Alberto Bucci è morto/ Lo storico mister del basket italiano aveva 70 anni

- Matteo Fantozzi

Alberto Bucci è morto, lo storico mister del basket italiano avrebbe compiuto 70 anni ad aprile. L’annuncio è stato dato dalla Federazione Italiana Pallacanestro

alberto bucci 2019 lapresse
Alberto Bucci è morto (La Presse)

Alberto Bucci è morto, lo storico mister del basket italiano avrebbe compiuto 70 anni ad aprile. L’annuncio è stato dato direttamente dalla Federazione Italiana Pallacanestro tramite il Presidente Giovanni Petrucci che in una nota ha evidenziato: “La pallacanestro italiana piange la scomparsa di uno dei suoi migliori protagonisti di tutti i tempi. Alberto Bucci ci ha lasciato, 70 anni, allenatore e dal 2006 presidente della Virtus Bologna era membro dell’Italia Basket Hall of fame. Aveva lungamente e con grande coraggio combattuto contro la malattia. Il Presidente FIP Giovanni Petrucci commosso e colpito dalla grave perdita esprime il proprio sentito cordoglio e l’affettuosa vicinanza alla sua famiglia da parte sua e del Consiglio Federale“. Sono numerosi anche i protagonisti che sui social network hanno lanciato numerosi messaggi, specificando la grande voglia di supportare un personaggio che non verrà mai dimenticato.

Alberto Bucci è morto, la sua carriera

Andiamo a conoscere un po’ meglio Alberto Bucci storico allenatore di basket morto oggi. Questi era nato il 25 aprile del 1948 iniziando la sua carriera da tecnico nel 1974 sulla panchina della Fortitudo Bologna. I più grandi successi li ha raggiunti però con la Virtus Bologna che ha guidato dal 1983 al 1985 e dal 1993 al 1997. Con questa è riuscito a vincere tre scudetti, due Coppa Italia e una Supercoppa Italiana. Tra i suoi record c’è quello di aver esordito da giovanissimo come allenatore, quando aveva appena 25 anni. Dal 2015 era nella Italia Basket Hall of Fame ovviamente nella sua categoria. Dall’anno successivo fino ad oggi è stato presidente della Virtus Bologna. Sicuramente lascia un vuoto enorme nel mondo dello sport che lo piange con grande commozione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA