Federico Massone/ Dona il midollo alla sorella: la storia del giocatore di basket

- Mauro Mantegazza

Federico Massone dona il midollo alla sorella Marina, affetta da un linfoma: la storia del giocatore di basket di Biella, in Serie A2

federico massone 1280 640x300
Federico Massone con la maglia della Nazionale (da Facebook)

Federico Massone, giocatore di basket che milita in Serie A2 con Biella, merita senza dubbio la qualifica di campione nella vita ancora più che sui campi da gioco. Infatti nello scorso mese di novembre ha donato il midollo alla sorella Marina, che stava combattendo con un linfoma nel sangue. Federico Massone, che compirà 21 anni il 1° maggio, valdostano, è un grande talento del nostro basket, tanto che due anni fa partecipò ai Mondiali di basket Under 21 con la nostra Nazionale, mentre in questa stagione con Biella ha raggiunto i playoff della Serie A2, anche se sabato ha perso gara-1 a Udine per 81-72. In questa storia però la pallacanestro cede spazio all’amore fraterno. Alla fine di maggio dell’anno scorso la sorella di Federico, Marina, fu costretta a rientrare anticipatamente dall’Olanda, dove frequentava il primo anno di Università, per motivi di salute. “Stava male, si sentiva debole ma non riuscivamo a capire cosa avesse. È stata ricoverata un mese ad Aosta e sottoposta a tanti esami”, racconta Massone. Scoperta la causa, cioè un linfoma nel sangue, e scoperta anche la compatibilità immunologica dei due fratelli, Federico non ha avuto dubbi a dire stop al basket per donare il midollo alla sorella.

FEDERICO MASSONE: TRAPIANTO DI STAMINALI PER AIUTARE LA SORELLA

A novembre, quindi, ha avuto luogo il trapianto di staminali. Federico Massone lo racconta così: “Non è stato un vero intervento chirurgico: sono rimasto attaccato ad una macchina per quattro ore, mi veniva prelevato il sangue, separando le staminali, i globuli bianchi e tutto quello che poi è stato trapiantato a mia sorella, e poi il sangue mi veniva immesso dall’altro braccio”. La via della guarigione completa per Marina è cominciata così. Il percorso è ancora lungo, fatto di tanti controlli e dell’impossibilità di frequentale luoghi affollati, ma intanto possiamo dire che la partita della vita è vinta per Marina, e questa è la vittoria più bella anche per Federico. Massone è poi rientrato in campo con Biella a dicembre, nel delicato derby piemontese in trasferta sul campo di Tortona. “Vincemmo anche grazie alla sua prestazione. Una vittoria difficile da dimenticare, per tante ragioni”, ricorda il suo allenatore Michele Carrea.



© RIPRODUZIONE RISERVATA