Calciomercato Milan/ News, Menez svela il retroscena del suo arrivo a Milano Notizie al 22 dicembre (aggiornamenti in diretta)

Calciomercato Milan, Menez scela un retroscena interessante. L’anno scorso gli era stato proposto il rinnovo del contratto con il Paris Saint German, rifiutato per la chiamata di Inzaghi.

22.12.2014 - La Redazione
Inzaghi_indicazioni
Inzaghi, ex Milan (Infophoto)

È di sicuro la sorpresa dell’inizio di stagione rossonera. Il centrocampista francese sta giocando ad alto livello, segnando anche molte reti. Questi a Telefoot ha rivelato alcuni particolari interessanti: “Il Paris Saint German mi propose il rinnovo di contratto a gennaio, avevo già deciso di andarmene a giocare da un’altra parte. Non era una questione di soldi, ma di giocare a calcio. Il telefono ha squillato e mi hanno detto che Galliani e Inzaghi mi volevano vedere. Per me è stato un onore. Ero a Ibiza in vacanza e sono venuti loro lì per parlare con me. Significa che mi volevano veramente. Non ho dato abbastanza in nazionale ed è per questo che al Mondiale non sono stato chiamato. Spero di aprire un nuovo capitolo e sono venuto al Milan anche per questo”. 

C’è anche il Manchester City sulle tracce del fantasista franco-algerino del Lione Nabil Fekir stando a quanto riporta Foot Mercato. Il calciatore dell’Ol è nel mirino del Milan ormai da diverso tempo, un calciatore che potrebbe dare davvero qualità alla manovra della squadra di Filippo Inzaghi. Questi è un trequartista classe 1993 con un contratto che va in scadenza nel 2019, il prezzo del suo cartellino si aggira intorno ai cinque milioni di euro per il portale Transfermarkt.it. Vista la folta concorrenza sul calciatore è probabile che il club francese non accetterà un’offerta sotto i dieci.

Il Milan non pensa solo a gennaio, dove si farà qualcosa ma dove non si stravolgerà la rosa. Per questo i rossoneri puntano su giocatori utili anche in ottica futura e che a giugno possano rafforzare la rosa a disposizione di Filippo Inzaghi. Secondo quanto riportato da SvqFutbol.com i rossoneri a gennaio proveranno a prendere Stephane M’Bia. Il centrocampista camerunense è di proprietà del Queen’s Park Rangers ora in prestito al Siviglia, a giugno però va a parametro zero. Il calciatore potrebbe quindi arrivare a parametro zero l’estate prossima. 

Sta vivendo un’ottima stagione con la maglia dell’Empoli, in Toscana. Il ragazzo, alla prima assoluta da protagonista in Serie A, si trova al Castellani con la formula del prestito, visto che il suo cartellino è suddiviso a metà fra il Milan e il Torino. A fine campionato 2014-2015, come abbiamo sottolineato più volte, la pratica delle compartecipazioni dovrà essere definitivamente abolita e chissà che lo stesso Verdi non possa rimettere piede a Milanello alla luce dell’ottimo campionato fin qui svolto. Intervistato a riguardo nelle scorse ore dai microfoni di Mediaset Premium, il diretto interessato non sembra per ora pensare al Diavolo e al suo futuro: «Possibile ritorno al Milan? Non ci penso, voglio fare bene con l’Empoli e voglio finire la stagione con la maglia azzurra. Preferisco non parlare del mio futuro, penso solo a questa gara che per noi è importante. Il club ha creduto in me, penso solo alla mia squadra».

Futuro incerto per i due attaccanti del Milan Fernando Torres e Giampaolo Pazzini, entrambi alle prese con un presente pieno di dubbi. Infatti il tecnico del Milan Inzaghi sembra non voler puntare su nessuno dei due in vista del futuro rossonero per questo si cercherà di capire se potranno andare via durante il mercato di gennaio. Pazzini ha il contratto in scadenza nel 2015, il Milan non vorrebbe perderlo a parametro zero per questo potrebbe cederlo: Torres gode ancora della fiducia presidenziale ma è chiaro che molto dipenderà da quello che vorrà fare il tecnico Inzaghi.

Nuova idea di calciomercato in casa Milan, tutta argentina. Stando a quanto svelato dai colleghi di Tuttomercatoweb, la società di via Aldo Rossi starebbe guardandosi attorno per rinforzare la retroguardia e fra i nomi caldi vi sarebbe quello di Ramiro Funes Mori. Si tratta di un talento albiceleste classe 1991 che gioca nel River Plate, appunto nel ruolo di centrale. Fratello del più noto Rogelio (nel mirino della Roma), Ramiro è in grado di occupare il cuore della difesa ma all’occorrenza può essere anche schierato sull’out di sinistra, come terzino, una qualità quest’ultima tutt’altro che da valutare visto che Inzaghi sembra non abbia ancora trovato la giusta quadratura del cerchio sulla fascia mancina.

Da tempi il Milan ha trovato l’accordo con il giovane talento del Liverpool Suso che è in scadenza di contratto a giugno con i Reds. Il Milan avrebbe voluto prendere subito il giocatore iberico ma il Liverpool chiede un indennizzo davvero esagerato e i rossoneri non vogliono rischiare di pagare una cifra alta per Suso. Come rivela Tuttosport, i rossoneri sono pronti a prendere il calciatore a giugno a costo zero, l’ennesimo colpo a parametro zero per il dirigente del Milan che ama scommettere su questi giocatori. Suso tra l’altro è molto giovane e rientra perfettamente nei parametri della società milanese.

È l’idea più ricorrente nei pensieri del Milan per quanto riguarda il vice Honda. L’esterno italiano ex Bologna piace molto ai dirigenti rossoneri che stanno cercando un sostituto di Honda a gennaio visto che il giapponese volerà in Coppa d’Asia. Diamanti sarebbe pronto a tornare in Italia decurtandosi anche l’ingaggio ma molto dipenderà da quello che decideranno i dirigenti cinesi che non vogliono perdere il calciatore a costo zero. Nei prossimi giorni potrebbero esserci degli incontri tra le due parti, con Davide Lippi, agente fifa e figlio di Marcello, mediatore della trattativa.

In occasione del calciomercato del 2015 potrebbe consumarsi il divorzio fra il Milan e Nigel De Jong. Il centrocampista olandese ha il contratto in scadenza a giugno dell’anno venturo, ed è un punto fisso dello scacchiere di Inzaghi, ma nei prossimi mesi la situazione potrebbe mutare. Il mister rossonero ha infatti chiesto alla dirigenza un regista di qualità da schierare in mezzo al campo, magari uno fra Baselli e Brozovic, e di conseguenza c’è il rischio che De Jong diventi un surplus. Oggi l’ex Manchester City incontrerà il proprio agente per fare il punto della situazione e la sensazione circolante è che tutto possa succedere. Se mai il divorzio si verificherà, avverrà più probabilmente a giugno e non a gennaio, visto che in quest’ultimo caso Galliani avrebbe l’obbligo di trovare in poco tempo un suo sostituto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori