Calciomercato Inter/ News, Grappasonno (ag. FIFA): Fernando a gennaio. Cerci? Se non gioca tornerà… (esclusiva)

Calciomercato Inter news: in esclusiva per IlSussidiario.net, Mattia Grappasonno ha parlato del calciomercato nerazzurro e in particolare della situazione di Alessio Cerci

Cerci22_Atletico
Alessio Cerci, 27 anni, con la sua nuova maglia

L’Inter non vuole perdere altro terreno ma domenica la Roma sarà un avversario terribile da battere. Per il calciomercato di gennaio il tecnico dell’Inter Roberto Mancini cercherà rinforzi importanti soprattutto in attacco. Piace molto Cerci che appare già come un corpo estraneo nell’Atletico Madrid e piace molto a Mancini. L’agente FIFA Mattia Grappasonno ha parlato del calciomercato dell’Inter in esclusiva per IlSussidiario.net.

L’Inter di Mancini farà tanto nel calciomercato di gennaio? Secondo me sì, credo che i nerazzurri vogliano rinforzare la squadra in maniera importante anche perché Mancini non è arrivato per guardare gli altri vincere.

Potrebbe arrivare Fernando a centrocampo: che ne pensa del brasiliano? Giocatore interessante, potrebbe fare bene al centrocampo nerazzurro. In fondo è molto tecnico ed altrettanto giovane, ha solo 22 anni ma ha già assaggiato il calcio europeo con lo Shakhtar.

Affare di calciomercato possibile secondo lei? Potrebbe arrivare subito all’Inter già durante il calciomercato di gennaio. A Mancini servirebbe un calciatore in mezzo al campo anche se su Fernando ci sono altri club italiani.

Attenzione alla situazione di Cerci… Calciatore importante che però in Spagna non sta facendo bene, in fondo nelle grandi squadre ha sempre avuto grossi problemi.

L’Atletico potrebbe lasciarlo andare? Sì, perché con Simeone non c’è tanto spazio per l’italiano che ha bisogno di rilanciarsi anche in chiave Nazionale.

Icardi potrebbe andare via? Credo che molto dipenderà dalle offerte che arriveranno dall’Inghilterra per il calciatore argentino, su di lui ci sono grossi club di Premier League.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori