Calciomercato Napoli/ News, Ag.Jorginho: Rinnovo? Ha ancora due anni di contratto… Notizie al 12 ottobre (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Napoli news, notizie al 12 ottobre: tutte le trattative, gli affari, le ultime novità sulle operazioni in entrata e in uscita della società azzurra in questi giorni

gamberini_grifo
Gabbiadini, attaccante Napoli (Infophoto)

Il centrocampista italobrasiliano Jorginho sembrava destinato a partire, in un anno e mezzo di Rafa Benitez aveva giocato poco e male. Questo anche perchè lo spagnolo lo schierava poco e fuori posizione nei due davanti alla difesa del suo 4-2-3-1. Con l’arrivo di Maurizio Sarri le prospettive non erano incoraggianti nonostante il tecnico abbia sempre prediletto l’inserimento di un regista in mezzo al campo. Questo perchè Sarri a Napoli s’era portato uno dei suo pupilli, Mirko Valdifiori. Nonostante questo Jorginho si è ritagliato uno spazio importante in questo inizio di campionato. Ne ha parlato il suo agente Joao Santos con accenni anche al rinnovo del contratto. Ecco le sue parole a Radio Kiss Kiss Napoli: “Rinnovo? Ha altri due anni e mezzo di contratto con la società e quando ci sarà la possibilità di prolungare ci metteremo a disposizione per poterlo fare. Non chiederemo nessun aumento al club, la priorità è lavorare e non pensare a questo al momento. Quando meriterà un riconoscimento in quel senso sarà la società a farsi viva. Speriamo di convincere Conte a chiamarlo in nazionale per i prossimi appuntamenti prima degli Europei“.

L’ex calciatore del Napoli, Ciro Muro, ha parlato nelle scorse ore ai microfoni di Tuttomercatoweb, dicendo la sua sull’inizio di stagione positivo della squadra campana. Gli azzurri sembrano aver ingranato la giusta marcia, merito anche del neo-tecnico Maurizio Sarri: «Sarri blindato per 5 anni? Credo sia giusto così – le parole di Muro – è opportuno che un tecnico come lui possa lavorare in pace e con continuità». Un breve excursus anche sul mercato di gennaio, e precisamente sulle possibili cessioni dei calciatori che hanno trovato fin qui poco spazio, come ad esempio Gabbiadini, Strinic ed Henrique: «Gabbiadini? E’ chiaro che vuol giocare – ha proseguito l’ex calciatore del Napoli – ma con questi titolari di adesso è dura. A gennaio probabilmente valuterà le soluzioni giuste. Anche Strinic e Henrique? Adesso Sarri ha trovato la squadra che gira alla perfezione e credo che sia importante non cambiare. Magari potranno tornare utili tra un po’ quando qualcuno può calare».

Fra i calciatori accostati al Napoli in occasione del recente calciomercato estivo, anche il centrocampista Matias Vecino, calciatore di proprietà dell’Empoli ma attualmente in prestito alla Fiorentina. E la Viola affronterà proprio gli azzurri domenica pomeriggio, alle ore 15.00, in quel dello stadio San Paolo. Una gara speciale per il 24enne giocatore uruguagio che di fronte avrà una sua pretendente e nel contempo l’ex tecnico Maurizio Sarri: «Il Napoli? Sarà una partita difficilissima – spiega il sudamericano ai microfoni del Corriere Vicentino – perché loro giocano bene e hanno giocatori molto importanti. E poi c’è mister Sarri che sono sicuro preparerà come sempre la gara in ogni minimo dettaglio. È uno che studia fino in fondo gli avversari, e sarà difficile per noi. Anche noi però siamo in un bel momento e abbiamo un allenatore che prepara al meglio ogni gara. Le voci di mercato estive? C’è stato qualche interesse da parte loro, ma io non ci ho nemmeno mai davvero pensato. Certo, fa piacere sapere di essere apprezzato, ma il mio solo pensiero era ed è giocare nella Fiorentina».

Non lascerà il Napoli durante il calciomercato della prossima estate. Il tecnico del club partenopeo, nonostante nelle scorse settimane abbia firmato un contratto di appena un anno, è praticamente blindato a Castelvolturno. Ad ammetterlo è il presidente della società campana, Aurelio De Laurentiis, che parlando nelle scorse ore ai microfoni di Radio Radio ha spiegato: «Rinnovo Sarri? Ha un contratto con quattro opzioni e quindi è blindato per i prossimi cinque anni. Gli amori si possono anche interrompere e per questo le opzioni aprono a varie possibilità. Quando c’è la cultura dello stare insieme i contratti si fanno per avere delle garanzie, per prevenire prima di curare». Si passa quindi a parlare della qualità della squadra dopo il mercato della scorsa estate: «Io ho sempre creduto che avremmo potuto fare bene – prosegue De Laurentiis – anche quando i tifosi non erano convinti. Loro vogliono i nomi, quelli che si pagano vagonate di milioni. Io ho provato ad offrire molti soldi a Sabatini perRomagnoli ma alla fine non si è fatto niente; stesso discorso per Cairo; volevo Maksimovic e gli offrii 20 milioni. Poi si è fatto anche male…».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori