Probabili formazioni/ Inter Udinese: diretta tv, Gagliardini e Keita titolari? (Serie A 16^ giornata)

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Inter Udinese: a caccia di rivalsa dopo l’eliminazione dalla Champions League, i nerazzurri dovrebbero riproporre Gagliardini e Keita Balde Diao tra i titolari.

Inter_mucchio_Tottenham_gol_lapresse_2018
Probabili formazioni Inter Udinese, Serie A 16^ giornata (Foto LaPresse)

Inter Udinese va in scena alle ore 18:00 di sabato 15 dicembre: è la partita che apre il programma della sedicesima giornata nel campionato di Serie A 2018-2019. I nerazzurri hanno un unico obiettivo: cancellare immediatamente la tremenda delusione di Champions League e riprendere la marcia in patria, dove inseguono il secondo posto del Napoli ma hanno perso slancio dopo aver perso in casa della Juventus. Anche l’Udinese è in cerca di rivalsa, avendo fallito l’appuntamento interno con l’Atalanta; dunque andiamo subito a vedere in che modo i due allenatori potrebbero disporre le loro squadre sul terreno di gioco di San Siro, analizzando nel dettaglio i loro dubbi e le certezze alla vigilia nelle probabili formazioni di Inter Udinese.

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Inter Udinese sarà disponibile in diretta tv soltanto sui canali della televisione satellitare: in particolare gli abbonati potranno rivolgersi a Sky Sport Serie A (numero 202) o Sky Sport 252, ovviamente con la possibilità di assistere alla partita anche in diretta streaming video, utilizzando come di consueto l’applicazione Sky Go che, attivabile su apparecchi mobili quali PC, tablet e smartphone, non comporta costi aggiuntivi.

PROBABILI FORMAZIONI INTER UDINESE

I DUBBI DI SPALLETTI

In Inter Udinese Luciano Spalletti potrebbe cambiare qualche scelta rispetto alla partita di martedì: in difesa pronto a tornare Vrsaljko a destra con Asamoah dall’altra parte, possibile conferma per il tandem centrale formato da De Vrij e Skriniar con il grande ex Handanovic che andrà invece in porta. A centrocampo i dubbi maggiori: Nainggolan ha recuperato ma non è ancora al meglio, dunque in mediana – vista l’assenza di Vecino – potrebbe giostrare Gagliardini che sarebbe mezzala al fianco di Brozovic, con la conferma di Borja Valero sull’altro versante del campo. Siccome però per il campionato è disponibile anche Joao Mario, più probabile il ritorno al 4-2-3-1: il portoghese o lo spagnolo sulla trequarti, dove Keita Baldé può prendere il posto di Politano sulla destra. A sinistra dovrebbe viaggiare nuovamente titolare Perisic, in attacco Icardi il cui gol non è bastato ad evitare l’eliminazione dalla Champions League.

LE SCELTE DI NICOLA

Davide Nicola spera di recuperare Behrami per sabato pomeriggio: con lo svizzero titolare, De Paul andrebbe a giocare a ridosso o al fianco di Lasagna che viene schierato come prima punta, mentre il centrocampo sarebbe completato da Fofana e Mandragora che agirebbero come mezzali. In alternativa uno dei due centrali con l’argentino da interno; sulle corsie laterali invece non cambiano le scelte dell’allenatore, a destra è ormai diventato titolare fisso Ter Avest mentre dall’altra parte spingerà Giuseppe Pezzella. Come sempre la difesa sarà a tre: la comanda Troost-Ekong che giocherà stretto tra Stryger Larsen e Nuytinck, Samir resta fermo ai box mentre, a proposito, ha recuperato Barak ma difficilmente il centrocampista ceco sarà lanciato dal primo minuto.

IL TABELLINO

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Vrsaljko, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Gagliardini, Brozovic; Keita B., Joao Mario, Perisic; Icardi

A disposizione: Padelli, Berni, D’Ambrosio, Ranocchia, Miranda, Candreva, Nainggolan, Borja Valero, Politano, L. Martinez
Allenatore: Luciano Spalletti
Squalificati:
Indisponibili: Dalbert, Vecino

UDINESE (3-5-2): Musso; Stryger Larsen, Troost-Ekong, Nuytinck; Ter Avest, Fofana, Behrami, Mandragora, Giu. Pezzella; De Paul, Lasagna

A disposizione: Scuffet, Nisolas, Opoku, Pontisso, Balic, Barak, D’Alessandro, Machis, Vizeu, Micin, Pussetto
Allenatore: Davide Nicola

Squalificati:
Indisponibili: Samir, Teodorczyk, M. Wague, Badu, Ingelsson







© RIPRODUZIONE RISERVATA