 punti conditi da 5 rimbalzi, con un 7/7 dalla lunetta che incide molto sul risultato. Latavious Williams sfiora la doppia doppia (10 punti e 9 rimbalzi), dall’altra parte la Stella Rossa che perde la quarta gara del suo girone ha 11 punti da Nate Wolters ma ben poco dagli altri (l’unico altro giocatore in doppia cifra è Ognjen Kuzmic, anche lui a 10 punti e 9 rimbalzi) e nonostante le poche palle perse (9) non trova la via della vittoria anche perchè perde (29-35) la sfida sotto i tabelloni. Nell’altra partita in corso è perfetta parità (40-40) tra Darussafaka Dogus e Bamberg; rimaniamo in attesa dell’inizio di Olimpia Milano-Anadolu Efes, una partita molto importante per la sorte della squadra allenata da Jasmin Repesa che arriva da tre sconfitte consecutive e ha bisogno di risalire la corrente. 

, che inaugura il programma odierno di Eurolega, può tranquillamente essere considerata una partita che mette a confronto due outsider, che partono in secondo piano rispetto alle vere favorite per il passaggio del turno. Sarebbe però sbagliato sottovalutarle, perchè entrambe hanno ottimi argomenti da schierare hanno già dimostrato di potersela giocare. Prendiamo ad esempio l’Unics Kazan: i russi hanno intanto il miglior realizzatore del torneo (Keith Langford con 24,8 punti) e nelle quattro sconfitte consecutive hanno sempre chiuso in vantaggio il primo tempo, per poi crollare nella ripresa. La vittoria che ha tolto lo zero dalla casella è stata poi clamorosa: in casa del Fenerbahçe, finalista della scorsa edizione e ancora imbattuto. La Stella Rossa non ha nomi altisonanti nel suo roster (il miglior realizzatore è Marko Guduric con 12 punti di media), ma ha già vinto due partite; una in casa del Galatasaray, che avrà anche zero vittorie ma è pur sempre una squadra ostica soprattutto sul terreno amico. L’altra, ancor più importante, contro il Barcellona con un parziale pazzesco di 16-0 negli ultimi tre minuti e mezzo del secondo quarto, che ha definitivamente girato la partita in favore dei serbi. 

Nella giornata odierna di Eurolega alla Volkswagen Arena di Istanbul vivremo una bella sfida tra due allenatori che sono di primo livello nel basket europeo. David Blatt, coach del Darussafaka Dogus, è un signore che ha vinto un’Eurolega pazzesca con il Maccabi Tel Aviv, facendo fuori il Cska Mosca in semifinale e poi battendo il Real Madrid con due rimonte epiche (era il 2015) e nel suo palmarès figurano anche una Europe League (con la Dinamo San Pietroburgo), una Lega Adriatica, cinque campionati israeliani e l’accoppiata scudetto-Coppa Italia con la Benetton Treviso; arrivato in NBA per guidare i Cleveland Cavaliers del rientrante LeBron James, dopo un record di 83-40 è stato esonerato ma, si può dire, ha contribuito allo storico titolo della franchigia dell’Ohio. Andrea Trinchieri si è formato nella sua Milano, allenando in cinque finali nazionali con le formazioni giovanili e poi facendo il vice per sei stagioni. A Soresina, in tre anni, ha portato la squadra alla promozione in LegaDue mentre a Veroli si è giocato contro Varese la partita decisiva per la salita in Lega A all’ultima giornata. Chiamato da Cantù, in un quadriennio ha vinto due volte il premio di miglior allenatore del campionato, ha giocato una finale scudetto e due semifinali oltre a due finali di Coppa Italia, vincendo infine la Supercoppa Italiana battendo la Montepaschi Siena. Dopo il passaggio all’Unics Kazan è arrivato al Bamberg, con cui ha vinto due scudetti consecutivi (il secondo anno senza perdere una singola partita ai playoff) ed è arrivato alle Top 16 di Eurolega. 

Sesta giornata in Eurolega 2016-2017: prosegue il torneo di basket che da quest’anno ha cambiato formula e prevede un girone unico da 16 squadre (di fatto una Top 16 allargata a comprendere anche il primo turno) con otto squadre che si qualificano per i playoff. Presto per fare calcoli ovviamente, ma ci sono dei trend già piuttosto disegnati e quindi la situazione sta lentamente iniziando a definirsi.

Andiamo però con ordine, e presentiamo la giornata: si parte giovedì 10 novembre con Unics Kazan-Stella Rossa (ore 17), Darussafaka Dogus-Bamberg (ore 18), Panathinaikos-Maccabi Tel Aviv (ore 20:15), Olimpia Milano-Anadolu Efes (ore 20:45) e Barcellona-Zalgiris Kaunas (ore 21), mentre venerdì avremo Galatasaray-Olympiacos (ore 18), Cska Mosca-Real Madrid (ore 18:30) e Baskonia-Fenerbahçe (ore 21). 

L’Olimpia ha perso le ultime tre partite, e Jasmin Repesa ne ha approfittato per strigliare pubblicamente la sua squadra accusata di scarso approccio mentale alle gare. Che lo abbia fatto dopo aver vinto a Torino, in campionato, è indicativo di una tensione che il tecnico croato vuole sempre mantenere viva, perchè sa bene come in Eurolega si vinca solo e soltanto avendo la giusta mentalità minuto per minuto. L’Efes che arriva al Forum è una squadra in ripresa, capace di battere il Panathinaikos e dunque da prendere con le molle; una quarta sconfitta farebbe scivolare Milano a 2-4 e recuperare due partite di deficit sul 50% di vittorie potrebbe non essere così immediato.

Il big match naturalmente è quello della MegaSport Arena di Mosca: il Cska è l’unica squadra ancora imbattuta di tutto il torneo e fin qui ha giocato senza inserire la quinta, il Real Madrid ha perso solo contro il Baskonia (in casa) ma ha fatto vedere che quando vuole giocare e accelerare ha ancora pochi eguali in Europa. Interessante anche valutare la reazione del Fenerbahçe, scottato dalla sconfitta interna contro l’Unics Kazan: non è semplice la partita contro il Baskonia, che ancora senza Andrea Bargnani ha vinto a Belgrado grazie al trio Shane Larkin-Rodrigue Beaubois-Johannes Voigtmann (43 punti, 14 rimbalzi e 10 assist combinati) e ha girato il suo record in un 3-2.

A quota tre vittorie c’è anche il Barcellona: squadra “pazza” se ce n’è una, capace di vincere semi-dominando a Kazan e Tel Aviv per poi cadere sul campo della Stella Rossa subendo 20 punti di parziale in un quarto. Con zero vittorie è rimasto solo il Galatasaray, il cui scarto medio nelle sconfitte supera gli 11 punti; i turchi però hanno brillato nella trasferta di Madrid cedendo solo nel finale, in casa contro l’Olympiacos potrebbero anche smuovere la loro classifica ed entrare finalmente nella competizione.

 

Giovedì 10 novembre

RISULTATO FINALE Unics Kazan-Stella Rossa 65-62 (Langford 23, L. Williams 10+9 rimbalzi, Banic 10; Wolters 11, Kuzmic 10+9 rimbalzi, L. Mitrovic 9+7 rimbalzi, Simonovic 9)

RISULTATO FINALE Darussafaka Dogus-Bamberg 72-70 (Clyburn 17, Bertans 15, Wanamaker 11+5 assist, Moerman 11+9 rimbalzi; Strelnieks 14, Theis 13, D. Miller 12+6 rimbalzi)

RISULTATO FINALE Panathinaikos-Maccabi Tel Aviv 83-75 dts (C. Singleton 26+6 rimbalzi, Calathes 13+6 assist, Gist 12+8 rimbalzi; Weems 15+5 assist, Goudelock 14+4 assist, Zirbes 12)

RISULTATO FINALE Olimpia Milano-Anadolu Efes 105-92 (R. Sanders 22+7 rimbalzi, A. Gentile 17, Simon 14+9 rimbalzi+8 assist; Heurtel 18+7 rimbalzi, Dunston 17+8 rimbalzi, D. Brown 16+7 rimbalzi)

RISULTATO FINALE Barcellona-Zalgiris Kaunas 92-86 (T. Rice 20, Koponen 16, Vezenkov 12; Motum 26, Jankunas 12, Kavaliauskas 10)

 

Venerdì 11 novembre

RISULTATO FINALE Galatasaray-Olympiacos 89-87 (Dentmon 22, Diebler 17; Mantzaris 19, Printezis 17)

RISULTATO FINALE Cska Mosca-Real Madrid 91-90 (De Colo 28, Teodosic 15; Llull 21, Carroll 13)

Ore 21:00 Baskonia-Fenerbahçe 0-0

 

Cska Mosca 6-0

Fenerbahçe 4-1

Real Madrid 4-2

Panathinaikos 4-2

Barcellona 4-2

Darussafaka Dogus 4-2

Baskonia 3-2

Olympiacos 3-3

Olimpia Milano 3-3

Bamberg 2-4

Maccabi Tel Aviv 2-4

Stella Rossa  2-4

Unics Kazan 2-4

Anadolu Efes 2-4

Zalgiris Kaunas 1-5

Galatasaray 1-5

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori