NBA FINALS 2016 / Video Golden State-Cleveland Cavs: highlights, LeBron James stoppa Curry! (game-5, 14 giugno)

- La Redazione

Video Golden State Warriors-Cleveland Cavaliers, risultato finale 97-112: gli highlights di gara-5. 41 punti a testa per LeBron James e Kyrie Irving, serie sul 3-2 per i Warriors

LeBronSteph
LeBron James e Stephen Curry (Infophoto)

Un LeBron James stella quello di ieri sera conto i Golden State Warriors di Step Curry, che ha portato alla vittoria per 112 a 97 Cleveland. Siamo a game 5 delle Finals di NBA, e Golden State che capeggia la serie per 3 a 1 si pregusta una vittoria annuniciata sul parquet di casa, l‘Oracle Arena. Ma il duo LeBron e Irving vanifica completamente i piani di Curry e compagni. La coppia stellare porta a casa il record di 40 punti a testa in una sola partita e un entusiasmante vittoria che alimenta le speranza dei tifosi dei Cleveland Cavaliers. Tante le azioni spettacolari nella partita di ieri, ma ora voglia mettere in evidenza una sola in particolare. Siamo alla fine del secondo quarto con Cleveland che guida a 32 punti mentre Golden State arranca a 29. Stephen Curry tenta l’allungo raggiungendo il metallo ma LeBron Jame, dall’alto dei suoi 2 metri di altezza si eleva e con un colpo allontana la palla a spicchi, che Curry dava già per dentro al canestro. Un’azione spettacolare, forse la migliore di tutta la stagione, caratterizzata dall continuo studio e scontro tra questi due giganti del basket americano.

Da solo non è bastato a contenere il duo stellare di LeBron e Irving, che stanotte hanno giudato Cleveland verso la vittoria di gara 5, match decisivo per le Finals di NBA. Una vittoria eccezionale e meritata nei confronti di un Golden State non particolarmente brillante. Complice forse l’assenza per squalifica di Green, ieri notte i Warriors hanno stentato a trovare il ritmo sopraffatti da Irving e LeBron, autori di 41 punti a testa, un vero record nella storia dell’NBA. L’unico a brillare nella formazione Golden State rimane Klay Thompson, che ha provato a tirare avanti la squadra senza però successo. Per lui una prestazione di tutto rispetto con 37 punti, di più rispetto a Stephen Curry, imbrigliato della attenta e precisa difesa dei Cavalier, la quale non ha lasciato spazi. Nonostante la splendida prestazione di Thompson,  da solo non è stato in grado di portare alla vittoria la squadra, mentre i tifosi di Golden State, sperano che il loro idolo Curry si svegli dall’apatia e possa portarli alla vittoria. L‘assenza di Green ha lasciato un vuoto molto pesante nella difesa dei Warriors, ma per fortuna il giocatore ritornerà in campo per gara 6, che potrebbe essere quella decisiva.

Una gara eccezionale quella di ieri sera tra Golden State e Cleveland, conclusasi per 97 a 112: un risultato che riapre la sfida in queste emozionanti Finals di Nba. Al momento rimangono i Warrios in testa alla serie (3 a 2), ma la seconda vittoria ottenuta ieri sera dai Cavaliers, cancella la festa prematura di Golden State. Tutto si ridiscuterà in gara 6, prevista in casa Cleveland. La partita di ieri ha avuto due protagonisti assoluti e cioè Kyrie Irving e LeBron James, totalizzatori entrambi di ben 41 punti a testa. LeBron si conferma la superstar di queste Finals, con 41 punti, 16 rimbalzi e 7 assist, mentre Irving entra defitivamente nell’olimpo dei grandi con 41 punti segnati in 24 tiri. LeBron e Irving sono i primi compagni di squadra nella storia delle Finals con almeno 40 punti personali in una partita, un vero record che verrà scritto nel libro della storia dell’NBA. I Cavaliers escono rinnovati e rinfrancati da questa finale speciale, consci del loro potenziale e con due pilastri come Irving e LaBron su cui contare nei momenti decisivi. La sfida di giovedì notte sarà sicuramente assai emozionante anche per il ritorno in campo dopo la squalifia di Green, ma Golden State potrebbe dover fare a meno di Bogut, infortunato.

, gara-5: colpo esterno dei Cavs che s’impongono sul difficilissimo parquet della Oracle Arena e tengono in vita la serie delle finali NBA. Ora la situazione vede Golden State ancora in vantaggio ma per 3 vittorie a 2, la squadra californiana avrà un altro match point in gara-6 che si giocherà però alla Quicken Loans Arena di Celeveland, nella notte italiana tra giovedì e venerdì (palla a due ore 03:00). Un equilibratissimo primo tempo ha fatto registrare il più alto numero di punti, ben 122 (61-61), in una frazione delle finali dal 1987. Record anche per LeBron James e Kyrie Irving, che sono diventati i primi due compagni di squadra a toccare assieme quota 40 nella stessa partite delle Finals. Il Prescelto ha chiuso con l’ennesima doppia doppia, aggiungendo alla suddetta dote di punti anche 16 rimbalzi (e 7 assist, con solo 2 palloni persi); 41 punti anche per Irving che ha condito il tutto con 6 assist. Nel terzo periodo Cleveland ha segnato la bellezza di 32 punti allungando sul +9, vantaggio poi gestito nei 12′ conclusivi. A Golden State non è bastata l’ennesima prova combinata degli Splash Brother: molto positivo Klay Thompson, autore di 37 punti con 11/20 al tiro, meno continuo Stephen Curry che ha infilato 8 dei 21 canestri tentati (5/14 da tre, percentuale totale al tiro del 38,1%). In doppia doppia Andre Iguodala con 15 punti e 11 rimbalzi oltre a 6 assist, ai campioni in carica è pesata l’assenza di Draymond Green che tornerà in gara-6 dopo la squalifica.

Nella notte italiana tra lunedì 13 e martedì 14 giugno 2016 si può assegnare il titolo del basket NBA: Golden State Warriors e Cleveland Cavaliers sono di fronte alla Oracle Arena di Oakland per gara-5 delle finali, palla a due alle 03:00 ora italiana.

Golden State è in vantaggio per 3-1 nella serie al meglio delle sette partite: con un altro successo metterebbe la parola fine ai playoff e confermerebbe il titolo conquistato l’anno scorso, sempre a spese di Cleveland (4-2). I Cavaliers dal canto loro sanno di non poter più sbagliare e per mettere le mani sull’ambito anello hanno bisogno di tre vittorie consecutive.

L’eventuale gara-6 è fissata per la notte di venerdì (17 giugno) sul parquet di Cleveland, mentre per la bella si tornerebbe alla Oracle Arena domenica 19 giugno. Golden State punta a chiudere subito il discorso ma in gara-5 deve fare a meno di uno dei suoi giocatori chiave ovvero Draymond Green; l’ala ventiseienne ha ricevuto la squalifica dalla Lega per una partita, dopo la manata alle parti basse rifilata all’avversario LeBron James nell’ultimo match.

In cui i Warriors hanno firmato il primo colpo esterno delle Finals andando a vincere per 97-108 alla Quicken Loans Arena di Cleveland. I Cavs hanno chiuso il primo tempo in vantaggio di 5 lunghezze, sul 55-50, nel secondo però Golden State ha prodotto un break di 58 punti a 42 riuscendo a sbancare il parquet avversario. Stephen Curry è stato il top scorer dell’incontro con 38 punti, accompagnati dai 25 di Klay Thompson; a Cleveland non è bastato un Kyrie Irving da 34 punti con 14/28 al tiro dal campo, nè la doppia doppia di LeBron James arrivato a 25 punti a 13 rimbalzi.

Si è rivisto in campo anche Kevin Love che aveva saltato gara-3 per un trauma cerebrale: per l’ex Timbewolves 11 punti in 25 minuti partendo dalla panchina. Da notare che per la prima volta in una serie finale una squadra ha realizzato più canestri da tre che da due punti: i Warriors hanno colpito per 17 volte (su 36) da oltre l’arco e 16 dall’interno dell’area.

Gara-5 delle finali NBA tra Golden State Warriors e Cleveland Cavaliers sarà trasmessa in diretta tv da Sky sul canale Sport 2 HD, il numero 202 dello SkyBox: prepartita dalle ore 02:45 e telecronaca dalle 03:00. I clienti Sky abbonati al pacchetto Sport potranno seguire il match anche in diretta streaming video, tramite l’applicazione SkyGo disponibile per pc, tablet e smartphone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori