Calciomercato Juventus/ News, Birindelli: il rinnovo di Lichtsteiner è una priorità Oggi 17 novembre 2014 (analisi e commenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Juventus news, analisi e commenti diretta al 17 novembre 2014: il rinnovo di Stephan Lichtsteiner sta diventando un problema, è una priorità anche per Alessandro Birindelli.

albertazzi_lichtsteiner
Stephan Lichtsteiner, 30 anni, svizzero (INFOPHOTO)

Il rinnovo di Stephan Lichtsteiner è sicuramente uno dei motivi di massimo interesse a Torino. Il terzino sembra voler rimanere alla Juventus, ma alle sue condizioni, intanto sono molti i club di tutta Europa che stanno iniziando a bussare alla porta del suo agente. Un altro importante terzino del passato bianconero ha parlato a TuttoMercatoWeb, Alessandro Birindelli ha sottolineato: “Il rinnovo dello svizzero è una priorità, non vedo giocatori al suo livello in giro. La Juve deve anzi trovare un’alternativa oltre a Romulo. Per dare un giudizio su Evra sarebbe meglio aspettare un pò, rimane uno dei migliori esterni sinistri in circolazione. Per competere ad altissimi livelli servono almeno due giocatori per ruolo anche per l’età di alcuni giocatori in rosa”.

, noto direttore dei colleghi di Tuttomercatoweb, ha analizzato la situazione dell’attaccante della Juventus, Carlitos Tevez. Il nazionale argentino ha il contratto in scadenza nel 2016, ma in vista delle prossime sessioni di calciomercato bisognerà fare estrema attenzione alla questione Apache. Secondo Criscitiello, infatti, l’ex Manchester City ha iniziato a mandare messaggi d’amore alla sua Argentina che, come accade spesso e volentieri, potrebbero tramutarsi in addii: «”Mi manca l’Argentina” ha detto Carlitos. Si inizia così a novembre e si finisce con altre tentazioni a maggio – scrive Criscitiello – Marotta non ha bisogno di consigli ma coccolarsi di più Tevez non farebbe male. Quando nessuno credeva più in lui, la Juventus è stata una manna dal cielo; ora che gioca, segna e riconquista la Nazionale ha orizzonti più ampi. E i calciatori non guardano in faccia a nessuno. Non siamo più competitivi sul mercato europeo ed è per questo che perdiamo, ogni estate, più terreno rispetto a Germania, Spagna e tra poco anche alla Francia, oltre il PSG già avanti anni luce grazie ai milioni di investimenti fatti negli ultimi due anni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori