DIRETTA / Fortitudo Bologna Montegranaro (risultato finale 74-63) info streaming video e tv: è finita! (A2)

- Claudio Franceschini

Diretta Fortitudo Bologna Montegranaro, info streaming video e tv: orario e risultato live. Gianmarco Pozzecco torna al PalaDozza e lo fa nelle vesti di allenatore della Consultinvest

Pozzecco_Varese_conferenza_lapresse_2018
Diretta Mantova Fortitudo Bologna, basket A2 Est (Foto LaPresse)

DIRETTA BOLOGNA MONTEGRANARO (74-63): ULTIMO QUARTO

Italiano apre l’ultimo quarto con un formidabile tiro da 3 che porta la Fortitudo avanti di ben 7 punti. Amoroso dal cuore dell’area emiliana risponde provando a scuotere i suoi. I padroni di casa si confermano molto freddi e precisi nei tiri da fuori area: Cinciarini imita il compagno di squadra con una bomba che porta il risultato sul 54-46. Corbett accorcia immediatamente ma Montegranaro sembra non averne più. Italiano duetta con Cinciarini e penetra in area avversaria andando a schiacciare indisturbato. In questa fase la XL Extralight si affida alle sfuriate di Corbett, le quali però non bastano a neutrlizzare la forte pressione degli emiliani. Amici, Okereafor e Rosselli vanno a segno mostrando che Fortitudo quando vuole sa giocare benissimo. Azioni corali e qualche spunto di livello conducono i bolognesi a una vittoria preziosa. Risultato finale 74-63.

TERZO QUARTO

Il primo periodo del terzo quarto di Fortitudo-Montegranaro è segnato da due fasi offensive piuttosto sterili. Le due squadre, infatti, propongono due attenti reparti difensivi complicando notevolmente lo sviluppo dell’azione avversaria. Powell rompe l’incantesimo siglando due punti che rivitalizzano la gara. Mancinelli risponde e Bologna va in vantaggio. Gli ospiti non ne vogliono sapere di mollare e ribaltano subito il parziale grazie a Campogrande. La gara vive di continui strappi. Amici e Rosselli riportano avanti i locali. Bologna riesce a chiudere le offensive avversarie, Cinciarini nel finale sbaglia un tiro da 3. Risultato parziale a 10 minuti dallo scadere: 48-44.

SECONDO QUARTO

Campogrande accorcia subito le distanze. Ci pensa Amici a tenere per il momento a distanza di sicurezza gli ospiti. La Consultivest gestisce il vantaggio cercando di contenere gli sforzi avversari. Italiano firma il 23-19 e per i felsinei le cose sembrano mettersi bene. Il pubblico bolognese assiste però a un improvviso calo fisico della Fortitudo. Gli ospiti ringraziano e ne approfittano per ribaltare completamente la situazione. Powell e Campogrande ne infilano uno dopo l’altro e gli ospiti vanno sul +6 con uno 0-10 che lascia tutti a bocca aperta. I padroni di casa reagiscono bene, grazie anche alle numerose sostituzioni effettuate. Cinciarini e Mancinelli guidano la riscossa. La Fortitudo riesce ad andare all’intervallo in vantaggio. Risultato parziale 35-34.

PRIMO QUARTO

Il match viene sbloccato da Okereafor, abile a insaccare portando in vantaggio la Fortitudo. Nelle prime battute del match i padroni di casa riescono a ben gestire il pallone, coprendo bene quando costretti a difendere. Al secondo minuto di gioco Rosselli indovina il tiro rapido dal cuore dell’area: 7-1. Montegranaro prova ad affidarsi a Corbett. Il numero 21 degli ospiti riesce a trovare qualche canestro importante ma il match resta comunque in saldo possesso di Bologna. Nel finale di primo quarto gli emiliani rallentano permettendo agli avversari di rientrare in partita. Fine primo quarto sul parziale di 18-15.

PALLA A DUE!

Siamo alla palla a due di Fortitudo Bologna Montegranaro. Il PalaDozza si prepara ad accogliere un avversario tostissimo, che all’andata aveva dominato al PalaSavelli. La partita era finita con il risultato di 83.65, ma già alla fine del primo tempo Bologna era sotto 43-31; nel terzo periodo aveva tenuto botta, ma poi la Poderosa aveva nuovamente allungato nei 10 minuti conclusivi portando a casa la vittoria. C’era stata una grande prestazione di Eugenio Rivali: 12 punti con 4/5 dal campo e 2/2 dall’arco, 4 rimbalzi e ben 10 assist per un 26 di valutazione che lo aveva reso MVP della sfida. Benissimo anche Marshawn Powell e Lamarshall Corbett (19 punti a testa, per il primo anche 9 rimbalzi) e doppia cifra per il solito Valerio Amoroso (16 punti, 5 rimbalzi e 5 assist); nella Fortitudo aveva brillato Daniele Cinciarini (19 punti con il 70% al tiro, 4 rimbalzi e 2 recuperi) ma la squadra aveva avuto pochissimo dagli altri, ad eccezione forse di Alex Legion che aveva chiuso con 15 punti e 3 rimbalzi ma anche 5/13 dal campo. Adesso siamo pronti per vivere la sfida del ritorno, che si preannuncia appassionante: come andranno le cose al PalaDozza alla vigilia di Pasqua? Scopriamolo insieme dando la parola al campo: finalmente Fortitudo Bologna Montegranaro sta per cominciare! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Fortitudo Bologna Montegranaro non sarà trasmessa in diretta tv, come tutte le partite del campionato di Serie A2; non avrete a disposizione nemmeno una diretta streaming video per seguire la partita, ma le informazioni utili arriveranno come di consueto dal sito ufficiale del campionato, che trovate all’indirizzo www.legapallacanestro.com e che vi fornirà il tabellino play-by-play, le statistiche dei giocatori in campo e anche le notizie relative alla classifica dei due gironi e dunque la situazione in termini di qualificazione al playoff e lotta per la salvezza.

IL RITORNO DEL POZ

Gianmarco Pozzecco è pronto: Fortitudo Bologna Montegranaro segna il suo ritorno al PalaDozza e al mondo delle Aquile dopo 13 anni. L’eclettico playmaker ha giocato con la maglia biancoblu tra il 2002 e il 2005; ha disputato due finali scudetto consecutive perdendole (contro Treviso e Siena) e quando finalmente la squadra ha messo le mani sul tricolore, battendo l’Olimpia Milano per 3-2 con il famoso tiro di Ruben Douglas rivisto dagli arbitri, Pozzecco era già emigrato in Spagna – al Saragozza – a causa di dissapori nati con Jasmin Repesa, suo unico allenatore in quel triennio. Successe ad aprile: un comunicato gelido, nel quale si parlava di sospensione a tempo indeterminato. La causa scatenante? Tante, un rapporto sempre teso con il tecnico croato che prese la decisione ultima dopo un timeout ad Avellino nel quale si era avuto l’ennesimo alterco. Sarebbe poi stato Zoran Savic, all’epoca General Manager, a spiegare come Repesa avesse chiesto alla società di avallare il provvedimento. Cosa avvenuta prontamente: “Conta quello che c’è scritto davanti alla maglia, non dietro” aveva detto il dirigente, riferendosi all’ego di Pozzecco che rischiava di oscurare il bene del gruppo. Finì dunque che la Mosca Atomica volò nella Liga ACB (ma non al Real Madrid, che pure pareva avergli messo gli occhi addosso) mentre la Fortitudo vinse lo scudetto; oggi forse Pozzecco ha qualcosa da farsi perdonare. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Fortitudo Bologna Montegranaro si gioca alle ore 20:30 di sabato 31 marzo: vigilia di Pasqua all’insegna della super sfida al PalaDozza, dove le due squadre scendono in campo per la 27^ giornata nel girone Est di basket Serie A2 2017-2018. Una partita che vale direttamente il secondo posto, e magari qualcosa di più: Bologna (36 punti) e Montegranaro (34, come Treviso) inseguono la capolista Trieste (38) per vincere il girone e aumentare le loro possibilità nei playoff. L’andata se l’era aggiudicata la Poderosa con uno scarto di 18 punti, che però possono valere il giusto: in caso di vittoria, la Consuntilvest avrebbe poi bisogno di vincere due delle tre partite seguenti per avere la certezza di ottenere almeno la seconda piazza, mentre se dovesse ottenere un successo dai 19 punti in su dovrebbe poi solo infilare un altro successo. Tuttavia il momento storico della Fortitudo non è dei migliori: l’addio di Matteo Boniciolli chiaramente rischia di far pagare dividendi a livello psicologico, soprattutto a sole quattro giornate dal termine della stagione.

IL CONTESTO

Matteo Boniciolli non è più l’allenatore di Bologna: non si può non partire da qui. Dimissioni arrivate però per i noti problemi fisici e di salute che lo hanno colpito nelle ultime settimane; ricorderete che a Jesi (era inizio gennaio) era rimasto seduto per tutto il secondo tempo. Si scoprì poi un malessere che avrebbe richiesto due interventi di otorinolaringoiatria; adesso il coach ha capito di non poter essere più “una risorsa”, per usare le sue parole, e ha lasciato strada. A Gianmarco Pozzecco, tre anni qui da giocatore e già tecnico a Varese quattro stagioni fa (non andò benissimo); nel frattempo Bologna ha perso le ultime tre partite (Ravenna, Treviso e Forlì), non è più in testa al girone Ovest e rischia addirittura di precipitare al quarto posto se non addirittura più in fondo. Ha dimostrato negli anni scorsi che anche questo può non essere un problema, ma come dicevamo prima bisognerà vedere in che modo reagirà la squadra dal punto di vista mentale all’addio di un allenatore profondamente radicato all’ambiente.

Vuole scoprirlo anche una Montegranaro che invece ha vinto le ultime due, ma è anche caduta incredibilmente sul proprio parquet contro Bergamo (una squadra ripescata in questo campionato). Come detto la XL Extralight ha per ora la sfida diretta a favore nei confronti della Fortitudo, ma non con Treviso che è andata a fare il colpo (+21) al PalaSavelli lo scorso mese; questo significa che in un potenziale arrivo in volata la Poderosa avrebbe meno armi da schierare. Ha vinto le ultime due in trasferta, ma in precedenza era caduta per due volte consecutive; squadra ondivaga, che però possiamo ancora considerare come rivelazione della Serie A2.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori