Calciomercato Milan/ Ultime news, Pettinato (ag. FIFA): Immobile non a gennaio. Pasqual usato sicuro (esclusiva)

- int. Antonio Pettinato

Calciomercato Milan news, in esclusiva per IlSussidiario.net l’agente Fifa Antonio Pettinato ha parlato dei movimenti in attacco: salutato Torres, potrebbero arrivare Destro e Immobile

pasqual_capitano
(INFOPHOTO)

Il Milan in questo calciomercato invernale dopo aver preso Alessio Cerci starebbe pensando all’acquisto di un centravanti visto che è partito Fernando Torres, e nel mirino del calciomercato ci sarebbero sia Mattia Destro sia Ciro Immobile, entrambi giovani e forti ma con un cartellino davvero costoso. Intanto sarà importante rilanciare Stephan El Shaarawy, mentre sul fronte difensivo si pensa sempre a Manuel Pasqual che potrebbe lasciare la Fiorentina già nel calciomercato di gennaio. L’agente Fifa Antonio Pettinato ha parlato del calciomercato Milan in esclusiva per IlSussidiario.net.

Il Milan ha preso Cerci: con lui lotterà per il terzo posto? Assolutamente sì, Cerci è un bel giocatore dotato di un sinistro importante e bravo nell’uno contro uno. Potrà aumentare la qualità del reparto offensivo rossonero.

L’addio di Torres è stato troppo frettoloso? Non credo, dopo qualche mese ha capito che Inzaghi vuole giocare senza un vero centravanti, preferisce puntare sul falso nueve.

Si parla di un forte interesse per Destro… Difficile che il Milan possa spendere una cifra importante per Destro a gennaio, più facile che se ne possa riparlare a giugno.

Stesso discorso per Immobile? Il Borussia Dortmund non vorrà certo cedere l’attaccante a gennaio, in fondo in Champions League sta facendo molto bene. Dovrà però migliorare il suo rendimento in Bundesliga.

Pasqual idea di calciomercato fissa per la sinistra: giusto puntare su di lui? L’usato sicuro va sempre bene, io in effetti punterei su Pasqual che potrebbe anche aiutare il giovane De Sciglio.

Quale futuro per El Shaarawy? Rimarrà al Milan e dimostrerà di essere ancora importante, come ha fatto contro il Real Madrid.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori