Diretta/ Venezia Trento (risultato 67-57) streaming video Rai: Reyer in scioltezza!

- Claudio Franceschini

Segui Venezia Trento in diretta streaming video: la partita del Taliercio inaugura la serie dei quarti di finale playoff, terzo incrocio consecutivo tra le due squadre in post season.

Washington Bramos Venezia basket lapresse 2018
Video Venezia Sassari (Foto LaPresse)

DIRETTA VENEZIA TRENTO (FINALE 67-57): REYER IN SCIOLTEZZA!

Nessun problema per la Reyer Venezia nel chiudere la partita e aggiudicarsi gara 1 dei quarti di finale dei play off Scudetto di basket contro la Reyer Venezia. 10 punti di scarto alla fine per i padroni di casa che hanno chiuso l’ultimo quarto con il punteggio di 17-15, con Trento che ha dimostrato di non credere più di tanto alla rimonta finale. La partenza sprint aveva illuso Trento, poi Venezia ha preso saldamente il controllo della partita, subendo pochissimo a livello difensivo. 14 punti per Haynes e 13 per Vidmar nello score dei lagunari, mentre Marble tra le fila di Trento si è tolto il platonico sfizio di prendersi la palma di miglior marcatore della partita con 18 punti personali, che non sono però bastati alla Dolomiti Energia per fare risultato a Venezia. (agg. di Fabio Belli)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA PARTITA

La diretta tv di Venezia Trento è prevista su Rai Sport: appuntamento quindi in chiaro per tutti sul canale 57 del vostro televisore, ma anche sul sito www.raiplay.it con PC, tablet o smartphone. In alternativa, l’appuntamento fisso rimane quello con Eurosport Player, il portale che offre ai suoi clienti la possibilità di visionare tutte le partite della stagione di Serie A1 in diretta streaming video. Il sito www.legabasket.it fornirà invece le informazioni utili, soprattutto il tabellino play-by-play e le statistiche dei giocatori in campo e delle squadre. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING VIDEO SU RAIPLAY

SORPASSO LAGUNARE!

Il trend di metà gara è stato rispettato anche nel terzo quarto, conclusosi sul 50-42 in favore della Reyer Venezia contro la Dolomiti Energia Trento, con un parziale di 22-11 che ha confermato le grandi difficoltà degli ospiti nell’esprimersi sotto canestro, mentre Venezia ha fatto il minimo indispensabile giocando una partita fin qui perfetta per due terzi in difesa. In questo scenario è stato sufficiente portare finora solo un giocatore in doppia cifra, Haynes con 10 punti, mentre al momento il miglior marcatore della partita è Marble per Trento con 15 punti, seguito da Gomes con 11. Con 8 punti di vantaggio e con una tendenza di gioco ben chiara, Venezia sembra in grado di gestire gli 8 punti di vantaggio nell’ultimo quarto. (agg. di Fabio Belli)

REAZIONE REYER

Restano molto bassi i ritmi realizzativi tra Venezia e Trento in questa gara 1 dei quarti di finale dei play off Scudetto di basket. Si arriva all’intervallo sul 28-31 in favore degli ospiti. 17-8 il parziale del secondo quarto in favore della Reyer, con le parti che si sono di fatto invertite rispetto al primo quarto, con Trento a dir poco evanescente in attacco e Venezia che ha invece migliorato le proprie percentuali realizzative, riuscendo nel contempo a blindare la difesa, anche se tra le fila della Dolomiti Energia c’è Gomes che è riuscito a spiccare realizzando almeno 9 punti personalmente. Per Venezia il miglior marcatore è De Nicolao con 8 punti messi a segno: a metà partita Trento avanti di 3, ma Venezia sembra in grande ripresa. (agg. di Fabio Belli)

TRENTO CON DECISIONE

Ottimo primo quarto per Trento sul campo di Venezia in questa gara 1 dei quarti di finale dei play off Scudetto di basket. 11-23 il risultato finale del primo quarto con la Reyer che ha sofferto moltissimo in attacco, con la difesa della Dolomiti Energia a tratti implacabile e in grado di fare male agli avversari senza lasciare spazi, ed incassando alla fine solamente 11 punti. Grazie a questa efficienza sotto canestro sugli attacchi avversari Trento ha potuto chiudere il primo quarto con 12 punti di vantaggio senza essere costretto a fare affidamento su singoli particolarmente forti a livello organizzativo, mentre Venezia si affida soprattutto all’ispirazione di De Nicolao nonostante i tanti errori offensivi. (agg. di Fabio Belli)

PALLA A DUE!

Siamo finalmente arrivati alla palla a due di Venezia Trento: l’anno scorso le due squadre, lo abbiamo ricordato ampiamente, si erano incrociati in semifinale dopo il colpo centrato dall’Aquila nella serie contro Avellino. La formazione di Maurizio Buscaglia si presentava senza troppe pretese contro la numero 1 del tabellone che aveva rifilato un 3-0 a Cremona con uno scarto medio di 23 punti; eppure al termine di una gara-1 equilibratissima, e scandita dai 27 punti di Shavon Shields, la Dolomiti Energia espugnava il Taliercio e girava tutta la serie: la Reyer replicava vincendo la seconda partita ma Trento non si faceva sorprendere e, dominando le sfide alla BLM Group Arena, tornava in finale con il 3-1 in saccoccia. I campioni d’Italia finivano la stagione in anticipo e con grande delusione: oggi partono leggermente indietro rispetto ad allora e questo potrebbe essere un bene, perchè le pressioni saranno minori anche se poi tutti sanno che De Raffaele e i suoi ragazzi sono tra i favoriti per lo scudetto. Dunque mettiamoci comodi e lasciamo che a parlare sia il campo: Venezia Trento comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA TRENTO: IL NUMERO 3

La storia di Venezia Trento è racchiusa nel numero tre: per la terza volta consecutiva le due squadre si affrontano ai playoff (prima in finale, poi in semifinale e adesso al primo turno) e, essendo 1-1 come vittoria nelle serie, una delle due si prenderà il vantaggio in questa rivalità. In più, questo sarà il terzo incrocio stagionale e fino a questo momento ha sempre vinto la squadra in trasferta; soprattutto, l’Aquila potrebbe centrare un altro grande traguardo andando a giocare la terza finale scudetto in fila. Prima di allora ci era riuscita soltanto la Mens Sana Siena, nella sua straordinaria striscia tra il 2007 e il 2013 (gli ultimi due titoli sono stati revocati); c’era poi stato il caso della Fortitudo Bologna, tre finali consecutive tra il 1996 e il 1998 e addirittura sette tra il 2000 e il 2006. La squadra emiliana ha portato a casa solo due scudetti (2000 e 2005), e le serie per il tricolore sarebbero potute essere undici in fila se nel 1999 non avesse perso gara-5 contro Treviso.

DIRETTA VENEZIA TRENTO: ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Venezia Trento, partita diretta dagli arbitri Carmelo Paternicò, Alessandro Martolini e Denny Borgioni, si gioca alle ore 20:45 di domenica 19 maggio: siamo arrivati ai playoff, e al Taliercio va in scena gara-1 dei quarti di finale di basket Serie A1 2018-2019. Le due squadre si ritrovano dopo le due entusiasmanti serie playoff nelle ultime stagioni: la prima è valsa lo scudetto per la Reyer, con la seconda l’Aquila ha centrato la seconda finale consecutiva. La Dolomiti Energia, per superare il turno e volare in semifinale, dovrà necessariamente fare un colpo esterno: cosa che era successa proprio nel primo episodio dell’ultima serie, e del resto la squadra di Maurizio Buscaglia non è nuova a grandi imprese. Quest’anno si è qualificata ai playoff all’ultima giornata grazie alla vittoria di Brindisi, ed è diventata la prima squadra nella storia a giocare la post season partendo 0-5 nella regular season. Un altro piccolo capolavoro da parte della società, mentre gli orogranata sono apparsi leggermente affaticati nella parte finale del campionato e, perdendo sul parquet di Cremona, hanno gettato alle ortiche la possibilità di chiudere con il secondo posto. Vedremo allora quello che succederà nella diretta di Venezia Trento: la palla a due di questa partita si alza ormai tra poche ore.

RISULTATI E CONTESTO

Venezia Trento è una partita affascinante: non si possono dimenticare le due serie di cui sopra, che hanno acuito la rivalità e che fanno di questa sfida una sorta di classica del nostro basket. Che la Reyer si qualificasse ai playoff con una delle prime posizioni era scritto, tanto che lo scivolone in terza piazza può essere letto come un risultato deludente: non è un mistero che Walter De Raffaele puntasse alla vittoria della regular season, così non è successo e forse è meglio partire sotto traccia, visto che l’anno scorso per l’appunto Venezia aveva la testa di serie numero 1 ma non aveva raggiunto la finale. Per la seconda stagione consecutiva Trento ha centrato una grande rimonta: brava la dirigenza a continuare a credere in Maurizio Buscaglia, soprattutto nel 2017 quando la situazione sembrava compromessa e invece era arrivata la seconda finale consecutiva. Ora, la Dolomiti Energia ha sostanzialmente fatto lo stesso: inizia i playoff sapendo che sia nei quarti che in semifinale dovrà comunque vincere una partita fuori casa (a meno che non si qualifichi Trieste) ma è quello che l’Aquila aveva fatto nel campionato scorso, dunque ci sono tutte le possibilità per ripetere il grande percorso. Gara-1 rischia già di essere determinante: mettiamoci in trepidante attesa dunque…



© RIPRODUZIONE RISERVATA