Diretta / Reggio Emilia Brescia (risultato finale 71-75): emozioni fino all’ultimo! (basket Serie A)

- Claudio Franceschini

Diretta Reggio Emilia Brescia: info streaming video e tv, orario e risultato live della partita che al PalaBigi vale come recupero della ventunesima giornata nel campionato di basket A1

Markoishvili_Hunt_Brescia_Reggio_lapresse_2018
Diretta Reggio Emilia Brescia, basket Serie A1 (Foto LaPresse)

DIRETTA REGGIO EMILIA BRESCIA (RISULTATO FINALE 71-75): EMOZIONI FINO ALL’ULTIMO

Reggio Emilia Brescia è stata una gara emozionante fino all’ultimo, lo conferma il risultato finale di 71-75. I padroni di casa sono riusciti a rimanere in gara e anzi l’hanno riaperta con il terzo quarto dopo che erano rimasti sotto all’intervallo di ben quattordici punti. La terza frazione di gioco è stata vinta con nove punti sugli avversari per 22-13. Non è bastato chiudere in vantaggio anche l’ultimo perché con il 21-20 la squadra di casa è riuscita ad avvicinarsi portandosi a quattro punti dagli avversari che nei primi due quarti avevano dimostrato di essere molto più forti dei loro avversari. Tra i migliori c’è stato Wright che è stato l’ultimo ad arrendersi, cercando di dare a Reggio Emilia la possibilità di giocarsela fino alla fine. E’ un successo che da conferme in classifica al Brescia che a 34 punti vola terzo in classifica nella Lega A di basket 2 sotto al Venezia e 4 sotto Olimpia Milano. Per Reggio Emilia invece è ancora una volta un ko che annulla speranze di poter andare ai playoff, anche se la speranza rimane l’ultima a morire. (agg. di Matteo Fantozzi)

INTERVALLO

La gara Reggio Emilia Brescia, valida per la Lega A di basket, è all’intervallo col risultato di 28-42. I padroni di casa hanno fatto meglio della prima frazione di gioco, ma il divario è comunque aumentato. Se il primo quarto era terminato col parziale di 12-21 il secondo si è chiuso con un 16-21. Servirà ora determinazione e attenzione per rimettere una gara in piedi in un momento davvero molto difficile. Reggio Emilia è sotto di 14 punti e non sarà facile andarli a recuperare contro una squadra che in classifica si trova sopra di nove posizioni. Abbiamo visto De Vico giocare con il cuore e lottare per Reggio Emilia, senza poi riuscire però a farsi ascoltare dai suoi compagni di squadra. Sembra proprio che il Brescia stasera abbia una marcia in più anche se c’è da dire che ancora metà partita si deve giocare e molte cose si potranno dire da qui al fischio che sancirà la fine. (agg. di matteo Fantozzi)

1^QUARTO

Arrivati al secondo quarto della gara Reggio Emilia Brescia il risultato è di 15-28. I padroni di casa sono andati fragorosamente sotto dopo la prima frazione di gioco dominata nettamente dal Brescia, chiusa col parziale di 15-30. Non è cambiato al momento la seconda che vede nel parziale i lombardi ancora avanti. C’è ancora molto da giocare e Reggio Emilia può sicuramente provare a reagire per scrivere una storia diversa da quella che stiamo leggendo in questo momento. C’è da dire però che fino a questo momento il Brescia ha dato un’impronta precisa al match e sarà difficile cambiare tutto. Andiamo a dare uno sguardo alle formazioni all’inizio della gara: REGGIO EMILIA – 8 Della V., 11 Markoishvili, 10 Reynolds, 9 White, 12 Wright. All. Menetti. A disposizione: 6 Bonacini, 7 Candi, 14 Cervi, 19 De Vico, 5 Wright. BRESCIA – 4 Hunt, 8 Landry, 2 Moore, 7 Vitali L., 31 Vitali M. All. Diana. A disposizione 20 Fall, 5 Mastellari, 34 Moss, 10 Ortner, 41 Sacchetti, 26 Traini. (agg. di Matteo Fantozzi)

SI PARTE, PALLA A DUE

Siamo arrivati alla palla a due di Reggio Emilia Brescia: le due squadre si erano incrociate sul parquet del PalaGeorge lo scorso 5 novembre, in una situazione nella quale la Leonessa aveva sempre vinto ed era in testa alla classifica di Serie A1 mentre Reggio Emilia, partita malissimo, non aveva conosciuto altro che sconfitte. Anche quel lunch match non aveva fatto eccezione: Brescia aveva aperto la sua partita con un +12 che la Reggiana aveva provato a ribaltare, senza riuscirci e andando incontro al sesto ko consecutivo (79-68). Era stata una grande partita soprattutto per Michele Vitali, autore di 13 punti con 3/4 dall’arco e 4 assist; aveva infilato 12 punti con 5 rimbalzi, 3 assist e 3 stoppate Dario Hunt mentre il miglior realizzatore della Germani era risultato essere il solito Marcus Landry, con 16 punti ma anche 3/9 dal campo (anche 4 palle perse). Reggio Emilia aveva avuto in Julian Wright il suo personale MVP: 21 punti con 9/16, 9 rimbalzi e 4 recuperi a fronte di 4 palle perse che avevano leggermente abbassato il dato della valutazione (24). Amedeo Della Valle aveva chiuso con 18 punti e 6/13 (ma 1/3 dall’arco), 5 assist ma anche 4 palle perse; poi 12 punti di un Manuchar Markoishvili perfetto dall’area ma decisamente meno dalla lunga distanza (2/7). Come andranno le cose nel recupero del PalaBigi? Riuscirà la Grissin Bon a prendersi la rivincita e una vittoria davvero importante? Stiamo per scoprirlo insieme: mettiamoci comodi e diamo la parola al campo, perchè finalmente Reggio Emilia Brescia comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Reggio Emilia Brescia non sarà trasmessa in diretta tv, ma come tutte le partite del campionato di basket Serie A1 è disponibile in diretta streaming video: l’appuntamento è su Eurosport Player, piattaforma per la quale è necessario sottoscrivere un abbonamento così da vedere la programmazione su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone. Ovviamente sul sito ufficiale www.legabasket.it sarà possibile ricevere informazioni utili sulla stagione (per esempio la classifica del torneo) e sulla sfida di questa sera, soprattutto il tabellino play-by-play e le statistiche dei giocatori in campo al PalaBigi.

NUOVO ARRIVO?

Mentre si avvicina Reggio Emilia Brescia, la Germani pensa già ai playoff: ormai certa di partecipare alla post season, la squadra lombarda va a caccia di giocatori che possano aumentare la pericolosità e la qualità del roster. Stando a quanto scrive Bresciaoggi, uno dei nomi forti sarebbe quello di Bryce Cotton: venticinque anni, sa giocare anche come playmaker e ha tanti punti nelle mani, potendo permettere a Luca Vitali e Lee Moore di guardare meno il canestro ed essere ancora più efficaci nella regia. Cotton ha anche esperienza in NBA: dopo il college a Providence e la mancata chiamata al draft del 2014, è andato in D-League negli Austin Spurs e lì si è fatto notare al punto di guadagnarsi un contratto con gli Utah Jazz, dove in 15 partite ha segnato 5,3 punti di media. Brevissima apparizione ai Phoenix Suns, poi due gare ancora ad Austin (13,5 punti) per viaggiare dunque in Cina e ancora in NBA con i Memphis Grizzlies. In un 2016 in cui ha giocato per cinque squadre diverse, Cotton è finito anche all’Anadolu Efes; nel campionato turco si è in qualche modo rilanciato e nel suo 2017 ha aiutato i Perth Wildcats a vincere il campionato australiano, segnando 20,1 punti. Potrebbe davvero essere un elemento utile a una Germani che ha ottime statistiche difensive ma fatica maggiormente nella produzione offensiva (è l’ottavo attacco della Serie A1 con 79,3 punti segnati). (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Reggio Emilia Brescia, che sarà diretta dalla terna arbitrale composta da Enrico Sabetta, Gabriele Bettini e Guido Federico Di Francesco, si gioca alle ore 20:30 di mercoledì 4 aprile; vale come recupero della ventunesima giornata del campionato di basket Serie A1 2017-2018. La partita si sarebbe dovuta giocare nella prima metà di marzo, ma all’epoca la Grissin Bon era impegnata con la Eurocup e dunque ha saltato due gare interne consecutive; la prima di queste è già importantissima per la qualificazione ai playoff, perchè nel frattempo la squadra di Massimiliano Menetti è logicamente rimasta indietro in classifica e deve recuperare terreno, ma soprattutto arriva dalla sconfitta del Mediolanum Forum che l’ha posizionata al dodicesimo posto. Per la Germani vincere significherebbe consolidare la terza piazza, e dunque rimanere in corsa virtualmente anche per la vittoria della regular season; possiamo dire che l’obiettivo della Leonessa sia quello di garantirsi il fattore campo anche nell’eventuale serie di semifinale.

IL CONTESTO

Reggio Emilia rischia seriamente di non fare i playoff: ultimamente è andata molto bene in trasferta, tanto che prima di perdere a Milano aveva messo insieme tra vittorie consecutive. Il girone di ritorno in termini generali è stato positivo, ma la Reggiana arrivava da una situazione difficile e le sconfitte subite da Trento e Olimpia sono sanguinose: al momento la Grissin Bon deve recuperare due partite per arrivare ad agganciare il quartetto formato da Cremona (con la quale deve recuperare), Cantù, Sassari e Torino. Solo due di queste al momento sarebbero tra le prime otto, e tra il gruppetto e la squadra di Menetti si è frapposta anche una Varese che sta volando. Dunque, da qui al termine della stagione servirà essere sostanzialmente perfetti: a questo punto perdere una partita potrebbe voler dire rimanere fuori dai playoff, che ovviamente per una squadra come la Grissin Bon sono considerati un obiettivo minimo. Dal roster è uscito Federici Mussini, che si è unito a Trieste in prestito con opzione sul prossimo anno.

Per Brescia invece la partecipazione ai playoff non è in discussione ma, come abbiamo detto, la Leonessa vuole provare a prendersi il secondo posto così da avere il fattore campo anche per la semifinale, dettaglio che certamente non sarebbe da poco visto l’equilibrio che regna nelle prime posizioni. Alla vigilia di Pasqua la squadra di Andrea Diana ha battuto Cantù mettendo insieme la seconda vittoria consecutiva e la terza nelle ultime quattro; nel girone di ritorno Brescia ha vinto cinque delle otto gare che ha giocato, confermando se non altro il suo passo anche se – come era lecito aspettarsi – ha perso un po’ di quel tono dominante che aveva all’inizio della stagione. Anche così comunque le cose stanno andando benissimo; in trasferta la Germani ha appena battuto Capo d’Orlando e ancora poco più di un mese fa è riuscita a vincere ad Avellino, l’ultima sconfitta esterna è quella di Varese appena prima della sosta per la Coppa Italia ma, da allora, soltanto una volta la squadra lombarda si è allontanata dal PalaGeorge e lo ha fatto dieci giorni fa per andare al PalaSikeliArchivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori